Solo adesso scoprono il leader avventuriero

I risvegli tardivi: dalle rinomate colonne, ora, ci s'avvede che forse c'era un côté azzardoso nel leader democratico

Ci sono i preveggenti, che vedono le cose in anticipo. Ci sono i normali vedenti, che osservano la realtà e la raccontano. Poi ci sono gli editorialisti dei giornaloni, le coscienze travagliate e sensibili, che fingono di vedere le cose in ritardo, per non ammettere di averle taciute o velate. È così che dalle rinomate colonne, ora, ci s'avvede che forse c'era un côté avventuristico e azzardoso, nel modo in cui Matteo Renzi interpretava il ruolo di governante. Posto che cotale condotta muove a umana solidarietà verso il perdente scaricato, avverto che non ci siamo, neanche con i ripensamenti fuori tempo massimo.

Il giovane arrembante della Leopolda incarnava una sinistra pragmatica e risoluta, pronta ad abbattere i tabù, anche lessicali, dell'ortodossia. Allora era assai più simpatico a me, reprobo incoscenzioso, che ai pensosi scrivani. L'arrivo al governo fu un filino brusco, talché sostenemmo che s'era tornati alla segreteria di partito che dispone dei governi. Ma era fisima che altri trascurarono. Ridemmo delle slides, ma apprezzammo il piglio con cui si modificava la legislazione del lavoro (salvo lasciare tutto per aria). Ma rigettammo la stagione delle riforme costituzionali. Roba mal concepita e peggio scritta. Avvertimmo che l'allora presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, non avrebbe mai dovuto promulgare una legge elettorale che, dal luglio 2016 (valeva a scoppio ritardato), deprivava il Colle di uno dei suoi poteri, rendendo impossibile convocare le elezioni. Già quello era un attentato alla Costituzione, come oggi ben si vede.

Ma ancora lo si tace, o lo si accenna senza indicare i colpevoli. Eravamo pochi sciamannati a osare criticare le gesta di colui che, del resto, a furor di Parlamento tornava al Quirinale. Ora dicono, le penne altolocate, che tutto fu mal concepito. Questo è niente, oh signori. Perché hanno posto rimedio gli italiani. I guai sono altri, che noi tutti pagheremo.

Il Sole 24 Ore si chiede cosa intende fare l'Europa (si chiama Unione europea, comunque), ma la stella doveva essere al tramonto e non vide, per troppo tempo, che noi cadevamo il doppio e crescevamo la metà degli altri con l'euro in tasca. Forse era ed è nostro, il problema. Dal Corriere della Sera a Repubblica s'era vigili nello scrutare le reazioni dei mercati, supponendo s'incarnino nei soliti indici, che è come padroneggiare il futuro eviscerando da aruspici gli uccelli. Ma alla politica laurina dei bonus non s'oppose altro che qualche smorfia snob. Invece è quello il problema vero: si sono buttati anni in cui la Banca centrale europea ha comprato tempo. Si raccontava di quanto fosse maschia la richiesta italiana all'Europa (sempre Ue) di essere liberi di spendere. Grandioso.

Peccato siano deficit e debiti, che torneranno alla gola quando i tassi ricresceranno. Si discettava di spending review, omettendo di ricordare che i soli veri tagli li aveva fatti la Bce, facendo scendere gli oneri del debito. Hanno creduto agli arbitrati per i correntisti delle banche fallite e ci hanno lasciati soli a dire che la rivalutazione delle quote della Banca d'Italia sarebbe stata un fallimento, come oggi si constata. Si sono fatti titoloni su «meno tasse», mentre cresceva il prelievo fiscale. Su questi fronti i rimedi saranno dolorosi e ci vorrà assai più tempo di quello che si è sprecato.

Non si può pretendere la preveggenza, però si esagera in postveggenza. O, meglio, in troppa cura della convenienza.

Commenti

Tarantasio

Ven, 09/12/2016 - 00:21

si, un'avventura durata una meteora sfrecciante nella notte, oh non ci ricorderemo di lui se non per ballare su quel che resta di lui... ma altri verranno, chi astuto, chi sfrontato, chi ottuso, e tutti con un chiodo fisso- comandare, governare, presiedere... addio giovane toscano

giova64

Ven, 09/12/2016 - 00:27

si, però facciamo anche i nomi dei veri antitaliani, sempre ossequiosi perchè domani c'è sempre la possibilità di un posto di direttore generale in RAI, ovvero di uno scambio di poltrone giusto per intorbidare le acque di una stampa pelosa quando non è strabica, paternalista quando non è ruffiana, colpevolista quando non è venduta. E poi questi nomi ricordiamoceli, come ci hanno insegnato a ricordare i nomi dei nemici della nostra libertà..

paolonardi

Ven, 09/12/2016 - 01:41

Quando si ventilava il nome del contadino di Rignano per la presidenza del Consiglio predissi sciagure per la tracotante arroganza del soggetto non dotato di intelligenza, ma della furbizia del colono toscano. Fui un facile profeta inascoltato ed ora posso rivendicare un'inutile primogenitura. Non so se si puo' risalire s quei commenti, ma mi piacerebbe.

