È straniero un detenuto su due Carceri della Liguria al collasso

Se non possiamo aiutarli a casa loro, verrebbe da dire, per lo meno facciamogli scontare la pena, nel proprio Paese

Sanremo - Se non possiamo aiutarli a casa loro, verrebbe da dire, per lo meno facciamogli scontare la pena, nel proprio Paese, e questo sarebbe già un grande passo avanti. Il riferimento è al numero di detenuti stranieri nelle carceri liguri, che, dati alla mano, supera quota cinquanta per cento, rispetto ai nostri connazionali che, a conti fatti, sono meno della metà della popolazione carceraria. Col record, tra l'altro, che spetta agli africani. Dell'idea di applicare le convenzioni internazionali, affinché il detenuto straniero - poco importa se africano o europeo - sconti la pena nel proprio Paese di origine: è Michele Lorenzo, segretario nazionale del sindacato della polizia penitenziaria Sappe. "Un detenuto costa, in media, 180 euro al giorno - spiega - e teniamo presente che gli stranieri in Liguria sono 710, su una popolazione carceraria di 1382 detenuti. Un grande risparmio che consentirebbe di investire ulteriori risorse nel potenziamento delle strutture esistenti o di crearne delle nuove, con un occhio in più al personale della polizia penitenziaria, che è sempre più lasciato solo di fronte al crescente numero di reclusi e tutte le difficoltà che ne conseguono". Lorenzo, in particolare, ha ancora il "dente avvelenato" per via della chiusura del carcere di Savona, che ha creato un sovraccarico di detenuti nelle altre carceri liguri. Ma diamo un'occhiata ai numeri. In Liguria sono attivi sei istituti di pena. I detenuti italiani sono 672 e quelli stranieri 710. Il record spetta agli africani che sono 361, contro 222 europei, 31 asiatici, 94 americani e due apolidi. Nel dettaglio: a Sanremo, dati di questa mattina, sono presenti 211 detenuti, di cui 102 italiani e 109 stranieri; Imperia: i detenuti sono 88, con 51 stranieri e 37 italiani. Marassi: 687 reclusi, con 348 stranieri e 339 italiani; Pontedecimo: 132 detenuti, 62 stranieri e 70 italiani; Chiavari: 59 detenuti, 25 stranieri e 34 italiani. Ma quello dell'alto numero di detenuti stranieri non è l'unico problema che affligge la popolazione carceraria ligure. "In soli due giorni - ancora Lorenzo - nel carcere di Sanremo si sono consumati due tentativi di suicidio: uno per impiccagione e l'altro per un mix di farmaci". Prosegue Lorenzo: "E' un dato allarmante, dovuto più che al sovraffollamento, che sicuramente comporta un aspetto negativo nella convivenza dei detenuti, alla mancanza di psichiatri negli istituti di pena. Per questo motivo lancio un appello all'assessore regionale alla Sanità, Sonia Viale, affinché si proceda al più presto ad uno screening del personale sanitario nelle carceri liguri, evidenziando eventuali criticità o carenze". Il primo tentativo di suicidio è avvenuto due giorni fa, quando un detenuto ha tentato di impiccarsi ed è stato salvato in extremis dalla polizia penitenziaria. L'uomo è tuttora ricoverato in ospedale per il classico "trauma da impiccagione". L'ultimo, ieri sera, quando un altro recluso ha tentato di togliersi la vita, ingerendo una massiccia quantità di farmaci. Quest'ultimo era da due giorni, a Sanremo, ed aveva appena terminato il periodo di osservazione, con il personale che sottopone sempre ogni nuovo arrivato a visite mediche e test psicologici. A testimonianza che è necessario l'apporto di uno psichiatra in carcere, c'è anche quest'ultimo dato: "Nel corso del 2016, in tutti gli istituti liguri, si sono verificati 1800 eventi critici - conclude il sindacalista del Sappe - che vanno dall'unghia sbucciata all'impiccagione. Cinquecento sono stati gli episodi più seri. Sono dati che devono fare riflettere sulla necessità di garantire un apporto sanitario adeguato".

Commenti
Ritratto di Legio_X_Gemina_Aquilifer

Legio_X_Gemina_...

Ven, 22/09/2017 - 15:40

Un carcere deve essere luogo dove si sconta la PENA e non un albergo a 3 stelle mantenuto dalle tasse dei cittadini. E se uno vuole suicidarsi faccia pure.

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Ven, 22/09/2017 - 15:43

Costi? vantaggi? Se veramente il carcere deve servire per riabilitare un uomo o una donna, che senso ha investire tempo e danaro per mantenere gente che non appena fuori delinque come e più di prima. Fossi il Governo sancirei la non detenzione dei non cittadini italiani, tutti fuori a scontare le pene, che vorranno i loro paesi, nei loro paesi.

Ritratto di italiota

italiota

Ven, 22/09/2017 - 15:44

indovinate un po chi paga mantenere 'sti delinquenti stranieri nelle nostre carceri ?

carpa1

Ven, 22/09/2017 - 15:45

Ma non vedete che stanno invadendo ogni angolo possibile del paese? Piuttosto che rinunciare a farli entrare gli fanno riempire pure le carceri che già non bastavano per i delinquenti italiani. Ed ora, oltre alle case gratis, pure le carceri gratis gli dobbiamo dare. E lo sapete benissimo perché vengono a delinquere in casa nostra: perché nei loro paesi avrebbero un trattamento ben diverso.

exsinistra50

Ven, 22/09/2017 - 15:48

Tutte le carceri italiani sono al collasso spedite i detenuti clandestini al loro paese, devo suggerirlo io?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 22/09/2017 - 15:49

Invece di continuare a menarla con le carceri affollate,fare amnistie,depenalizzare reati "minori"(che non lo sono),consegnare alle Ambasciate dei Paesi di Origine,tutte queste "risorse che sbagliano",perche se li riportino(a loro spese) al loro Paese,a scontare nelle Patre Galere la pena,troppo difficile pensarlo???...Troppo difficile stipulare accordi "bilaterali" in tale senso???...Ah,già,l'articolo 10 della "più bella costituzione del mondo"(la nostra...),lo vieta!!!...Poi come la mettiamo con i "voti",che si aspettano da queste "risorse"?....Già,altro problema,che dimostrerebbe una "non buona accoglienza",che disturberebbe anche gli altri,il Vaticano....Che paese!!!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 22/09/2017 - 16:16

Dunque la metà dei carcerati d'Italia sono STRANIERI, che però sono solo il 5% della popolazione Italiana!! Dove sono i SO TUTTO IO, che qui scrivono sempre che gli Italiani DELINQUONO piu delle RISORSE!!! AMEN.

Vostradamus

Ven, 22/09/2017 - 16:17

Igni detenuto costa al contribuente italiano da 3500 a 12000 (dodicimila) euro al mese. Googlare per credere.

VittorioMar

Ven, 22/09/2017 - 16:20

...E COSA CI FANNO ANCORA IN ITALIA ??

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Ven, 22/09/2017 - 16:30

Ma come, gli stranieri non erano risorse?

pensaepoiagisci

Ven, 22/09/2017 - 18:28

ma porca miseria..qui si finisce tutti in rovina..dopo il carcere finito da scontare per questi delinquenti..tutti espulsi dovranno senza se e senza ma...la facciano una legge a riguardo e che diamine ..ci vuole tanto..il tempo in parlamento per legiferarla i nostri politici ce l'hanno !!!