Firenze, pusher stranieri aggrediscono donna e disabile

Esasperati i residenti, costretti ad assistere troppo spesso a scene di violenza gratuita di questo tipo ed a ricevere addirittura minacce di morte

Ennesimo caso di violenza a Firenze, avvenuto nella notte tra sabato e domenica in via Palazzuolo: la strada, che mette in collegamento piazza Santa Maria Novella e Porta al Prato, era già tristemente nota alle forze dell’ordine per esser stata in altre occasioni teatro di episodi di questo genere.

La vicenda si svolge intorno alle due del mattino ed è stata documentata da alcune immagini video registrate in presa diretta: tutto parte da una violenta rissa che ha visto coinvolte due bande rivali di spacciatori, una composta da nordafricani e l’altra da cittadini dell’Est Europa.

A questo punto, secondo la ricostruzione dei fatti, una ragazza di 24 anni, ferma in auto con un’altra persona, avrebbe chiamato il 113 per segnalare la rabbiosa colluttazione. Un gesto decisamente comprensibile, ma che ha finito col mettere in pericolo lei ed il suo amico disabile. Infatti qualcuno dei facinorosi, evidentemente, si rende conto di cosa la giovane sta facendo e, fiutato il pericolo, abbandona la rissa e si avvicina alla vettura con fare minaccioso.

Ed è qui che iniziano le immagini video riprese col cellulare da alcuni residenti, stanchi di dover assistere sempre alle stesse scene e di vivere in ostaggio della paura.

Uno dei malviventi afferra per il collo il conducente dell’auto, come abbiamo detto un disabile, e senza timore la ragazza scende dal veicolo per cercare di proteggerlo, mettendosi fra l’uomo ed i pusher; si sentono chiaramente le sue urla indignate: “È disabile, cosa fate, vi rendete conto”.

La 24enne viene quindi strattonata ma cerca comunque di reagire, schiaffeggiando uno degli stranieri, prima di venire a sua volta colpita e scaraventata a terra.

Per nulla preoccupati di quanto appena fatto, gli spacciatori riprendono a pestarsi solo qualche metro più avanti, come si vede chiaramente dal video: si assiste ad un brutale due contro uno, mentre gli avventori di un locale osservano attoniti la scena.

“Siamo stanchi, ci sentiamo abbandonati, riconosciamo la vicinanza della polizia, i cui controlli sono di sicuro aumentati, ma non basta”, dichiara il portavoce del comitato Palomar Palazzuolo Andrea Boccacelli a "La Nazione". “Le donne hanno paura a rientrare in casa, i ragazzi a uscire. Non è vita. Che qualcuno intervenga seriamente prima che qualcuno si faccia male o succeda qualcosa di molto più grave”.

Commenti

Italiano-

Mar, 26/06/2018 - 20:41

Rimpatrio immediato a casa loro, senza poter tornare in Italia. Grazie

jenablindata

Mar, 26/06/2018 - 22:59

risolviamo facile: al primo reato di qualsiasi tipo (compresa una multa non pagata) scatta il rimpatrio forzoso e la galera più il rimpatrio se cercano di rientrare. e vedrai come vanno via belli tranquilli,dopo....

Ritratto di frank60

frank60

Mer, 27/06/2018 - 04:18

Tranquilli ci pensa Nardella!

istituto

Mer, 27/06/2018 - 08:53

Ma a Firenze i cittadini hanno SEMPRE votato a SINISTRA, hanno quindi voluto sempre la bicicletta.........

dagoleo

Mer, 27/06/2018 - 12:12

Sono le risorse della Baldrina. Perchè non chiamate lei. Le conosce tutte ed agogna che i loro costumi in futuro diventino anche i nostri. Forse se ci parla lei l'ascoltano.