Si masturba davanti ai bimbi Il giudice assolve un moldavo

Masturbarsi di fronte ai bambini si può: la Cassazione assolve un moldavo arrestato in flagranza di reato mentre si masturbava in un parco pubblico

Può masturbarsi di fronte ai ragazzine minorenni. In Italia, a quanto pare, sembra essere permesso pure questo. Il moldavo, come riporta Libero, era solito avvicinare ragazzine minorenni e masturbarsi di fronte a loro: una volta al parco, una in macchina e poi ancora per strada. Davanti a tutti.

Il moldavo di cui sopra è stato beccato ben tre volte in flagranza do reato e portato di fronte a un giudice per essere giudicato. Condannato in primo e in secondo grado, la corte di cassazione ha ben pensato di assolverlo. Secondo quanto scrive Cristina Lodi su Libero, il motivo dell'assoluzione sta nel fatto che "quegli atti di autoerotismo deliberato e stimolato dalle minorenni, li ha sì consapevolmente messi in scena davanti alle stesse che (anzi) ha appositamente cercato (come riconoscono i giudici), ma lo merita ugualmente di essere assolto, proprio perché quegli stessi atti li ha consumati al parco. E poi per strada, in macchina e non certo in un luogo (per usare le arole del legislatore) «abitualmente frequentato dalle sue vittime»".

Capito? Il problema non è quello che ha fatto, ma dove l'ha fatto. Cioè in strada. Verrebbe da pensare, allora, che sia lecito masturbarsi di fronte a delle ragazzine, in strada o al parco, tanto nessuna toga ti condannerà mai. Come riporta Libero, nella sentenza è scritto che "'nel caso in questione, la condotta dell’uomo, sebbene veda come soggetti passivi delle condotte delle bambine o comunque delle adolescenti, non è stata realizzata, come locus commissi delicti' ossia in un ambito territoriale 'abitualmente frequentato da minori' come, invece, impone 'il secondo comma dell’articolo 527 c.p., affinché il compimento di atti osceni conservi la sua rilevanza penale'".

Insomma: non essendosi masturbato di fronte ad un asilo o a una scuola, abitualmente frequentati dalle bambine, quindi niente pena. Come spiega la corte, infatti, "anche se la nozione di luogo “abitualmente frequentato da minori”, va tenuta distinta da quella di “prevalentemente frequentato da minori”, essa deve comunque intendersi un luogo connotato da una frequentazione nel senso di una certa sua “elettività e sistematicità”, tale da fare ritenere “abituale”, quindi “attesa” ovvero “prevista” sulla base di una valutazione significativamente probabilistica, la specifica presenza di minori in tale ubicazione". Chiarissimo. Conclusione: Moldavo libero di tornare a masturbarsi di fronte alle bambine. Se la caverà con una multa.

Commenti
Ritratto di alejob

alejob

Sab, 24/06/2017 - 16:07

Se invece di un Moldavo era un Italiano e magari possidente, gli portavano via beni, casa, patrimoni e il processo durava minimo una decina di anni. In tutta Europa i giudici sanno come funzione la giustizia Italiana. Ad un seminario in Germania negli anni settanta, alla mia richiesta, se nel loro paese arrivavano sempre alla verità e giustizia mi risposero (CI PROVIAMO). Poi il Relatore aggiunse : In Italia a nessun Giudice e Avvocato interessa la Verità o la giustizia, INTERESSANO SOLO LE UDIENZE, E' DA QUESTE CHE SI FANNO I SOLDI. Un immigrato di qualsiasi nazionalità, metterlo in prigione costa soldi e da lui non si ricava niente, da un Italiano invece, si ricavano decine di Migliaia anche se è INNOCENTE. Questo è quanto mi hanno saputo dire e purtroppo QUESTA è LA VERITA'.

Il-Discrimine

Sab, 24/06/2017 - 16:09

Siamo una Civiltà Libera no? ognuno può fare quello che vuole. Che bella questa nostra civiltà, che bei valori, che apertura mentale, che progresso invidiabile, basta con i tabù e le proibizioni, basta con la morale, l'etica, il buonsenso, rispetto degli altri, valori vecchi e passati di moda. Cosa si dovrà ancora vedere e sentire....

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 24/06/2017 - 16:12

Eh, si , la legge parla chiaro, se è un moldavo...

lollofalloppo

Sab, 24/06/2017 - 16:28

da brivido....

bobots1

Sab, 24/06/2017 - 16:36

Ora mi chiedo: cosa ce ne facciamo di una persona come questa in Italia? Siamo comunque costretti ad ospitarlo o è permesso espellerlo?

ziobeppe1951

Sab, 24/06/2017 - 16:53

mi piacerebbe sapere quanto ha pagato (e se ha pagato) la sanzione amministrativa

Ritratto di mbferno

mbferno

Sab, 24/06/2017 - 17:03

Ma,mi domando, il reato di atti osceni in luogo pubblico esiste ancora o e'gia andato in pensione?

Alessio2012

Sab, 24/06/2017 - 17:34

Per fortuna con lo Ius Soli questi personaggi saranno italiani come noi. Manca poco...

Ritratto di elkid

elkid

Sab, 24/06/2017 - 17:39

---i magistrati applicano le leggi---non è colpa loro se il reato di atti osceni è stato depenalizzato ed alla sanzione penale è stata sostituita una sanzione amministrativa--è vero però quanto dice il giornalista--se gli atti osceni vengono compiuti davanti a scuole o in luoghi abitualmente frequentati da soggetti minorenni la condotta continua ad essere considerata reato per la quale resta la sanzione penale con la reclusione da 4 mesi a 4 anni-swag

Ritratto di gianniverde

Anonimo (non verificato)

Korintos

Sab, 24/06/2017 - 17:53

Sarà un Giudice segaiolo. Che si può pensare d'altro?

moshe

Sab, 24/06/2017 - 17:59

Non c'è da meravigliarsi, un giudice è ..... un giudice ..... poi però non si lamentino se sono odiati dagli italiani !

ciruzzu

Sab, 24/06/2017 - 18:00

Giustificazione e promozione della pedofilia da parte dello stato.

