Sindaco grillino spegne wifi a scuola: "Pericoloso, lo dice internet"

Il primo cittadino di Borgofranco (Ivrea) contro le onde elettromagnetiche: "Forse sono pericolose, l’ho letto sul web. Applico il principio di precauzione"

Computer e Internet

Ma il Movimento Cinque Stelle non era il partito (movimento, pardon) di internet, quello della generazione sempre connessa, quello del Blog di Grillo perennemente online? A quanto pare, non sempre. Livio Tola, sindaco di Borgofranco (Ivrea) e simpatizzante grillino, infatti, ha deciso di spegnere il wifi nelle scuole della sua città. Il motivo? Ha paura che le onde elettromagnetiche possano danneggiare la salute della gioventù di Borgofranco. E così ha spento la connessione veloce, d'accordo con la giunta, per tornare all'ormai obsoleto sistema Isdn.

Lasciamo da parte il fatto che il governo avrebbe approvato i finanziamenti, sorretti da fondi Ue, per ampliare il sistema informatico delle scuole. "Noi non siamo contrari alla tecnologia – racconta infatti il primo cittadino alla Stampa, che ha raccolto la storia -. La nostra è una scelta basata sul principio di precauzione". Precauzione. E Perché? "Non siamo in grado di dire con certezza - precisa Tola - se le onde elettromagnetiche siano dannose oppure no, abbiamo letto molte cose in proposito sul web e sappiamo che alcuni Comuni hanno già adottato questo provvedimento".

Ecco. Quello che stupisce, è che il sindaco grillino come fonte da cui ha fatto sorgere la sua decisione cita proprio quel generico web che ha tolto, di fatto, alle scuole. La direttrice didattica della scuola del paese, Alessandra Bongianino, è rimasta senza parole. Non ha commentato la decisione della giunta, ma ha dovuto spegnere i router.

Viene da chiedersi, peraltro, per quale motivo negare il wi-fi nelle scuole quando praticamente tutti gli altri edifici, anche pubblici, ne sono dotati. Ed è quello che ha fatto notare Fausto Francisca, ex sindaco ora all'opposizione, quando è scoppiata la polemica politica sul caso. Polemica sostenuta anche dalle evidenze scientifiche. La Stampa ha infatti contattato un ingegnere del politecnico di Torino, esperto in onde elettromagnetiche, Daniele Trinchero: "Un’apparecchiatura wi-fi a norma - ha detto - ha una potenza di trasmissione che oscilla fra i 30 e i 40 milliwatt. Un cellulare, ne raggiunge 300. E se ce ne sono più di uno nella stanza le frequenze si sommano, mentre il passaggio dei dati con il wi-fi, oltre a non essere continuativo, non può mai superare la potenza massima".

Ma il sindaco grillino, invece di sentire un esperto, ha preferito affidarsi al web. Chissà se adesso deciderà di togliere anche i cellulari ai bambini.

Annunci
Commenti

aurius

Ven, 08/01/2016 - 10:30

Questa volta devo dare ragione al grillino. Esistono raccomandazioni chiare anche da perte del Consiglio d'Europa e già da qualche anno che raccomanda di utilizzare connessioni cablate nelel scuolae....almeno i bambini lasciamoli stare...anche l'amianto 50 anni fa era una cosa utilizzatissima di cui nessuno dubitava.

denteavvelenato

Ven, 08/01/2016 - 11:33

Eh già, voi preferite sicuramente quelli che pur sapendo della pericolosità dell'eternit, ci continuavano a lucrare sopra

marygio

Ven, 08/01/2016 - 12:22

pericoloso anche trombare: aids epatiti funghi parassiti...sifide. VIETATO TROMBARE

Carlo_Rovelli

Ven, 08/01/2016 - 12:27

Non é una follia, é completamente sensato. Gli allievi di una scuola devono concentrarsi sull'apprendimento, qui in Italia c'é un lassismo totale e tutti questi ragazzi fanno quello che gli pare. In Giappone il wi-fi é proibito nelle scuole e rigorosamente controllato nelle università, aziende e altri luoghi di lavoro. Invece é completamente libero e gratuito in stazioni, aeroporti e luoghi di svago. Serve disciplina in Italia!