Keplero17

Ven, 09/12/2016 - 03:52

Un azzardo calcolato, perché la riforma costituzione + legge italicum solo di fatto sanciva una dittatura quinquennale, quindi bisognava o aver studiato la materia che non è semplicissima o avere amici fidati in grado di spiegarla. ha puntato molto sulla non conoscenza delle masse. Ma si è dimenticato il degrado causato dai migranti sotto gli occhi di tutti, sulla caduta della sicurezza del salario, sulla inefficienza dell'assistenza sanitari, con liste di attesa che arrivano fino a 9 mesi in certi casi anche in regioni del nord. comunque con le sue dimissioni la borsa sta strappando verso l'alto come se si fosse tolta un peso di dosso.

mifra77

Ven, 09/12/2016 - 06:40

Forse sarebbe meglio definirlo "Giocatore d'azzardo" con una spiccata inclinazione a barare. Nella sua carriera si sono moltiplicati i truffati e finalmente appena si è presentata l'occasione è stato bastonato. Tanto va la gatta al lardo che ci rimette la zampa!"

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Ven, 09/12/2016 - 07:09

Dai vari linguaggi in voga che sfregiano Matteo RENZI, ricavo le tante identità miserabili di cui è composta la 'nostra' società. Nature umane mortificate dai loro personali disturbi esistenziali, si abbandonano a dileggiare senza economia 'il sacro'. L'insufficienza culturale, la grave imperfezione genetica, il tormento delle loro ore, rimbalzano evidenti nello sfogo contro Renzi, che anima il loro 'vivere'. La categoria dei giornalisti, a qualsiasi livello, paludati di saccenza, poi, in queste ore scopre i gravissimi limiti della loro preparazione, delle loro sensibilità. (Da Formigli, ieri sera, sembravano afasici). -riproduzione riservata- 7,09 - 9.12.2016

Lisandren

Ven, 09/12/2016 - 07:19

A casa parassita raccomandato!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 09/12/2016 - 07:44

IN POLITICA NON ESISTE LA PIETÀ MA LA SOLA LEGGE DELLA SOPRAVVIVENZA INCORNICIATA NELLA ANTICA E AULICA ESPRESSIONE: MORS TUA VITA MEA.

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Ven, 09/12/2016 - 08:07

Caro Giacalone meglio avventurieri che pregiudicati ............

glasnost

Ven, 09/12/2016 - 08:37

A mio modesto avviso tutti questi intellettuali seri e pensosi che scrivono baggianate ad uso del popolo bue, non sono in mala fede, tranne alcuni. Per la maggior parte sono "ottusi", cioè ottenebrati dall'ideologia (qualcuno ricorda la "disonestà intellettuale" di Bertrand Russel?) non sono in grado di capire la realtà che li circonda. Hanno tutti scritto che la Clinton avrebbe vinto e ne erano convinti, ma poi......Hanno sostenuto che l'Italia di Renzi era in ripresa, ma tutti, tranne loro, vedevano il contrario....hanno sostenuto che il Brasile di Lula era, come l'URSS, il paradiso terrestre...ecc. Renzi stesso è rimasto stupito che gli Italiani lo avessero in odio, ma non aveva consiglieri che giravano per le nostre periferie a vedere che giovanottoni negri se la spassavano con telefonini ed alloggi, mentre anziani italiani cercavano nei cassonetti?????? Fessi o disonesti???

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Ven, 09/12/2016 - 09:36

Hai ragione Lisadream, 07.19. Meglio i pregiudicati ............

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Ven, 09/12/2016 - 09:37

Il sondaggio SWG presentato dal quotidiano il Messaggero, ovvero la prima rilevazione dopo il voto di domenica, mostra un Pd addirittura in risalita rispetto alla rilevazione effettuata lo scorso 1 dicembre. Quel giorno, SWG dava il partito di maggioranza al 32%, mentre il 7 dicembre è salito al 32,6%. Tiene anche il principale alleato governativo, il Nuovo centrodestra, che dal 3,3% sale al 3,4. Cala invece Forza Italia, sostenitrice del No: dal 12,4% all'11,6 (-0,8%). Nel centrodestra anche Fratelli d'Italia lascia sul terreno qualcosa, scendendo dal 4,2 al 4%. Segno che tanto gli azzurri quanto il partito della Meloni non sono stati percepiti come le forze trainanti del voto contro le riforme. Lo è stata invece sicuramente la Lega, che con Salvini grande protagonista in tv nelle ore immediatamente successive alla tornata elettorale, è salita dal 12 al 12,8%.

mifra77

Ven, 09/12/2016 - 10:16

Bravo andrea, allora corri a votare finché renzi te ne darà facoltà. Con gli schiaffi che ha preso, non farà neanche la tombola di capodanno!altro che farti votare!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 09/12/2016 - 11:07

#Dario Maggiulli- 07:09 Grande Dario! Ti abbiamo lasciato intento alle solitarie laudi renziane...ed ora ti ritroviamo genetista!

