Il sesso facile ha ucciso l'amore

L'amore nasce dalle fantasie profonde. Si esprime nel sesso, ma non nasce dal sesso

I rapporti fra maschi e femmine negli ultimi vent'anni sono profondamente cambiati. Le donne possono avere rapporti sessuali con chi vogliono senza temere una gravidanza e, poiché si sono accorte che il rapporto sessuale può dare loro molto piacere, quando trovano qualcuno che gli piace lo fanno volentieri. Sanno che l'uomo è molto attratto dal sesso, e, usandolo con abilità, si convincono di potere sedurre qualsiasi uomo. Ma il sesso, se dà molto piacere all'uomo però non basta a creare in lui un sentimento amoroso e tantomeno a farlo innamorare. Gli uomini sono contenti di questa disponibilità femminile perché un tempo per procurarsi il piacere sessuale dovevano sedurle, corteggiarle, spesso fidanzarsi e sposarle. Ora se lo trovano offerto con facilità e ne approfittano.

Ma con il semplice sesso non si legano e qui c'è una differenza con la donna. Per la donna il sesso ha un significato più profondo che per l'uomo. Innanzitutto non lo fa con chiunque ma solo con chi le piace. Poi prendere il corpo dell'uomo dentro di sé, durante le centinaia di migliaia di anni della nostra evoluzione, ha sempre significato potere prendere un figlio da quell'uomo e il circuito cerebrale è rimasto lo stesso. Quindi dopo il sesso la donna vuole l'uomo vicino, abbracciato e un po' lo ama e crede che un po' la ami anche lui, Ma non è vero. Lui si distacca e va via. Lei allora resta delusa.

Ho trovato molte donne che hanno rapporti con tanti uomini ma ne cercano uno capace di tenerezza, di fedeltà, di intimità e di amore. Poi finiscono per attaccarsi a qualcuno che non le ama, che sparisce, ritorna e le tiene nell'incertezza. Magari uno che ha paura di legarsi proprio perché ha conosciuto donne che si concedono con facilità e teme che anche lei lo faccia anche con altri.

Concludendo, quando la nostra società ha fatto del sesso un gioco piacevole e facile, ha messo in crisi l'amore perché questo non nasce dal sesso, anche se si esprime nel sesso. L'amore nasce dalle fantasie profonde, dai sogni, nasce dalle emozioni, dal dolore, dalla conoscenza reciproca, dalla intimità fisica e spirituale, dall'affinità emotiva, dal cuore, dall'anima.

Commenti

senatoreromano

Dom, 14/01/2018 - 17:40

Il sesso!?! È meglio dire l'amore, termine più affine all'uomo (maschio o femmina)Il sesso riguarda più la riproduzione, ed è più del mondo animale. L'amore quello con la A maiuscola è soprattutto responsabilità e anche quella "cosa" che si costruisce e si mette in discussione giorno per giorno. Tutta la babilonia che viviamo adesso è figlia purtroppo del 68 (la "rivoluzione sessuale")di cui male per noi, quest'anno ne festeggiamo i 50 anni!?!

Ritratto di dlux

dlux

Dom, 14/01/2018 - 18:57

La scuola di pensiero sessantottina non ha fatto altro che danni e ne pagheremo le conseguenze per l'eternità...

Ritratto di ateius

ateius

Dom, 14/01/2018 - 19:52

va detta una cosa..cmq per essere chuari. il maschio da sempre ha soddisfatto il proprio piacere sessuale anche senza l'amore.. ma Nessuno hai mai avuto da ridire.- adesso che lo fa anche la Donna, come libera scelta.. sembra che uccida l'amore il Piacere e la vita. sarà anche così.. ma questa "Lezione" andava scritta anche un pò prima.. o no?

adal46

Dom, 14/01/2018 - 19:52

Gira e rigira, la frittata è sempre quella; hanno cercato ogni libertà non sapendo che tutto si paga. Ora paghiamo giustamente i movimenti del 68 e ne avremo uno strascico di alcuni decenni; forse per questo addirittura cambierà, o parzialmente scomparirà, la nostra società che pensavamo di rendere emancipata: invece è solo vecchia.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 14/01/2018 - 21:06

Alberoni:concordo:l'amore si esprime anche nel sesso.Il sesso non genera amore,anzi lo allontana.@senatoreromano:certo il '68 al grido :"l'utero è mio",ha aperto le "porte"!!