Giacinto49

Sab, 24/06/2017 - 18:07

Se si riconosce, da parte dei giudici, che sia andato a cercarle, che importanza ha la frequentazione abituale dei luoghi? O volevate dire che sono le ragazzine che hanno cercato lui?

polonio210

Sab, 24/06/2017 - 18:09

In un paese civile un individuo simile veniva arrestato,portato a processo,condannato a svariati anni di detenzione ed inserito nell'elenco dei criminali sessuali con obbligo,dopo avere scontato la pena per intero,a comunicare alle forze dell'ordine i suoi spostamenti,a stare lontano da tutti i luoghi frequentati da minori e,tutto ciò,per tutta la sua vita.Questo paese civile sono gli Stati Uniti.

PasqualeBilancia

Sab, 24/06/2017 - 18:10

Il problema è la modifica dell' art. 527 c.p. (atti osceni) voluta dal Governo Renzi nel 2016: il primo comma, atti osceni in luogo pubblico, è stato depenalizzato e ridotto ad illecito amministrativo, che prevede la sanzione da 5.000 a 30.000 euro. Il comma secondo prevede come reato il fatto osceno se commesso in luoghi abitualmente frequentati da minori (come le scuole). Poichè il fatto è accaduto in un parco pubblico, che i minori frequentano occasionalmente, esso non costituisce più reato. Grazie Renzi, anche per questo...

Anonimo (non verificato)

zadina

Sab, 24/06/2017 - 18:18

E poi si stupiscono se gli Italiani non anno più fiducia nella giustizia ascoltando cere sentenze insopportabili.

rudyger

Sab, 24/06/2017 - 18:18

il giudice interpreta la legge secondo i c.... suoi. il giudice monocratico va abolito. a questi giudici bisognerebbe tagliare loro i c.......

bozzolik

Sab, 24/06/2017 - 18:33

forse anche il giudice si masturba davanti alle bambine

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 24/06/2017 - 23:15

per forza in un Paese anarchico, questa è lbertà.

lonesomewolf

Dom, 25/06/2017 - 02:53

Se ci fosse stata mia figlia da piccola, al moldavo gli avrei cambiato i connotati, inclusi quelli in basso...

un_infiltrato

Dom, 25/06/2017 - 07:43

Siamo alla follia totale. Chi di dovere intervenga. Si è passato il segno. Non se ne può più.

maurizio50

Dom, 25/06/2017 - 08:23

PasqualeBilancia@. Analisi perfetta. Il responsabile di tanto scempio è il governo di Renzi, con il Ministro della Giustizia che faceva , come ancora fa, il portaordini dell'ANM. Chi comanda in Italia, infatti, sono i Giudici. Lo sanno anche i sassi!!!

Ritratto di filatelico

filatelico

Dom, 25/06/2017 - 08:27

Tutti devono rispettare le leggi e quindi va condannato insieme al giudice incapace !!!

acam

Dom, 25/06/2017 - 08:32

Prima di disquisire su un errore cerchiamo i nostri "ma lo merita ugualmente di essere assolto" il correttore automatico fa troppo spesso cilecca, vediamo di metterci un professionista che ancora è molto meglio. Poi la Legge recita "atti osceni" in "Luogo pubblico" e da una pena, il primo errore della Cassazione è l'acrobatica definizione del luogo, i parchi, i giardinetti, i vicoletti ed equiparabili sono tutti luoghi pubblici, forse le strade private vi sfuggono. L'altro errore è lo sminuimento dell'atto di masturbarsi. Se la cassazione preposta a sindacare le pene non è preposta a sindacare il significato della lingua italiana, tale corte potrà essere propensa a mistificare il significato di uomo e donna da cui tutti questi principi prendono origine. Solo il parlamento è preposto alla definizione di tali ruoli e ne ha assoluta responsabilità quindi il popolo farà attenzione chi votare.

acam

Dom, 25/06/2017 - 08:38

rudyger Sab, 24/06/2017 - 18:18 che dici? quanti litri hai bevuto insieme al cervello? questo crimine non è tema del giudice monocratico ma bensì di una corte ordinaria perché delitto contro la morale pubblica e non contro un bene o avere di un individuo.

Ritratto di nando49

nando49

Dom, 25/06/2017 - 09:38

Ecco perché la delinquenza europea ed extracomunitaria si sono trasferite nel nostro paese.

VittorioMar

Dom, 25/06/2017 - 09:43

...SI DOVREBBE SAPERE E CAPIRE SE ERA IN GRADO DI INTENDERE E DI VOLERE O SE SOTTO EFFETTO DI QUALCHE SOSTANZA VOLATILE.....NON IL MOLDAVO !!!

Cedro

Dom, 25/06/2017 - 09:50

La sinistra sta distrugendo il nostro sentimento di appartenenza ad una comunita`. I giudici stanno contribuendo a distruggere la nostra dignita`. Privati di questi punti di riferimento saremo piu fragili. Queste sono alcune delle armi usate per imporci la globalizzazione.

risorgimento2015

Dom, 25/06/2017 - 10:05

Io sono d`accordo con"lonesomewolf" La giustizia te la fai da te. Percio se I parenti sanno dove questo sottospecie bivacca ,andate e rivoltatelo come in petalino (calzino).`