Stati Uniti, rubato un hard disk con le informazioni bancarie di 29mila dipendenti Facebook

Il disco, che si trovava nella macchina di un responsabile dei pagamenti dell'azienda di Zuckerberg, è stato rubato da alcuni scassinatori. Il fatto ha esposto i dati personali di migliaia di persone (che ora dovranno essere monitorati)

Ancora violazione di dati personali e privacy. E, ancora una volta, al centro della questione il più celebre dei social network: Facebook. Ma questa volta, le vittime del furto sono stati gli stessi dipendenti dell'azienda fondata da Mark Zuckerberg. Perché, secondo quanto riportato da La Stampa, il mese scorso alcuni rapinatori avrebbero scassinato l'automobile di un responsabile del dipartimento pagamenti di Menlo Park, negli Stati Uniti, sottraendo un hard disk che conteneva tutte le informazioni bancarie di circa 29mila dipendenti delle sedi statunitensi della piattaforma.

Il furto e l'indagine

Secondo quanto riportato anche da Bloomberg, all'interno dell'hard disk sottratto dalla vettura del dipendente, che non risultava né protetto né cifrato, erano conservati nomi, cognomi, indirizzi, numeri di conti bancari e le ultime quattro cifre dei social security numbers del personale di Facebook, il quale è stato avvertito di quanto accaduto via mail del fatto, alcuni giorni dopo la scoperta. Un portavoce dell'azienda di Zuckerberg ha dichiarato che Facebook è al lavoro, insieme alle forze dell'ordine, per investigare sul fatto e i motivi che hanno portato al gesto.

"Crediamo sia una semplice infrazione"

"Non abbiamo notato alcuna prova di abuso di quelle informazioni", hanno spiegato dal gruppo americano in una nota. Che poi prosegue così: "Crediamo si trattasse di una semplice infrazione e non di un tentativo di sottrarre le informazioni dei nostri dipendenti". Intanto, però, sarebbero state adottate diverse misure per arginare eventuali problemi futuri.

I provvedimenti

Secondo quanto riportato, sarebbero stati presi provvedimenti nei confronti del responsabile del dipartimento pagamenti al quale è stata sottratta la valigetta di lavoro contenente l'hard disk, il quale non avrebbe dovuto portare fuori dall'azienda quelle informazioni e mettere a rischio l'hard disk rubato all'interno della sua macchina nel parcheggio di Menlo Park. Agli altri dipendenti coinvolti, invece, è stata offerta una sottoscrizione di due anni a un servizio di monitoraggio e prevenzione dei furti di identità, dal momento che il solo social security number nel sistema statunitense sarebbe sufficiente a stipulare prestiti e ad aprire conti in banca.

Che cos'è il social security number

Il social security number è un codice di nove cifre che viene assegnato ai singoli cittadini americani, residenti permanenti e lavoratori temporanei nel Paese. È una sorta di codice fiscale, ma è oncepito inizialmente per tenere traccia dei guadagni dei lavoratori nell'ambito di quanto definito nel social security Act. Attualmente, però, il numero viene utilizzato anche come strumento per identificare univocamente le persone fisiche.

Commenti

cgf

Dom, 15/12/2019 - 14:28

Mark Zuckerberg ha un bel da dire, ma a livello di sicurezza hanno falle in tutti i sensi. Ma poi ti porti in giro un supporto, neppure crittografato, dove sopra hai quei dati sensibili? Vuol dire che neanche lui si fida dei server e/o delle comunicazioni con FB