Coppa Italia, spari e tafferugli Un tifoso in pericolo di vita

I primi disordini si sono registrati in autogrill. Sparatoria a Tor di Quinto, tafferugli con le forze dell'ordine vicino allo Stadio Olimpico

La festa è diventata un incubo. Tensione, tafferugli e spari. Uno strascico di violenza ha anticipato (e quasi bloccato) la finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina all'Olimpico di Roma (vincono i partenopei 3-1). Fino al momento del fischio di inizio (attorno alle 21.45), la partita è stata messa in discussione ma poi, in un clima surreale, le squadre hanno iniziato a giocare. Perché dopo una lunga trattativa è arrivato il via libera di un ultrà. Nome: Gennaro. Qualifica: capo della curva A del San Paolo di Napoli. È lui che ha partecipato alla trattativa con forze dell'ordine e dirigenti per decidere se giocare o no la finale di Coppa Italia. Lo ha dato lui, l'assenso. Se avete visto la partita in televisione probabilmente sapete chi è: quel tifoso, con un vistoso tatuaggio sul braccio, che è a stato a lungo seduto sulla palizzata che divide gli spalti dal campo a dirigere l'"orchestra". Col piglio di chi decide, di chi comanda. Ma oltre ad avere il piglio di chi ha il coltello dalla parte del manico, Gennaro, aveva anche una maglietta nera con una scritta che faceva rabbrividire: "Speziale libero". Chi è Speziale? Un assassino. E' l’ultrà del Catania che sta scontando otto anni per l'omicidio dell’ispettore di polizia Filippo Raciti, ucciso il 2 febbraio del 2007 durante i disordini che scoppiarono in occasione di un derby col Palermo. Gennaro, quello che ha dato il via libera al calcio d'inizio, ha la maglia dedicata a un assassino di poliziotti. E' lui che ha tenuto in ostaggio la serata.

Uno stadio Olimpico trasformato in una bolgia di cori e petardi, nel silenzio quasi totale dei tifosi azzurri, ammutoliti per protestare contro la decisione di disputare il match, nonostante i feriti, i proiettili e un tifoso in bilico tra la vita e la morte. Il bilancio dei feriti sembra quello di una guerriglia, al momento sono sei, uno dei quali in gravissime condizioni. Anche se non si sa ancora se a scatenare la violenza sia stato in tutti i casi il tifo. L'episodio più drammatico è avvenuto a Tor di Quinto, dove tre supporter del Napoli sono stati raggiunti da colpi di arma da fuoco. I feriti sono stati trasportati all'ospedale Villa San Pietro. Due sono in codice rosso, uno giallo. Il tifoso ferito più gravemente, un trentenne napoletano, è stato raggiunto dal proiettile alla colonna vertebrale ed è, fanno sapere fonti ospedaliere, in condizioni stabili ma critiche. Poco dopo è stata trovata una pistola all’interno di un vivaio. La polizia sta svolgendo accertamenti sull’arma. Ma fonti della Questura di Roma frenano sull'ipotesi di uno scontro tra tifoserie: "Al momento il triplice ferimento non sembra essere collegato a scontri tra tifosi, ma avrebbe cause occasionali".

La sparatoria di Tor di Quinto è arrivata in un crescendo di violenza e follia: guerriglia tra bande di tifosi e caccia ai poliziotti, insultati e accerchiati. I primi disordini tra i tifosi sono iniziati nel pomeriggio in autogrill e poi sono arrivati nella Capitale. Tre tifosi napoletani sono rimasti feriti nel corso di alcuni tafferugli tra opposte tifoserie nell’area di servizio di Pongiano, in provincia di Rieti. Nei pressi di Ponte Milvio, alcuni hanno lanciato bottiglie e oggetti contro le forze dell’ordine. Altro momento di tensione lungo la pista ciclabile che costeggia il Tevere sotto ponte Duca d’Aosta: due gruppi di tifosi di Napoli e Fiorentina si sono fronteggiati fino all'arrivo delle forze dell'ordine.