NeroBlack

Ven, 08/01/2016 - 12:30

Simpatizzante grillino???? ma perchè non mettono tifoso interista o appassionato di film porno? Questi qui non ci sono più con la testa.

morgoth

Ven, 08/01/2016 - 12:48

A parte il fatto che ai bambini il cellulare non va dato, che comunque a scuola non si può portare, non capisco perchè per spegnere i wifi occorra tornare alle isdn, ovviamente sostituendo i router adsl perchè non compatibili. Bastava semplicemente disattivare il wifi e rimanere con l'adsl... boh. Chissà poi dove hanno trovato un router isdn!

no_balls

Ven, 08/01/2016 - 13:23

La follia e' invece di chi parla di ultima follia dei grillini... Il principio di precauzione nei bambini e' sacrosanto.... Personalmente nelle scuole elementari dove oramai tutti i bambini hanno un cellulare obbligherei a tenerli spenti.... Le onde elettromagnetiche non sono salutari per il cervello in formazione di un bambino........ Dopodiche' degli illustri commenti degli scienziati me ne sto allegramente infischiando. Almeno fin quando nessuno di loro sia sovvenzionato o riceva viaggi gratis per corsi di formazione e altro ... da industrie farmaceutiche...del tabacco...e da chi in generale fa bussiness.

Alessandro84

Ven, 08/01/2016 - 13:52

Pare che abbiano fatto una rapina a mano armata a Roma. Il criminale era compagno di classe di Di Maio quando faceva le elementari, perché non date la notizia?

Ritratto di drazen

drazen

Ven, 08/01/2016 - 14:14

Mai letto tante cretinate tutte assieme! Fanno il paio con i "comuni denuclearizzati": siamo circondati da centrali nucleari e da onde elettromagnetiche, trasmissioni radio, video, telepass, telefonini, telecomandi, videocitofoni, ecc. ecc.

Rainulfo

Ven, 08/01/2016 - 15:13

ma che cavolate scrivete isdn invece di wifi? ma avete bevuto? semmai cablatura ethernet...

Massimo Bocci

Ven, 08/01/2016 - 15:47

Ha ragione l'insetto, non vorrete che qualche fanciullo caso mai in terza elementare (o prima), gli faccia concorrenza sul blog e soprattutto li superi (nelle castronerie), potrebbero subirne uno shock..... anafilattico, ed essere vaccinati per sempre dalle castronerie di insetti e ciarlatani,e pensare che qualche MASOCHISTA,per sentirle paga anche il biglietto.

monati50

Ven, 08/01/2016 - 16:15

CARTALDO...ti risulta eletto come M5S il sindaco LIVIO TOLA oppure fa parte, ed eletto, della lista civica "INSIEME PER BORGOFRANCO" come da indicazioni dello stesso comune e del proprio sito. Chiariscici!

dispater

Ven, 08/01/2016 - 16:57

con la confusione tra wifi e isdn ... l'articolista è ben più ignorante del "simpatizzante grillino" !!!

vince50

Ven, 08/01/2016 - 17:43

A casa mia da anni si fa uso del wifi,siamo morti tutti.Ma fatela finita per favore.Il sig.grillino e chi per esso,non ha neppure la più pallida idea della enorme quantità di onde alettromagnetiche siamo invasi.L'elenco sarebbe lunghissimo,però se lo ha letto sul web capisco.

gallieno ferri

Ven, 08/01/2016 - 17:44

avete un po' stufato. qualsiasi cosa faccia uno di m5s siete contro.a prescindere. che noia.

conpazienza

Ven, 08/01/2016 - 19:57

egregio Claudio Cartaldo leggendo questo e altri articoli.... capisco perchè in italia siamo al 75° posto per libertà (e aggiungo io) e imparzialità di stampa ;)

morgoth

Ven, 08/01/2016 - 20:18

AHAHAHAHAHHA quanti strafalcioni in questo articolo!