Spunta una misteriosa terrazza sul Colosseo Quadrato in affitto a Fendi

La vicenda è arrivata fino alla Camera dove il capogruppo di Fdi ha presentato un'interrogazione parlamentare, chiamando in causa il ministro Franceschini

Era il 2013 quando il patron del lusso francese Bernard Arnault metteva le mani su un pezzo di Roma, accaparrandosi il Colosseo Quadrato dell'Eur per un affitto mensile di 240mila euro.

Il contratto sottoscritto dal magnate francese e la Eur spa impegna per quindici anni la Lvmh (Louis Vuitton Moet Hennessy spa), holding guidata dal multimiliardario - che possiede tra gli altri i marchi di Fendi, Loro Piana, Bulgari e Pucci, oltre ovviamente a Louis Vuitton. In cambio del pagamento dell'affitto da paperoni, la maison francese ha avuto lo storico palazzo, con i suoi 12mila metri quadrati distribuiti su sei piani.

"Siamo fieri di questo accordo" diceva per l'occasione il presidente e amministratore delegato di Fendi, Pietro Beccari. "Quello dell'Eur è uno dei più bei palazzi del mondo. Fendi rappresenta la tradizione e la modernità e il dialogo tra l'edificio dell'Eur e l'altro seicentesco di largo Goldoni è ideale. Sarà il nostro nuovo quartier generale, dove lavoreranno almeno 400 persone: i mille metri quadrati del piano terra ospiteremo esposizioni dedicate al made in Italy e alla creatività italiana: siamo aperti a qualsiasi suggerimento. Dopo il finanziamento del restauro della Fontana di Trevi questa operazione definisce ancor più Fendi come un marchio romano".

Tra modernità e tradizione però, sul tetto dell'edificio, che in realtà si chiama Palazzo della Civiltà Italiana, è comparsa una nuova costruzione, apparentemente in metallo, che fa scempio della facciata e dell'intera struttura. I cittadini si dicono indignati e sul web insorgono: "Fa piacere che Fendi dopo soli due anni stia per riaprire il Colosseo Quadrato. Meno piacere fa notare che si stia bellamente cambiando faccia ad uno degli edifici più iconici della città. Se proprio si vuole fare un sopralzo ad un monumento di questa portata almeno si chiami un grande architetto...", scrive Roma fa schifo sulla pagina Facebook, mentre anche la classe politica fa sentire la propria voce.

"Sul Palazzo della Civiltà Italiana, dato in affitto a Fendi, è comparsa una sopraelevazione posticcia costruita sulla terrazza di copertura. Chiediamo al ministro Franceschini chi ne sia l’artefice se qualcuno abbia autorizzato questa orrenda superfetazione su un immobile di raro pregio e sottoposto a vincolo storico e monumentale", ha dichiarato il capogruppo alla Camera di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli.

"Rammentiamo agli smemorati che la Soprintendenza equipara gli immobili storici dell’Eur al Colosseo e ai palazzi rinascimentali del centro storico di Roma. Qualcuno si è distratto? - si chiede Rampelli. Oppure la vocazione ed il motivo fondante prima dell’Ente Eur e poi di Eur SpA di tutelare il patrimonio immobiliare che le fu conferito sono venuti meno? O magari l’attenzione oggi è rivolta esclusivamente allo smembramento dell’E42? Fendi non avrà mica un canale preferenziale che consente all’azienda di fare cose vietate agli altri? Chiedo formalmente a tutti i soggetti responsabili, dalla proprietà di Eur SpA alla Soprintendenza, di chiarire con urgenza cosa stia succedendo. Mi auguro che il ministro Franceschini risponderà quanto prima all’interrogazione che sta per arrivare sul suo tavolo".

Commenti
Ritratto di perigo

perigo

Ven, 16/10/2015 - 22:03

Une vergogna indicibile. Come si fa ad "affittare" un palazzo storico come la Civiltà Italian? Siamo alla follia. Avrei visto meglio da parte di Franceschini fittare il "Palazzo Sturzo", sempre all'Eur, sede storica di quella DC da cui proviene e che mai avrebbe osato dissacrare così tanto la storia del nostro Paese.