Strage di Erba, ergastolo definitivo per Olindo e Rosa

La Cassazione ha respinto il ricorso di Olindo e Rosa: la difesa dei coniugi aveva chiesto di eseguire accertamenti irripetibili su alcuni reperti mai analizzati

La Corte di Cassazione ha deciso: "no" all’incidente probatorio, e quindi alla revisione del processo, sui nuovi reperti indicati dalla difesa di Olindo Romano e Rosa Bazzi, i coniugi di Erba condannati in via definitiva all’ergastolo per la strage avvenuta l’11 dicembre 2006 nel condominio dove vivevano.

La quinta sezione penale della Cassazione ha rigettato così il ricorso presentato dai legali della coppia contro il provvedimento con cui i giudici della Corte d’appello di Brescia non avevano ammesso l’incidente probatorio sollecitato dai difensori che chiedevano accertamenti irripetibili su alcuni reperti mai analizzati.

I giudici della Suprema corte non hanno ritenuto necessari ulteriori esami su una serie di oggetti tra cui un accendino e un mazzo di chiavi. L’ergastolo per i coniugi di Erba diventa così definitivo, come già stabilito da una sentenza del 2011.

La strage di Erba

I coniugi sono stati condannati in via definitiva per l'omicidio di quattro persone: Raffaella Castagna e il figlio Youssef di due anni, la mamma Paola Galli e la vicina di casa Valeria Cherubini. Il movente sarebbe quello delle liti condominiali.

Commenti

seccatissimo

Sab, 14/07/2018 - 02:06

Ma questa coppia chi crede di essere ? Non sanno che solo le balle raccontate dai clandestini invasori, in merito alla "fuga" dal loro paese per venire in Italia sono credibili e vengono tenute in considerazione come pura e limpida verità ?

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Sab, 14/07/2018 - 08:18

Una vergogna ! In italia se sei un poveraccio rimani in galera se sei ricco te la sfanghi senza problemi. I Carabinieri sono rimasti 12 ore in cella con i due disgraziati per ottenere la loro confessione senza che ci fosse la presenza dei loro avvocati. Rifiutare di esaminare i reperti che potevano discolparli è un modo per coprire gli errori e le porcate fatte nell'inchiesta. Ricordo inoltre che l'unico testimone ferito nella strage prima non riconobbe Olindo poi dopo alcuni giorni addestrato dagli inquirenti ritrattò.

un_infiltrato

Sab, 14/07/2018 - 08:58

Esiste la Magistratura. Eccome, se esiste. Dura Lex, sed Lex!