"Il sistema tutor è illegitimo, le multe sono da annulare"

La riorganizzazione di Autostrade per l'Italia potrebbe rendere carta streccia le multe prese con il tutor. Una sentenza del giudice di pace di Terni ha definito lo strumento di rilevazione "contro la legge"

Vittime del tutor sull'autostrada? Ora potete sorridere. Una sentenza emessa lo scorso 8 febbraio dal giudice di pace di Terni ha annulato un verbale per violazione del limite di velocità. La motivazione è chiara, il tutor sarebbe contro la legge.

Una decisione - come spiega il mensile Quattroruote - che ha come base la riorganizzazione della società Autostrade per l’Italia. Questa ha sviluppato lo strumento per verificare e rilevare la velocità degli automobilisti sulla strade italiane. Come riporta BresciaToday, nel 2010 Autostrade Tech è subentrata ad Autostrade per l’Italia nelle attività di gestione e controllo del traffico e dei sistemi di controllo, tra cui ricade il tutor. Il passaggio è stato approvato dal ministero delle Infrastrutture, lo stesso organo istituzionale che aveva approvato anche il sistema tutor nel 2014. Ed è proprio qui che la sentenza va a contestare. Infatti, l'approvazione sarebbe avvenuta il violazione dell’articolo 192 del regolamento di esecuzione del Codice della Strada: il comma 5 stabilisce che "l’omologazione o l’approvazione di prototipi è valida solo a nome del richiedente e non è trasmissibile a soggetti diversi".

Secondo il giudice "il trasferimento in questione deve ritenersi contra legem". Ovvero, contro la legge quindi verbale annulato. La decisione ora fa discutere: potrebbe rendere carta straccia tutte le multe non ancora notificate e, permettere agli automobilisti di impugnare le contravvenzioni non ancora pagate. Si profila una lunga battaglia. Il ministero dell'Interno ha già fatto sapere che la Prefettura compentente, attraverso l'avvocatura generale dello Stato, presenterà appello.

Annunci

Commenti

mareblu

Gio, 18/02/2016 - 13:41

Mi dispiace per lei , finira'nel tritacarne come noi automobilisti , pero' mi prometta di non arrendersi mai , anche al costo di creare UN' ASSOCIAZIONE . per la difesa dei vessati possessori di auto.

cgf

Gio, 18/02/2016 - 13:51

lo Stato il primo "contra legem", ma lo Stato siamo noi, allora siamo masochisti, perché non LICENZIARE gli inetti E RELATIVA PERDITA DI TUTTI I PRIVILEGI MATURATI e sistemare una volta per tutte? sarebbe troppo facile come soluzione.

MOSTARDELLIS

Gio, 18/02/2016 - 14:10

Certamente se il provvedimento di questo giudice fosse confermato in appello sarebbe un bel respiro per tutti gli automobilisti che giornalmente devono fare i conti (salatissimi) tra tasse, multe di ogni tipo, costo assurdo della benzina e balzelli di ogni tipo, molti dei quali ingiusti e soltanto punitivi.

cicero08

Gio, 18/02/2016 - 14:22

trovare falle nel sistema è cosa buona e giusta...

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Gio, 18/02/2016 - 14:49

E chi sono le vittime? Quelli che andavano ad oltre 130 di media reali?

Mizar00

Gio, 18/02/2016 - 15:13

PEr me il Tutor deve restare, questi sono soliti pretesti ebeti. Ha salvato vite , che ogni giorno vengono falciate da veri e propri criminali su automobili. I LIMITI VANNO RISPETTATI

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Gio, 18/02/2016 - 17:03

Il giudice di pace spesso e volentieri è qualcuno che non riesce a passare il tempo e,forse,uno che ha la moglie che frecciava a 150 kmh.

Ritratto di Galahad12

Galahad12

Gio, 18/02/2016 - 17:37

L'Italia è ormai tutta una farsa, prigioniera della propria stupidità e burocrazia, priva di ogni minimo buon senso...

sparviero51

Gio, 18/02/2016 - 18:12

PARTIRE PER SEMPREEEEE!!!

tiromancino

Gio, 18/02/2016 - 18:26

La coglionaggine è nel DNA del burocrate: scrive pensando che tutto è immobile . Mentecatti patentati

vince50_19

Gio, 18/02/2016 - 19:00

Non sono neanche capaci di scrivere regole, nel caso afferenti il c.d.s., senza cadere in contraddizione, stando al rilievo del giudice di pace. Andate a zappare, coraggio governanti dei miei stivali..

Ritratto di PAX_DIE

PAX_DIE

Gio, 18/02/2016 - 19:40

il tutor e'' uno dei tanti sistemi per fare cassa a scapito dei poveri automobilisti , forse avra' salvato delle vite, ma in tratte a tre o 4 corsie senza curvoni andare a 130 all'ora e' pietoso il tutor e' da rivedere totalmente ps che a me risulti e' una esclusiva made in idiotitaly...

Ritratto di direttoreemilio

direttoreemilio

Gio, 18/02/2016 - 21:53

solo in Italia con questi giudici che hanno la laurea a non sens al posto di di quella in giurisprudenza.

mariolino50

Gio, 18/02/2016 - 22:27

Quando prendi un'azienda prendi tutto, anche quello che gli altri hanno fatto e firmato, salvo accordi diversi, altrimenti ad ogni passaggio bisognerebbe rifare tutte le procedure ex novo. Le multe poi non le fanno le autostrade, ma la polizia, che avrà il controllo degli appositi strumenti.

Knokout

Ven, 19/02/2016 - 09:12

Ci sono più morti in città ke sulle autostrade. Ma i v.u. dovrebbero lavorare. A Torino da inizio anno, circa 100 pedoni investiti. Il sindaco non è responsabile della salute pubblica e capo dei v.u.? Ma non fa nulla, un film già visto. Le corporazioni vincono sui diritti dei cittadini.