Allo stadio Olimpico non ci sono solo tifosi, per questa rovente finale. Tra le autorità c'è il presidente del Consiglio Matteo Renzi, venuto per tifare i suoi viola, e anche il presidente del Senato Piero Grasso, che consegnerà la coppa. L'ex magistrato, prima di arrivare alla partita, ha commentato gli scontri con un durissimo tweet: "Questi non sono tifosi ma solo delinquenti!". "Le violenze sono vergognose e intollerabili. Hanno rovinato il clima di festa che dovrebbe caratterizzare questi eventi ha ricordato il sindaco di Roma, Ignazio Marino -. Roma e il Paese non meritano di essere oltraggiati da chi approfitta di una partita di calcio per dare libero sfogo alla propria aggressività".

Il fischio di inzio è arrivato con 45 minuti di ritardo, dopo convulse riunioni e frenetici dibattiti. Alla fine, ultima follia della giornata, il capo ultras del Napoli ha dato il via libera. I supporter partenopei hanno piegato gli striscioni e chiesto alla squadra di non scendere in campo, ma alla fine lo show è andato avanti. Pare che siano state decisive le dichiarazioni della Questura e l'ipotesi, caldeggiata dagli investigatori, che la sparatoria non sia scaturita per motivi di tifo, non sia - come era sembrato inzialmente - uno scontro folle tra ultrà.

Commenti

killkoms

Sab, 03/05/2014 - 19:32

sempre colpa dei poliziotti?

Ritratto di afrikakorps

afrikakorps

Sab, 03/05/2014 - 19:35

Siamo uno stato da terzo mondo per cultura sportiva, con una classe politica da terzo mondo che in 40 anni (sia dx che sx)non è riuscita a fermare queste teste di pazzo!

mrkrouge

Sab, 03/05/2014 - 19:47

Basta una parola: napoletani.

marcomasiero

Sab, 03/05/2014 - 19:54

bene mettiamo sti delinquenti in uno stadio a porte chiuse e che si eliminino da soli. si apre solo quando non ne resta più nessuno in piedi.

Ritratto di mark 61

mark 61

Sab, 03/05/2014 - 19:55

qualche imbecille qua dara la colpa hai no TAV

leo_polemico

Sab, 03/05/2014 - 19:59

Se tutti coloro che causano disordini fossero condannati a rifondere economicamente tutti i danni da loro causati, direttamente o indirettamente, forse forse. le cose cambierebbero. Salvo, ovviamente, interventi di giudici incapaci o di psicologi che danno tutte le colpe alla società e non alla cattiva educazione o a giustificazioni assurde.

leo_polemico

Sab, 03/05/2014 - 19:59

Se tutti coloro che causano disordini fossero condannati a rifondere economicamente tutti i danni da loro causati, direttamente o indirettamente, forse forse. le cose cambierebbero. Salvo, ovviamente, interventi di giudici incapaci o di psicologi che danno tutte le colpe alla società e non alla cattiva educazione o a giustificazioni assurde.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Sab, 03/05/2014 - 20:03

colpa di Berlusconi !!!! :))

Ritratto di bracco

bracco

Sab, 03/05/2014 - 20:16

Ma perché la polizia interviene per poi essere messa sotto accusa d quelli della sinistra per comportamenti violenti contro i manifestanti o come questi "tifosi",... ma si laschi che si menano e se le diano di santa ragione, quando saranno gonfi di botte sicuramente la smetteranno

moshe

Sab, 03/05/2014 - 20:36

Ma cosa dite! non sono stati i tifosi a fare i bastardi! SONO STATI GLI INFILTRATI DELLA POLIZIA! Come mai nessun deficiente ha ancora avallato questa ipotesi?

angelomaria

Sab, 03/05/2014 - 20:40

figuriamoci s non succedeva le due che godono di una bella fama non solo le citta di peovenza semzaun sindaco xhe meriti di essere chiamato tale poi tifosi peggio!!!!

