Si addormenta sul materassino e si ritrova dall'altra parte dello Stretto: calabrese in salvo

Un 28enne di Reggio Calabria è stato recuperato dalla Guardia Costiera al largo del litorale di Scilla dopo essersi addormentato sul materassino

Si addormenta sul materassino davanti alla spiaggia di Scilla e si risveglia a Messina. Si chiama Luigi Vazzana il ragazzo di Reggio Calabria che ieri notte si è perso finendo alla deriva nelle acque dello Stretto di Messina. Il 28enne è stato ritrovato nella notte a due miglia dalla costa dopo nove ore di ricerca ancora aggrappato al materassino.

Di sicuro Vazzana ha colpevolmente sottovalutato le correnti dello Stretto. Si era assopito a una decina di metri dalla battigia, quando si è lasciato completamente andare a un sonno profondo. A dare l'allarme un amico insieme ai genitori che alle 19.45, non scorgendolo più in mare, hanno avvertito la Capitaneria di Porto. Immediatamente si sono attivati i soccorsi, con quattro motovedette a battere le acque e due velivoli di Polizia e della Guardia Costiera a sorvolare l'area delle ricerche, rese complicate anche dall'avanzare del buio, come riportato dalla stampa locale.

Il 28enne è stato rintracciato a due miglia dal litorale calabrese e riportato sano e salvo a terra. Dopo un controllo delle condizioni di salute dei medici del 118, Vazzana ha potuto riabbracciare amici e parenti. Una brutta avventura su cui per fortuna potrà scherzare.

Commenti

dagoleo

Lun, 19/08/2019 - 10:12

secondo me è tutta una colossale balla, inventata per fare notizia. non ci credo per niente. adesso stò furbone rilascerà qualche intervista a pagamento e magari ci scriverà su un libro. e qualche babbeo se lo comprerà pure.