I baby pusher di Sorrento: in due nei guai

A Meta finisce ai domiciliari un 18enne scoperto con due etti di hashish, a Sorrento denunciato un minorenne scoperto a cedere marijuana a un coetaneo

Spacciatori e giovanissimi, i carabinieri arrestano un diciottenne e denunciano un minorenne in costiera sorrentina.

Le due operazioni portano la firma dei militari, impegnati nei controlli a contrasto del fenomeno dello spaccio di droga, specialmente tra i ragazzini.

Così, nel fine settimana scorso, i carabinieri hanno pizzicato un 18enne incensurato a Meta di Sorrento. Il giovane, fermato all’altezza della basilica al centro del borgo campano, è stato scoperto in possesso di ben duecento grammi di hashish, in due panetti da un etto. Per il ragazzo è scattato l’arresto e, di conseguenza, la misura degli arresti domiciliari in attesa delle decisioni del caso da parte dell’autorità giudiziaria.

Ma non è finita qui. Perché nella vicina Sorrento, i carabinieri hanno scoperto un minorenne intento a cedere dosi ad assuntori suoi coetanei. In particolare, lo hanno scoperto a cedere dieci grammi di marijuana a un “cliente” della sua stessa età. Il ragazzino, sedicenne, aveva con sé la somma di 110 euro mentre il giovane assuntore è stato segnalato alla Prefettura.