Aristofane etneo

Sab, 03/05/2014 - 20:49

Ma perché poliziotti e carabinieri devono rischiare la loro incolumità fisica e fronteggiare 'sti individui violenti che con la loro presenza giustificano stipendi milionari a centinaia di giocatori in mutande che giocano a buttare in rete un pallone. Non possono i padroni di queste squadre pagare un po' meno i giocatori e pagarsi corpi di polizia privata che mantengano l'ordine dentro e, perché no?, fuori gli stadi?

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Sab, 03/05/2014 - 20:50

Non vale la pena tentare di farli ragionare quegli pseudo-tifosi. Che si ammazzino tra di loro quei farabutti, poiché è questo che vogliono. Alla polizia non vale la pena di mettersi in mezzo per dividerli. Si sa che, tra i litiganti, il terzo gode sempre. E non è giusto che siano coinvolti o sacrificati poliziotti. Sono ormai l'ultima parte migliore che ci resta nella nostra nazione. Salvaguardatevi e salvaguardiamoli.

mrkrouge

Sab, 03/05/2014 - 20:57

X mark 61: ah ah ... prima di commentare, impara l'italiano !

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 03/05/2014 - 20:59

mark61 non si dica parolacce da solo,ma poi forse non capirebbe nemmeno.Questi sono i veri problemi degli italiani ,la partita,e poi sanno che colla giustizia che abbiamo non pagherà nessuno.Comunque mark si sfoghi sul Giornale perchè se dovesse scrivere a repubblica non lo cagh.....be nessuno.

'gnurante

Sab, 03/05/2014 - 21:02

Tirategli delle banane, vedrete che torneranno sugli alberi

Giorgio5819

Sab, 03/05/2014 - 21:05

mark 61 è la targa delle zecche ?

Ritratto di abj14

abj14

Sab, 03/05/2014 - 21:05

marcomasiero 19:54 : Ottima idea. Sottoscrivo. - - - mark 61 19:55 : Qualche imbecille qua ha già detto la sua (dara + hai ?).

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Sab, 03/05/2014 - 21:25

.... la colpa "hai" no tav. Che dire, sempre in tema il ragazzo. Grande cultura e spessore intellettuale. A proposito di imbecilli: a che età ti è morta la maestra? Dalton Russell.

Ritratto di mina2612

mina2612

Sab, 03/05/2014 - 21:37

Basterebbe multare le due squadre con centomilioni di € ciascuna, e il prossimo anno impedire loro di partecipare alla Coppa Italia: non importa chi sia stato o se siano stati i black/bloc dello sport, è ora di finirla con il terrorismo urbano.

robertit2002

Sab, 03/05/2014 - 21:39

clima surreale comandano le tifoserie decidono loro se giocare o no , povera Italia fischiata anche nell'inno nazionale costretti a giocare alle 21 e 45 la faccia dell'Italia

Doc71

Sab, 03/05/2014 - 21:40

Robe da matti, il tifoso del Napoli "arrampicato" sulle transenne ha detto si alle forze dell'ordine, li ha autorizzati a giocare la partita! 1) cosa ci faceva sulle transenne lui e quel longilineo suo "collega" senza che le forze dell'ordine cortesemente gli chiedesse cortesemente di scendere a calci nel culo ( in Gran Bretagna funziona così' ) 2) le forze dell'ordine fanno ridere , lo hanno già fatto due volte: prima nel derby di Roma di qualche anno fa e poi durante Italia Serbia a Genova, e oggi repete. 3) gli "Ultras" non devono più entrare in uno stadio! sciogliere immediatamente questi gruppi di facinorosi che nulla hanno a che fare col calcio. Basta violenze, petardi, cori di scherno agli avversari, attacchi premeditati, treni e autogrill devastati. Basta! 4) il Calcio Italiano oggi e' ufficialmente defunto, prima in Campo Europeo con squadre ridicole sommerse e cancellate da qualsiasi antagonista estera, poi coi fischi all'inno!,

Ritratto di danutaki

danutaki

Sab, 03/05/2014 - 22:12

@ mark61...sembra che l'unico imbecile ....sia lei...assieme a tutti i suoi amici di bisca ..NOTAV !!!

