Spara alla ex moglie e poi si uccide. L’uomo non aveva accettato la separazione

La donna è ricoverata ora in gravissime condizioni all'ospedale di Ostuni

Ha sparato alla ormai ex moglie, usando un fucile a canne mozze. L’ha guardata negli occhi mentre ha tirato il grilletto. Salvatore Natola, 75 anni, ha cercato di uccidere Maria Franca Colicci, 57enne, 18 anni più giovane del marito. E lo ha fatto a poca distanza, quasi a essere sicuro di non sbagliare il suo bersaglio. Ha compiuto il tragico gesto davanti al fratello della Colucci, impotente di fronte a tanto rancore. Natola infatti non aveva accettato l’idea di separarsi dalla moglie. Era stata Maria Franca, due mesi prima, a volere porre fine alla loro unione. Questo almeno quanto raccontato da alcuni testimoni, conoscenti della coppia. Una relazione culminata in tragedia. Il tentato omicidio è avvenuto a Carovigno, comune in provincia di Brindisi.

Poco prima i due avevano partecipato a una udienza al Tribunale penale di Brindisi. Erano giunti con macchine separate che avevano lasciato al casolare di Carovigno. Con loro vi era anche il fratello della donna, che aveva accompagnato Natola, imputato di detenzione e possesso illegale di una roncola. Una volta tornati al casolare l’uomo ha imbracciato il fucile e ha sparato alla ex moglie, senza dire nulla che potesse far presagire un simile gesto. Subito dopo è entrato in casa, ha raggiunto la camera da letto e con la stessa arma ha posto fine alla sua vita. E’ stato il fratello della Colucci a chiamare i soccorsi e a spiegare ai carabinieri che tra i due ex coniugi non vi era stata alcuna lite precedente alla tragedia. La donna è stata trasportata in codice rosso al Pronto Soccorso ed è ora ricoverata in gravissime condizioni all’ospedale di Ostuni.

Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Mar, 29/01/2019 - 13:48

Ehm,quella in foto è una carabina ad aria compressa!