Lo smog annulla gli effetti positivi dell'attività sportiva

Un esperimento condotto da due università britanniche dimostra che correre o passeggiare in strade molto trafficate, e quindi inquinate, azzera i benefici dello sport

Lo smog e l'inquinamento annullano gli effetti benefici dell'attività sportiva. È quanto emerge da una ricerca condotta dai ricercatori dell'Imperial College di Londra e della Duke University, pubblicato sulla rivista Lancet.

I riceratori delle prestigiose università britanniche hanno selezionato un campione di 119 volontari, di età superiore ai 60 anni e per la maggior parte sani o con situazioni stabili di broncopneumopatia cronica ostruttiva o cardiopatia ischemica. La prima parte dello studio prevedeva che tutti passeggiassero per due ore all'interno di Hyde Park, uno dei più famosi parchi di Londra, per poi replicare lo stesso esperimento a Oxford Street, nota via dello shopping solitamente molto trafficata.

I risultati non hanno lasciato dubbi nei ricercatori. Anche una breve esposizione allo smog e all'inquinamento atmosferico può annullare gli effetti benefici dell'attività sportiva su cuore e polmoni dei 60enni. Questi risultati, spiegano i ricercatori, "si aggiungono al crescente insieme di prove che dimostrano l'impatto negativo sul sistema cardiovascolare e respiratorio di un'esposizione di breve durata, anche di un paio d'ore, all'inquinamento prodotto dal traffico automobilistico".

Commenti
Ritratto di Giano

Giano

Gio, 07/12/2017 - 17:54

Pensate che straordinaria scoperta. Non sono uno scienziato, né un “ricercatore”, ma sto scrivendo da una decina d’anni che fare attività fisica all’aperto in città inquinate dallo smog non solo non fa bene alla salute, ma accresce i pericoli di gravissimi danni, non solo polmonari, ma a livello cerebrale, con mutazioni del Dna. Fare jogging in una città il cui livello di polveri sottile è quintuplicato rispetto ai valori normali, fa bene alla salute? No, è da pazzi incoscienti. Non per altro in città come Torino, si consigliava non solo di non correre per strade, parchi e viali, ma addirittura di non aprire le finestre. Dobbiamo aspettare i risultati della solita università o prestigioso istituto straniero per capire quello che hanno capito benissimo tutte le persone dotate di un minimo di conoscenza e buonsenso? Oppure si sa benissimo, ma è meglio tacere per non creare allarmismi? Il mondo sta impazzendo (letteralmente), ma non se ne accorge o finge di non saperlo.

fer 44

Gio, 07/12/2017 - 18:00

Ma anche un bambino dell'asilo sa che mentre faccio sport aumento il quantitativo di aria inspirata! E se l'aria che respiro è aria inquinata, peggioro notevolmente la situazione!

manfredog

Gio, 07/12/2017 - 18:02

..mah, già più di vent'anni fa, in riviste normalissime, leggevo che correre nel modo descritto sopra, equivaleva ad attività tossica. mg.

fer 44

Gio, 07/12/2017 - 18:03

Ma anche un bambino dell'asilo sa che mentre faccio sport inspiro un maggior quantitativo d'aria! E se l'aria che respiro è inquinata, peggioro la mia salute!