La Spezia, 50enne investito e ucciso a colpi di pistola

Omicidio a La Spezia dove un 50enne, Vincenzo d'Aprile, è stato investito e ucciso a colpi di pistola da un uomo che è fuggito via in auto. Alla base del delitto, commesso da un sottufficiale dell'Aeronautica, ci sarebbe un movente passionale

Travolto da una macchina e finito con tre colpi di pistola. È quanto successo nella tarda mattinata di lunedì a un 50enne di La Spezia, Vincenzo D'Aprile. L'uomo, titolare di una trattoria in frazione Cadimare, è morto in piazzale Ferro, non distante dalla stazione ferroviaria della città ligure. Secondo Primocanale, a ucciderlo sembra essere stato un sottufficiale dell'Aeronautica: il movente sarebbe passionale. L'assassino, individuato dopo una breve caccia all'uomo, è stato portato in Questura.

L'allarme è stato dato intorno alle 13 da alcuni passanti che, dopo avere assistito alla scena, hanno chiamato immediatamente i soccorsi. Il personale del 118 ha provato a salvare la vita alla vittima, che nel momento in cui è stato travolto da un'auto e colpito da tre colpi di pistola, si trovava in compagnia di due ragazzi. Ma non c'è stato niente da fare.

La vittima è spirata poco dopo. Sul posto sono intervenute le forze dell'ordine per i rilievi del caso e ricostruire l'esatta dinamica di quanto accaduto. In base al racconto di alcuni testimoni, D'Aprile è stato deliberatamente travolto da un'automobile, da cui è scesa la persona che lo ha finito con tre colpi di pistola. L'assassino, individuato e fermato nel giro di un paio d'ore, è stato subito portato in Questura. "Sappiamo chi ha sparato", aveva dichiarato subito dopo l'omicidio il questore spezzino Francesco di Ruberto.