Ritratto di danutaki

danutaki

Sab, 03/05/2014 - 22:12

@ mark61...sembra che l'unico imbecille ....sia lei...assieme a tutti i suoi amici di bisca ..NOTAV !!!

Ritratto di PAYBACK59

PAYBACK59

Sab, 03/05/2014 - 22:20

Mark 61 : no colpa della grammatica evidentemente troppo difficile....strano per uno di sinistra culturalmente superiore !!!!!!

Ritratto di PAYBACK59

PAYBACK59

Sab, 03/05/2014 - 22:21

Ma cosa centra il calcio con quei delinquenti mascherati e armati di bastoni ?????

m.nanni

Sab, 03/05/2014 - 22:46

possono anche saccheggiare Roma;chi se ne sbatte. l'importante è che Berlusconi venga privato del diritto di parola e che dopo le ventitrè non esca di casa. il resto è noia.

Ritratto di Nanuq

Nanuq

Sab, 03/05/2014 - 22:49

Guardate la foto, tutti in divisa, tutti uguali e delinquenti abituali, ogni occasione è buona per distruggere quello che i cittadini normali costruiscono col sudore. Brutta gente, feccia da forno crematorio.

Ritratto di Simbruino

Simbruino

Sab, 03/05/2014 - 23:11

a Roma se non sono barbari sono barberini.

Ritratto di joe pizza

joe pizza

Sab, 03/05/2014 - 23:39

Tutta brava gente che ha lavorato tutta la settimana

Ritratto di giuliocapilli

giuliocapilli

Sab, 03/05/2014 - 23:40

Complimenti al Presidente del Consiglio e a quello del Senato! Invece di portare conforto alla popolazione delle Marche, si vanno a vedere la finale di Coppa Italia.

Ritratto di joe pizza

joe pizza

Sab, 03/05/2014 - 23:41

Colpa dei no tav

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 03/05/2014 - 23:54

Il buonismo irresponsabile dell'ideologia sociologico-comunistoide ha fatto in modo che il cancro di un tifo malato si sia trasformato in un TIFO ASSASSINO. QUESTO È UNO DEI VELENI INTRODOTTO DAI SESSANTOTTINI NELLA NOSTRA SOCIETÀ.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Dom, 04/05/2014 - 00:13

L,Italia, é il Paese dove chi fá il criminale la fá sempre liscia,é questo si vede ad ogni livello della Societá,é questo non ha niente a che vedere con i Tifosi Napoletani, Fiorentini, Milanesi oppure Palermitani, ma con una Giustizia che permette a dei terroristi di fare quello che vogliono, é se non ci saranno delle condanne che si scontano in galera la situazione in Italia non cambiera mai!,e se in altri paesi europei il problemi con i Tifosi vengono risolti con misure preventive che prevedono la galera é il divieto a vita di entrare nello stadio della propria squadra,per chi viola la pace negli stadi, ed io ho letto nella Gazzetta Dello Sport un articolo dove si diceva che le Autoritá Competenti Hanno domandato ad un Ultras Napoletano il permesso di poter iniziare la Partita! Ma dove siamo arrivati in Italia! adesso si chiedono i permessi per iniziare le partite a degli ultras?!; CERTO CHE QUESTO É UN "BUON" SEGNO DI AUTORITÁ E FORZA DA PARTE DI CHI DOVREBBE INVECE PRENDERE A BASTONATE; QUESTI ELEMENTI CHE CREDONO DI POTER FARE QUELLO CHE VOGLIONO SIA NEGLI STADI CHE NELLE CITTÁ ITALIANE!.