emigrante

Lun, 15/01/2018 - 06:31

Oso aggiungere che l'Amore nasce (e poi si nutre) anche dalla stima e dal rispetto. Quest'ultimo non soltanto reciproco, ma anche di sé stessi, e della volontà di tener fede alle promesse fatte all'Altro, consapevoli che tradire la fiducia di Chi ci ama significa imporGli/Le un vero e proprio lutto. Attualmente v'è una terribile mistificazione sul significato stesso della parola Amore; così grande è la confusione, che talvolta mi chiedo se non sia il caso di creare, o di richiamare dal passato, un diverso termine per indicarlo.

levy

Lun, 15/01/2018 - 06:45

Non è vero che l'amore si esprime nel sesso, anche se a volte le due cose coincidono. Per capirci qualcosa secondo me, dobbiamo riportare anacronisticamente il sesso nell'ambito che gli appartiene e per il quale esiste. Ogni deliberata violazione della legge naturale, universale, infallibile ed immutabile, comporta inevitabilmente le sue conseguenze, impedendo la realizzazione della situazione ideale alla quale tutti aspiriamo.

GioZ

Lun, 15/01/2018 - 07:28

Devo dissentire per quanto riguarda il "sesso facile" (ma ognuno poi ha le sue esperienze). Completamente d'accordo con il fatto che le donne si attaccano soprattutto a chi non le ama: come tutti, vogliono possedere ciò che non hanno. E' triste, ma con il tempo e l'esperienza ho imparato la lezione e, con grande sforzo, ho evitato di confermare troppo esplicitamente l'amore che sentivo, proprio per non provocare la fine del rapporto. Che poi finisce comunque, perché al di là delle dichiarazioni il comportamento viene percepito come arrendevole, e a quel punto terminano gli stimoli. E per quanto riguarda i figli, tutto l'amore che una donna può nutrire per il "proprio" uomo (perché di possesso si tratta, in realtà) viene trasferito immediatamente alla prole subito dopo il parto. Fine del rapporto e di tutto.

Emilia65

Lun, 15/01/2018 - 09:08

Mah io tutto questo "sesso facile" non lo vedo. Faccio fatica a farlo con mia moglie.....

Piut

Lun, 15/01/2018 - 09:56

Secondo me il discorso è un altro...l'amore implica e comporta un sacco di aspetti che le persone di quest'epoca non sono più disposte a tollerare e a fare per un'altra persona: rispetto, fedeltà, sacrificio, dare più importanza all'altra persona che non a se stessi...nel sesso (specialmente quello facile) tutto questo non c'è...perché il sesso è stato assunto come simbolo ideale dall'ideologia libertina...e in nome di questa ideologia, io devo fedeltà e rispetto solo a me stesso, il sacrificio, se proprio devo, lo faccio per me stesso!come mettersi l'anima in pace in caso di senso di colpa? semplice, il sesso è stato un uso e consumo reciproco, quindi, tutto a posto!questi sono i frutti delle varie rivoluzioni libertine, e il sesso non è che la punta dell'iceberg...

ANACONDA

Lun, 15/01/2018 - 11:28

Son dell'avviso che, ora anche se non è più per forza il matrimonio, generalmente, non si concedon per nulla, come fanno noi uomini, ma anche ottenere quacos'altro: tranne se sei alto palestrato , biondo con gli occhi azzurri, forse, ma sono il 2-3% della fauna maschile. Riassumendo: una volta (il sesso) era per la procreazione, facevi un bene alla società, diventavi vecchio per ringiovanire la comunità mentre oggi è per la ricreazione, fai un bene a te stesso, ma se lo condividi pienamente, e qui si fa sempre più dura, in quanto dilagano egoismo, pornografia, prostituzione come non mai; la società invecchia nel complesso; e qui la "rivoluzione sessuale" dimostra tutto il suo fallimento.

Ritratto di beatoangelico

beatoangelico

Lun, 15/01/2018 - 12:18

Le rivoluzioni sessantottine avevano per unico scopo la distruzione della società tradizionale tramite la perversione dei costumi e la ribellione all'autorità, a cominciare dai padri. La femmina da moglie e madre avrebbe cercato fuori delle mura domestiche la propria "realizzazione", ovviamente rinunciando al proprio ruolo naturale. Non si sono rese conto che la loro "emancipazione" doveva passare per l'aborto e la denatalità, la separazione e il divorzio, ed infine la liberalizzazione sessuale, la promiscuità dei rapporti, la rinuncia alla responsabilità familiare e coniugale. Nelle società tradizionali la famiglia grazie alla madre era un nucleo autonomo ed autosufficiente: niente asili nido, niente baby sitter, niente ospizi per far morire i vecchi lontani dai loro affetti. Donne liberate, una bella conquiste della modernità…peccato che ora non solo loro ne pagano caro il prezzo…e più di una vorrebbe ritornare al passato.