Spara a ladro in fuga: carabiniere sotto inchiesta

Martedì, a Gallarate, l'uomo non si è fermato al posto di blocco dei carabinieri e ha investito uno dei militari. Salvini: "Quel carabiniere andrebbe premiato"

Una tragedia, come sempre accade in questi casi. Ma non solo per il ladro, ucciso da un colpo di pistola dopo aver forzato un posto di blocco. Piuttosto per il carabiniere che ora il pm di Busto Arsizio Rosaria Stagnaro ha deciso di inserire nel registro degli indagati. Il motivo? Sempre il solito, assurdo. Il motivo per cui le nostre forze dell'ordine sono "disarmate" nella lotta alla criminalità: eccesso colposo nell'uso legittimo delle armi.

Praticamente impossibile, per un carabiniere o un poliziotto, garantire la sicurezza nelle città. Ogni passo falso significa un calvario. Ecco i fatti.

Martedì sera la volante dei carabinieri era sulle tracce di un evaso di 39 anni, in fuga con un'auto rubata a Gallarate, in provincia di Varese. L'uomo, William Trunfio, non si è fermato all'alt e, dopo aver forzato il blocco, ha investito uno dei militari. Che è finito in ospedale con una frattura alla gamba. Il secondo militare, allora, ha sparato verso la vettura che correva a tutta velocità e il proiettile ha colpito al collo il ladro.

Trunfio, da quanto si apprende, ha alle spalle numerosi precedenti penali e ricoveri in ospedali psichiatrici. Nei giorni scorsi si era allontanato dalla casa-lavoro di Castelfranco Emilia (Modena) dove era ancora detenuto per problemi di sicurezza legati alla sua pericolosità.

Da quel giorno era ricercato dalla polizia di tutto il Nord-Est. Martedì ha rapinato a Gallarate un uomo della sua Fiat panda, minacciandolo con un coltello. A bordo dell'auto, in poche ore, avrebbe compiuto molteplici reati, tutti a Varese e dintorni: una rapina ai danni di due ragazze a Buguggiate e il tentativo di pagare con una carta di credito rubata in un supermercato di Gallarate. Infine, ha anche provato a prelevare denaro con le stesse carte di proprietà delle ragazze derubate.

Intorno alle 3 di notte di martedì, però, la pattuglia dei carabinieri si è imbattutta nell'auto ricercata. Dopo un inseguimento, i militari hanno raggiunto il ladro e sono scesi dalla vettura intimando l'uomo a fare altrettanto. Ma non è andata così. Trunfio ha ingranato la marcia e ha investito un carabiniere. L'altro, secondo le ricostruzioni dell'Arma, per evitare che il collega fosse travolto e ucciso, ha sparato con la pistola d'ordinanza. Un colpo che ha raggiunto il fuggitivo al collo, uccidendolo.

Nell'auto del ladro sono stati trovati coltelli e il bottino della rapina. E' stata disposta l'autopsia sul corpo per accertare che tutto si sia svolto secondo il racconto dei militari. Hanno effettuato un sopralluogo sul posto anche il procuratore di Busto Arsizio, Gianluigi Fontana, e il pm Rosaria Stagnaro, che coordina l'inchiesta. Che ora ha deciso: il carabiniere che ha esploso il colpo deve essere indagato. Alcune fonti assicurano sia un "atto dovuto".

La solita storia di un'Italia che non si schiera mai, nemmeno formalmente, dalla parte delle forze dell'ordine.

Commenti

Solist

Sab, 10/10/2015 - 21:57

cosa dovremmo commentare? ormai i cittadini non hanno scampo, devono arrendersi ai delinquenti e a chi li protegge...semplicemente pazzesco

Ritratto di Galahad12

Galahad12

Sab, 10/10/2015 - 22:38

una persona brava ed onesta in difficoltà per avere difeso la nostra società da un delinquente. Meriterebbe un ringraziamento e una medaglia per avere rischiato la vita, come pure il suo collega. Le nostre leggi ingiuste tutelano solo i delinquenti e perseguitano gli onesti. Bisogna riscrivere completamente il codice penale.

Ritratto di niki 75

niki 75

Sab, 10/10/2015 - 22:48

Ormai le forze dell'ordine sono state, di fatto disarmate, almeno moralmente. Per altra via i ben pensanti sinistroidi hanno raggiunto l'obiettivo, che diversi anni fa invocavano con cortei e manifestazioni. Viva la magistratura che si mostra sempre più solerte nel punire i preposti alla difesa dei cittadini e a proteggere i delinquenti.

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Sab, 10/10/2015 - 23:29

I cittadini ITALIANI sono abbandonati. Tutti contro la LEGALITA' e chi rischia la propria vita per la SICUREZZA. Questo E' MOLTO GRAVE!!

