La Spezia, acido contro coppia marocchino-italiana: presi 3 familiari

Le responsabili sono 3 donne, una delle quali addirittura minorenne. Sono 7 i giorni di prognosi per il 29enne, 5 per la compagna: in corso le analisi per determinare l'origine del liquido lanciato contro la coppia

Aggrediti a La Spezia dai rispettivi familiari che, stando a quanto riportato dalla stampa locale, osteggiavano la loro relazione.

Le vittime sono un 29enne di nazionalità marocchina e la compagna italiana, che hanno subito un vero e proprio agguato nel momento in cui stavano facendo ritorno alla loro abitazione in via Borachia.

Ad attenderli sotto casa c'erano tre donne, una delle quali addirittura minorenne, che hanno riversato sui due una violenza inaudita, alimentata da un'ostilità incontrollata nei confronti di una relazione che non sarebbe dovuta mai nascere.

Prima il lancio di un liquido verosimilmente corrosivo contro i due ragazzi, conservato all'interno di un flacone, poi l'aggressione fisica vera e propria, dato che le vittime erano riuscite ad evitare di essere colpite.

Calci e pugni, oltre al lancio di oggetti contundenti, una violenza che si è conclusa solo con l'arrivo sul posto degli agenti della questura di La Spezia. I poliziotti hanno sequestrato la bottiglietta utilizzata nell'agguato, in modo da far analizzare i residui della sostanza liquida presente al suo interno e determinarne l'origine.

Sul posto anche i soccorritori del 118, che hanno trasportato il marocchino e l'italiana in ospedale per le cure del caso: 7 i giorni di prognosi determinati per il primo, 5 per la compagna.

Le indagini sono tuttora in corso, ma pare accertato il fatto che all'origine della violenza ci fosse la forte ostilità dei familiari di entrambi a quella relazione, i quali si sarebbero coalizzati proprio per porvi fine.

Commenti

agosvac

Dom, 25/08/2019 - 14:41

Sarebbe una cosa comica se non fosse, al contrario , tragica. I parenti di lui non tollerano che si sia messo con una italiana cristiana. I parenti di lei non tollerano che vada a fare la schiava per un islamico. Morale: meglio che ciascuno se ne stia a casa sua. L'islamico in Marocco, l'italiana in Italia. E l'amore? Comincia bene ma quasi sempre finisce male: baci ed abbracci e poi percosse e lividi. Come diceva il vecchio detto? Mogli e buoi dei paesi tuoi.

Demetrio.Reale

Dom, 25/08/2019 - 15:56

sono lontani i tempi in cui i Chierici dissuadevano i Cristiani (ammesso che queste donnicciole italiche si possano definire cristiane) dal mettersi con persone di altra religione. oggi invece, se ne sono fatti promotori.

Alessio2012

Dom, 25/08/2019 - 17:02

LE ITALIANE CHE SI METTONO CON I MAROCCHINI PER ME SONO LA RAPPRESENTAZIONE PIU' BASSA DELLA DIGNITA' UMANA.

Divoll

Dom, 25/08/2019 - 17:04

Per una volta, mi sentirei di dare ragione alle famiglie, specialmente a quella italiana, visto che figlia e' una c**tina.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 25/08/2019 - 17:27

Quando un italiota si inalbera per protestare e difendere la propria identità partono le prefiche del "volemmose bbene purché te lo piji a te ner qlo" mentre quando è un "bovero immigrado scabbado dalla guera e dala fame" tutti pronti a fare fiaccolate e roboanti discorsi "leqaqli filo-antropologici" e lapidazioni ai rei che si sono permessi di "offenderli".

Ritratto di giangol

giangol

Dom, 25/08/2019 - 19:17

Le italiane ancora continuano a non capire...chi cerca trova