Sesso con gli studenti: 11 anni al prof ​di Costigliole Saluzzo

È arrivata la condanna per Fabrizio Pellegrino, accusato di violenza sessuale, prostituzione minorile e pedopornografia

Dovrà scontare undici anni e 4 mesi di prigione Fabrizio Pellegrino, 51 anni, ex insegnante alle Medie di Costigliole Saluzzo, in provincia di Cuneo, ed ex presidente dell’associazione culturale Marcovaldo di Caraglio. L’uomo è in carcere dall’8 agosto con l’accusa di violenza sessuale, prostituzione minorile e pedopornografia. Diciannove le vittime (sei ragazzi si sono costituiti parte civile), per fatti che si sarebbero verificati fino al 2010. La sentenza è stata pronunciata dal giudice del tribunale di Torino Cristiano Trevisan, al termine del processo che si è svolto con rito abbreviato.

Pellegrino è stato anche condannato a pagare 50 mila euro di multa, 15 mila euro di risarcimento danni per ciascuna delle sei parti civili e, nei suoi confronti, è stato attuato il sequestro conservativo di beni immobili e denaro, per un valore complessivo di 300 mila euro.

I Pm Patrizia Gambardella e Laura Ruffino, titolari dell'inchiesta, avevano chiesto una condanna a 14 anni di carcere e 40 mila euro di multa; le parti civili 400 mila euro di risarcimenti.

I difensori dell'imputato, gli avvocati torinesi Emiliana Olivieri e Luca Dalla Torre, avevano invece chiesto l'assoluzione dalle gravi accuse di violenza sessuale e induzione alla prostituzione: "Fabrizio Pellegrino non ha abusato dei suoi allievi", avevano sostenuto invano davanti al gup.

Al professore, secondo una nota diffusa subito dopo l'arresto, la Procura torinese contesta "i molteplici rapporti intrattenuti con minorenni avvicinati dal medesimo anche nella propria qualità di presidente dell'associazione 'Marcovaldo'. Gli inquirenti, hanno sequestrato "significativa documetazione riguardante gli incontri nel corso dei quali venivano consumati atti sessuali a pagamento".

Commenti

simone64

Lun, 16/03/2015 - 15:02

Bene,ben fatto. Pedopiemontese della malora

Toraccio

Lun, 16/03/2015 - 17:42

Mi pare una sentenza molto severa. Se fosse stato un mafioso, un politico colluso, un assassino extracomunitario, una donna, la pena sarebbe stata tutt'altra, ammesso fosse stato condannato.

Ritratto di Morpheus10

Morpheus10

Mar, 17/03/2015 - 23:29

Francamente è una pena esagerata per rapporti comunque consenzienti, l'idea che ragazze di 16, 17 anni sono comunque innocenti e manipolate è falsa, sanno bene quello che fanno, Non è possibile che in un paese dove la prostituzione non è reato fare regali a una minorenne diventi prostituzione minorile tanto da farsi 11 anni di galera. Non c'è proporzione, per uno stupro avrebbero dato di meno.

little hawks

Mer, 11/11/2015 - 15:55

Si tratta sicuramente di CUL - TURA! Dove sta il problema per un docente?