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Sab, 10/10/2015 - 23:53

@ Soloist - Concordo appieno col suo intervento.

claudio63

Dom, 11/10/2015 - 01:13

adesso RP dicci come i " pelandroni in uniforme" ( cito una sua definizione di tempo fa) debbano fare il proprio dovere eccesso di difesa anche qui? "atto dovuto" quello del PM? Suvvia, per una volta ammettilo: le forze dell'ordine hanno le mani legate , anzi sono di fatto incaprettati da una magistratura ideologizzata, manica di arroganti sinistrati pregiudizialmente di parte.

Jimisong007

Dom, 11/10/2015 - 01:55

Basta attaccare chi lavora per difendere la Legge.

Mauri44

Dom, 11/10/2015 - 08:21

i cittadini non possono difendersi dai delinquenti,dare loro quello che vogliono,togliere le armi alle forze dell'ordine e munirli di trombette da stadio

lamwolf

Dom, 11/10/2015 - 09:32

Non è più possibile che la gente tolleri queste vergognose prese di posizione della magistratura. Garantista con i delinquenti e vigliaccamente vessano le forze dell'ordine. Ecco perché la criminalità di tutto il mondo viene e saccheggia, ruba, violenta la gente onesta nel nostro paese. Impunità e quando vengono giudicati sentenze schifose. La gente è stufa così come le forze di polizia che non sanno più come comportarsi. Ne conosco molti e sono tutti amareggiati, dicono ma chi me lo fa fare a questo punto mi giro dall'altra parte. La sera voglio tornare dalla mia famiglia senza dover patire le ingiustizie della giustizia per una manciata di sporchi denari. Vergogna Stato! Vrgogna Governo! e vergogna Giustizia!

Palladino

Dom, 11/10/2015 - 09:38

...delirio allo stato puro.Qui stiamo impazzendo tutti.

lamwolf

Dom, 11/10/2015 - 09:42

Aggiungo siccome leggere certe cose di prima mattina mi fa incaxxare, cerchiamo tutti di far fronte a questo sistema di m@rd@. Certo i politici godono privilegi vergognosi e a noi i chiedono continuamente sacrifici. Stipendi e vigilanze alle proprie abitazioni e molti di scorte. La magistratura stipendi eccellenti blindati nei palazzi e scortati. Insomma a noi chi ci difende sto c.....?

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 11/10/2015 - 10:03

Finche' la giustizia e le leggi saranno di stampo demo comunista sara' sempre cosi'. Le forze dell'ordine dovrebbero rifiutarsi di far da scorta a questa gentaglia.,mi auguro che se per sbaglio ci sara' un governo di cdx per prima cosa cambi le leggi, specialmente quella sull'eccesso di legittima difesa.

bfesta

Dom, 11/10/2015 - 10:16

questo servitore dello stato che alle ore tre di mattina sta lavorando ,con una paga da fame , spara per difendersi da un pregiudicato incallito e ricercato per evasione,un p m che fa ,invece di proporlo per un encomio ,lo accusa di eccesso di uso dell'arma di ordinanza . io non ci capisco più niente . giudicate voi .

cgf

Dom, 11/10/2015 - 10:32

Lasciamo che ladri, terroristi siano padroni del territorio, disarmiamo le forze dell'ordine, ma tutte, anche quelle che si occupano delle scorte.

paolonardi

Dom, 11/10/2015 - 10:45

Vorrei esprimere tutto il mio sdegno per questo tipo di magistrati e tutta la mia affettuosa solidarieta' per l'ufficiale di polizia giudiziaria che ha compiuto il suo dovere liberando questo paese da un delinquente.

antipifferaio

Dom, 11/10/2015 - 11:00

Non mi meraviglierei se un agente di Polizia o un Carabiniere dovesse voltarsi dall'altra parte di fronte a un furto, uno scippo o rapina che sia. Già rischiare la vita per 1300€ al mese è da pazzi ma chi gliela fa fare ad uno di finire per giunta sotto inchiesta per AVER FATTO IL PRORPIO DOVERE?

giovaneitalia

Dom, 11/10/2015 - 12:31

Solidarietá al carabinieri e ai suoi familiari. Solidarietà all´Arma per il lavoro che svolge giornalmente al servizio dei cittadini. Per il giudice....viva l´Italia delle banane.

Ritratto di abj14

abj14

Dom, 11/10/2015 - 14:17

Solist 21:57 - Potrei commentare che questo paese è diventato il miglior Centro Addestramento Cxxxxxi al mondo. Potrei, ma non lo faccio altrimenti potrebbe scattare il noto Atto Dovuto. - A proposito di Atto Dovuto, chissà perché non è stato azionato per indagare e trattenere i due marò in Italia; eppure c'era di mezzo una sparatoria. Ah sì, ora ricordo, mi sembra per motivi "politici"; ma la ns magistratura non è sovrana, libera e indipendente ? – (4° invio)

Cheyenne

Dom, 11/10/2015 - 17:27

L'unica è fare una retata di politici e magistrati e inviarli in campi di concentramento