Soverato, sindaco Pd stende migrante: "Un pugno e l'ho messo ko"

Ernesto Alecci, primo cittadino di Soverato, ha salvato un uomo dalla furia di un immigrato. Ora racconta com'è andata veramente

Il pugno di Ernesto Alecci, primo cittadino targato Pd, a un immigrato è finito su tutti i giornali: "Questa vicenda sta crescendo mediaticamente in maniera esponenziale. E ne sono stupito, perché tutto sommato non è stato nulla di che".

Parola al sindaco Alecci

Ma come è andata veramente. A spiegarlo è proprio lui, il sindaco di Soverato. "Erano le otto di sera - spiega dalle pagine de Il Tempo - e stavo rientrando al Comune, quando improvvisamente mi sono ritrovato due ragazzi davanti al muso della macchina, tanto che per poco non li ho messi sotto. Si stavano azzuffando, cosa atipica a Soverato, che è una cittadina tranquilla. I due sono caduti a terra, finché l'immigrato non ha preso una bottiglia di vetro e l'ha lanciata verso l'altro ragazzo".

Alecci prosegue nel suo racconto: "Osservando la scena, e preoccupato perché lì intorno c'era molta gente che passeggiava, fra cui dei ragazzini, ho tirato il freno a mano e sono immediatamente sceso dall'auto, andando incontro all' immigrato e urlandogli distare calmo. Ma lui ha reagito male, prendendo un'altra bottiglia e scagliandosi contro dime. Ci sia mostrattonati, poi lui ha preso una terza bottiglia per tirarmela addosso. E a quel punto che l'ho colpito con un pugno, buttandolo per terra e bloccandolo fino all'arrivo dei carabinieri. Naturalmente all'inizio non avevo nemmeno capito che fosse un extracomunitario, non sono certo intervenuto per via del colore della pelle. E stato senso civico. Non potevo non intervenire".

Un destro secco allenato negli anni di boxe: "Ho fatto pugilato durante gli anni universitari e anche dopo, ma conta poco. Sarei intervenuto per difendere quella persona a prescindere dalle mie abilità", spiega al quotidiano romano. Un intervento decisivo, perché la situazione sarebbe potuto finire male: "Quel ragazzo era molto violento. Fra l' altro, all'inizio mi sono anche sentito in colpa per averlo colpito, poi, però, la vicenda è stata approfondita, ed è venuto fuori che questo signore, qualche mese fa, aveva già rotto il setto nasale ad una ragazza, e poche settimane fa, entrando in evidente stato di alterazione in un negozio e non ottenendo ciò che voleva, è uscito, ha preso una pietra e si è messo a distruggere l'auto del titolare dell'attività commerciale. Insomma, una persona molto violenta, e questo mi ha fatto sentire meno in colpa".

Nessuna firma di daspo però per l'immigrato: "Il questore, il quale mi ha spiegato che il daspo dura 48 ore e quindi sarebbe stato del tutto inutile. Ora attendo la chiamata della questura che probabilmente agirà con un foglio di via o di allontanamento". Una cosa però è certa per il sindaco-pugile: "A prescindere dal colore della pelle, una persona violenta che si rende protagonista di episodi come questi, viene fermata, grazie alle forze dell'ordine che fanno benissimo il loro lavoro, ma subito dopo rilasciata dai magistrati, che sono costretti ad agire così perché la legge, per reati di questo tipo, non prevede altre misure restrittive. Da sindaco questo non è accettabile. Personaggi pericolosi come questi vanno resi innocui".

Commenti

manson

Gio, 06/09/2018 - 10:48

SPERO CHE LA RISORSA LO DENUNCI CHIEDENDO UN LAUTO RISARCIMENTO! Vediamo se il giudice kompagno condanna un altro kompagno a pagare se questo vale solo per le forze dell'ordine quando fanno il loro dovere

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 06/09/2018 - 11:25

non è stato nulla di che..INDAGATELO,PROCESSATELO,Condannatelo..so + permesso di picchiare una risorsa che cercava d'interloquire come da sua tradizione!!ACCHHH SOOOO!!!

dagoleo

Gio, 06/09/2018 - 13:34

Si tratta di una risorsa della Boldri, uno di quelli che dovrà pagarci le pensioni. Lui in effetti era nervoso perchè non riesce ad integrarsi; quindi siamo noi che dovremmo aiutarlo. Stiamo sbagliando tutto. I sinistri che l'hanno capito, infatti, agivano in questo modo. A Capalbio, infatti, ne hanno presi tantissimi a soggiornare da quelle parti. Come dite, non ce ne sono? Neppure uno che per sbaglio fà il cameriere? Vabbè ma sarà perchè Capalbio è un pò isolata ed è scomodo arrivarci; sicuramente è per quello. Le risorse a Capalbio si sarebbero trovate male e quindi loro l'hanno capito ed hanno prevenuto il problema. I sinistrati nei cacchi loro mica li fotti.

Una-mattina-mi-...

Gio, 06/09/2018 - 13:37

LAVORI FORZATI!

Vostradamus

Gio, 06/09/2018 - 13:37

Oh, cielo, adesso si sarà offeso, e non ci pagherà più le pensioni. Finiremo tutti in miseria :-(

tosco1

Gio, 06/09/2018 - 14:55

questo e' un pubblico ufficiale degno di tale nome.Prima l'ha steso e dopo ci ha pensato. Complimenti veramente da parte di un semplice italiano ,purtroppo, regolare.

Ritratto di pierluigiv

pierluigiv

Gio, 06/09/2018 - 14:56

in un paese normale la risorsa sarebbe in carcere da subito.... l'italia un paese allo sbando grazie al PD

umberto nordio

Gio, 06/09/2018 - 15:06

Adesso dovrà fare i conti con le nostre leggi idiote e con magistrati adeguati alle leggi.

Calmapiatta

Gio, 06/09/2018 - 15:29

Nn succederà nulla, solo perchè è del PD, quindi il suo agire è, moralmente, giustificato.

Franz Canadese

Gio, 06/09/2018 - 15:33

Un sincero "Bravo" al Sindaco. Certo che se fosse stato un membro delle forze dell'Ordine sarebbe gia' inquisito e magari sospeso dallo stipendio.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Gio, 06/09/2018 - 16:16

Egregio sindaco, non è neanche colpa della magistratura ma del legislatore che fa leggi blande, che in taluni casi si prestano ad interpretazioni anche sulla stessa tematica.

Crusade72

Gio, 06/09/2018 - 16:25

"Il questore, il quale mi ha spiegato che il daspo dura 48 ore e quindi sarebbe stato del tutto inutile. Ora attendo la chiamata della questura che probabilmente agirà con un foglio di via o di allontanamento". AHAHAHAHAH LA TERRA DEI CACHI!

01Claude45

Gio, 06/09/2018 - 17:42

Ricordiamo che la DEPENELIZZAZIONE è opera di Renzi e di tutto il PD.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 06/09/2018 - 21:19

Il tizio è recidivo ... cari italioti vi godete così tanto voltarvi e rivoltarvi nella merma.