Sazzizzoide

Dom, 04/05/2014 - 00:23

Il calcio in preda e comandato dai teppesti..non tifosi...ma poi affidiamo la protezione delle curve agli stuart che non sono altro che capoccioni degli ultras!ma perché non c'é la polizia negli stadi? In europa non entra un accendino...da noi le bombe carta sono una normalità!! Invasione di campo: dov'erano i poliziotti? Questore raccomndato sveglia!!!

giordaano

Dom, 04/05/2014 - 00:26

colpa dei comunisti

bret hart

Dom, 04/05/2014 - 00:40

complimenti ostaggio di gennaro bravi ma veramente bravi la solita figura di merda italiana se ci fosse stato il duce questo qui spariva senza lasciare traccia.......

qualunquista?

Dom, 04/05/2014 - 01:10

Sarebbe bello sentire il commento pubblico della Presidente Boldrini, con pari dignità e evidenza rispetto a quello espresso dopo l'applauso di solidarietà ai poliziotti condannati. Sarebbe, ma non credo arriverà

Ritratto di silviste

silviste

Dom, 04/05/2014 - 02:11

Un consiglio per Napoli e i Napoletani, fatelo Sindaco a questo Genny 'a Carogna. Altro che De Magistris, uno che tiene sotto scacco uno stadio con decine di migliaia di spettatori, centinaia di addetti alla sicurezza, la Prefettura di Roma, ecc...., ci mette un battito di ciglia a risolvere i problemi di Napoli.

Ritratto di silviste

silviste

Dom, 04/05/2014 - 02:13

Il Sindaco di Roma ha fatto un discorsone, ha perso un occasione per stare zitto.

claudio63

Dom, 04/05/2014 - 06:14

sONO ESTEREFATTO: CHI E' E COSA RAPPRESENTA TALE GENNARO DA DOVER DECIDERE SUI DESTINI DI UNA PARTITA E TRATTARE CON LE AUTORITA'. CHI GLI HA DATO O RICONOSCIUTO TALE POTERE? MA DOVE SIAMO FINITI? E, DICO PER DIRE, SE SI ISTITUISSE LA PENALITA' ECONOMICA AI CLUB CHE VENGONO IN TAL MODO " RAPPRESENTATI' DA QUESTI INDIVIDUI, NON SAREBBE UN OTTIMO DETERRENTE PER ULTERIORI VIOLENZE E RAPPRESAGLIE A DANNO DELLA COMUNITA' CIVILE, CHE COMUNQUE ALLA FINE PAGA I DANNI FATTI DA QUESTI IMBECILLI?

cicero08

Dom, 04/05/2014 - 07:23

Per avere esibito una maglietta con un messaggio solidale per Speziale due calciatori del Cosenza sono stati squalificati dalla FIGC per un periodo lunghissimo ed uno di loro è stato colpito da DASPO per tre anni. Al signore di ieri sera è stata riservata un'esibizione in prima serata sul principale canale RAI e gli è stato permesso di far ritorno tranquillamente a casetta sua. Sbaglio o qualcosa non ha funzionato ancora tra le forze di polizia???

mifra77

Dom, 04/05/2014 - 07:24

E se uno sport non riesce ad isolare i delinquenti, la politica avrebbe dovuto girare i tacchi ed andare. Che schifo! Il presidente del consiglio e quello del senato, ostaggi in un campo da calcio e senza il coraggio di dissociarsi per non perdere consensi alle elezioni. E la Bindi, mi spiegate cosa aveva da ridere?

nino47

Dom, 04/05/2014 - 07:39

E aloora? buonisti del cazzo di prima e dell'ultimora, a chi applaudite questa volta? Non ditemi che magari la poilizia vi avrebbe fatto comodo! Fosse per me vi lascerei massacrare da questi elementi,i vostri "poveri" eroi perseguitati e manganellati ingiustamente ...poi quando ci scappa il morto.."polizia assassina" vero? gridata da dietro le finestre delle vostre calde cucce ingiustamente protette da questi "assassini"!!!

nino47

Dom, 04/05/2014 - 07:41

@mark61:...qualche altro imbecille invece approfittera' per nricordarceli!!