Ritratto di vkt.svetlansky

vkt.svetlansky

Ven, 09/12/2016 - 11:29

@andrea626390 - Diteci una cosa Andrea che di certo Voi saprete: - Che fine farà ora il quadrigetto AIRBUS A340/500 che lo stesso nolleggiò dalla Ethiad Airlines? Costui lo ordinò per avere un aereo più potente di quello di Hollande che ereditò un vecchio bigetto A330/300 da Sarkozy. Questo anno dopo lo scappellotto non avrà aerei per volare in Valle da Aosta. Se ne andrà a casa Boschi a consolarsi?

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Ven, 09/12/2016 - 11:33

BERLUSCONI HA IN QUESTO UNA COLPA; ESSERE STATO SBATTUTO FUORI DEL PARLAMENTO SENATO CON UNA RETROATTIVITA' MAI APPLICATA IN NESSUNO STATO DI DIRITTO PROPRIO DA QUEL GRASSO CHE VORREBBERO AL GOVERNO; siamo diventati anche Noi ciechi? C'è da dire che quando sei un Veggente, hai avuto un'illuminazione dall'alto, delle Parole che non sono di questo Mondo e possiamo indicare in San DAniele uno che interpretava bene questa Figura o anche Giuseppe di Giacobbe di Isacco e di Abramo e di Dio. Berlusconi ha la veggenza dell'esperienza ma, anche lui è soggetto ai diversi e numerosi Giuda che pronuncio con circospensione per non calzare troppo la mano, degli opportunisti di turno. Absit iniura verbis. Shalòm.

tzilighelta

Ven, 09/12/2016 - 11:39

Cassandra Giacalone troppo comodo così, le sue previsioni nefaste e inascoltate oggi la fanno sembrare più intelligente degli altri ma, è stato solo un caso, lei scriveva male di Renzi in quanto avversario, punto! D'altra parte anche B. è finito nella polvere, ma da queste pagine solo lodi sperticate e giustificazioni ridicole, adesso scatenate pure la macchina del fango e avanti con i "io l'avevo detto" tenetevi pure questo paese di vecchi bacucchi raccomandati con il posto fisso! Anche io l'avevo detto!

guardiano

Ven, 09/12/2016 - 12:01

Andrea0000, Guarda che arrampicarsi sugli specchi munito di ventose per non scivolare non ti garantisce la sicurezza, forse non ti accorgi che il peso dell'ottusità imbevuta di ipocrisia e di non senso che porti in corpo potrebbero addirittura romperti lo specchio e farti precipitare.

mifra77

Ven, 09/12/2016 - 12:02

@DarioMaggiulli,per identità miserabili, cosa intende? forse si riferisce ai malati di SLA ignorati dal suo eroe? e per nature umane mortificate, lei si riferisce forse ai bambini di Taranto malati di tumore per i quali il suo benefattore ha cancellato i fondi? Lo sfogo contro Renzi, è dovuto al fatto di essere stati tutti troppo presto benevoli-osannanti di virtù che il cialtrone autoreferenziale, fingeva di possedere. Ora che la verità è venuta a galla, chi ne ha i mezzi, si regola di conseguenza.

Gasparesesto

Ven, 09/12/2016 - 12:10

Ottima stesura dello Status Quo della Governance Repubblicana Italiana . complimenti !

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Ven, 09/12/2016 - 12:27

mifra 77 e vkt.svetlansky, non me ne frega niente di Renzi. Se si è fatto comprare (o prendere un leasing) un mega aereo e ora ne ha pagato le conseguenze (forse anche per quello) non me ne frega niente. L'unica cosa che voglio è che i delinquenti finiscano in galera, così come prevedono le norme penali italiane. E' chiedere troppo? In questo sfortunato Paese devono pagare solo i poveracci o sarebbe ora che qualche c.d. furbacchione non paghi per le proprie malefatte????????

Ritratto di vkt.svetlansky

vkt.svetlansky

Ven, 09/12/2016 - 13:04

@ andrea626390 - Ma Voi chi volete che finiscano in galera solo gli sprovveduti come Dell'Utri or qualche altro del CDX, mentre i vari PENATI & Company del SX avranno i loro reati in prescrizione? La Vostra giustizia è questa?!

tzilighelta

Ven, 09/12/2016 - 14:59

Dell'Utri sprovveduto? Ma vai a dormire babbeo

buri

Ven, 09/12/2016 - 15:51

giornalisti e opinionisti non hanno capito un bel niente, ed ora quei soloni fanno fatica a riconoscere i propri errori, si sentono spiazzati quasi traditi dall'avventuriero osanato fino al giorno precedente

Ritratto di vkt.svetlansky

vkt.svetlansky

Ven, 09/12/2016 - 16:17

@ tzilighelta _ Dell'Utri sprovveduto? Certo se fosse stato più scaltro non sarebbe andato in Libano, ma a Dubai dove non ce sta estradizione per il reato concorso esterno in associazione mafiosa, in quanto non esistente nel loro codice...capito cialtrone sinistroso.