Ritratto di Feyerabend

Feyerabend

Dom, 04/05/2014 - 08:02

La domanda vera che dovremmo farci e' questa: perche' questo delinquente a nome Gennaro De Tommaso sitrovava allo stadio, quando il suo posto sono le patrie galere? Visto che si preoccupa tanto del suo amico Speziale, perche' non lo raggiunge in quello che dovrebbe essere anche per lui il domicilio a vita? Ma perche' c'e' ancora qualcuno che si abbassa a parlare con lui? Vogliamo cominciare a fare una derattizzazione vera che ripulisca un poco il calcio e pure il paese!

marcoghin

Dom, 04/05/2014 - 08:05

La cosa che più mi fa rabbrividire è la casta che va a vedere, gratis, una partita di calcio! Segue poi quel buffone del sindaco di Roma che dice che un clima di festa dovrebbe caratterizzare questi eventi: quali? Una partita di calcio tra Roma e Napoli? L'apoteosi viene raggiunta quando quella persona, a cui è già stata dedicata troppa visibilità anche su questo giornale, rimane per un'ora sulla palizzata a "dirigere" i cori..... L'Italia è questa: politici inetti ostaggio di delinquenti. Tanto il popolo paga, vero Marino? W el leon!

Ritratto di incblack53

incblack53

Dom, 04/05/2014 - 08:17

Perché li chiamiamo tifosi. Sono solo dei delinquenti. Si sono fronteggiati lungo la pista ciclabile, bastava non farli arrivare allo stadio, così imparano a fare casini. Comunque non è ammissibile che i delinquenti abbiano l'ultima parola, non è possibile che il Gennaro di turno decida se fare o non fare. Vergogna, questi individui vanno isolati non osannati.

Ritratto di roberta martini

roberta martini

Dom, 04/05/2014 - 08:19

Perchè il tipo con la maglietta nera e le braccia tatuate non lo paracadutate in Siria o in Afganistan, li' potrebbe divertirsi meglio! A tutti questi tipi assetati di violenza (protetta) si dovrebbe riservare un trattamento...urto nella guerra vera!

vince50_19

Dom, 04/05/2014 - 08:28

Bisognerebbe fare come fecero gli inglesi dopo la strage dell'Heysel quasi 30anni fa. Ma qui da noi gli interessi lobbistici che corrono dietro al calcio non faranno mai prendere provvedimenti seri, primo fra tutti dare la gestione degli stadi completamente alle società calcistiche, in seconda battuta ai prefetti. Se sgarrano stadio chiuso al pubblico per più turni e multe milionarie. Ma qui, naturalmente, siamo nell'utopia più assoluta: finito il clamore tutto come prima. Schifo che più schifo non potrebbe essere: farsi pure condizionare da un mariuolo di quel genere, ma dover stiamo andando finire?

linoalo1

Dom, 04/05/2014 - 08:29

Visto che siamo un Paese Civile,non vedo altra soluzione che chiudere definitivamente al Pubblico,gli Stadi più a rischio!Le partite interessate,finalmente senza la presenza di delinquenti,verranno trasmesse solo in TV!Basta Polizia!Basta Croce Rossa!Basta Cori Razzisti!Basta Bombe Carta e petardi!Basta feriti!Al massimo,se uno esce di testa,rompe la sua Televisione!Lino.

claudio63

Dom, 04/05/2014 - 15:41

la nostra classe dirigente non merita il sacrifcio delle forze dell'ordine e vorrei tanto vedere una decisa presa di posizione da parte del ministro dell'interno, ma mi sa che e' solo un sogno, specialmente quando un delinquente ripreso dalla rai per parecchi minuti diventando il protagonista della kermesse, con tanto di maglietta inneggiante ad un assassino conclamato si permette di tenere in scacco un intera partita, alla presenza di un primo ministro, di un sindaco, di un presidente del senato e tanti altri boiardi che se la ridevano di gusto per le" folcloristiche manifestazioni", vero signora Bindi? Siete li a succhiare sangue alla societa civile e niente altro, perche al momento di mostrare cosa potevate fare vi siete annullati nelle solite dichiarazioni di prammatica e via a casa in elicottero o sotto scorta. fate ribrezzo e disgusto . Claudio Carugati, Houston, TX.