Stretta sulle prostitute, la multa arriverà a casa: grossi guai per i clienti

L'ipotesi è di multare pesantemente i clienti delle lucciole facendo arrivare loro le contravvenzioni a casa

A Roma arriva la stretta sulla prostituzione. L'amministrazione comunale sta valutando l'ipotesi di multare pesantemente i clienti delle lucciole facendo arrivare loro le contravvenzioni a casa. "La proposta di regolamento - ha detto Rossella Matarazzo, vicecapo di gabinetto del sindaco Marino con delega alla sicurezza, in una intervista a Radio 24- deve ancora essere discussa e approvata dalla giunta Marino".

L'idea delle multe non è nuova. Già il sindaco Ignazio Marino aveva parlato, nei primi mesi dell’anno, della possibilità che i clienti delle prostitute - in zone, ad esempio, particolarmente frequentate dalle famiglie - venissero sanzionati con "una multa recapitata a casa in cui si dice chiaramente che la sanzione di 500 euro è legata al fatto che si intrattenevano" con le lucciole. Un’ipotesi che però aveva visto contrario il Garante della privacy. Nei mesi successivi anche il prefetto Franco Gabrielli si era espresso a favore della misura delle multe sostenendo che il fenomeno della prostituzione potrà essere "fortemente compresso se non annullato, attraverso multe salatissime nei confronti dei clienti".

Oggi la Matarazzo, che sta curando l’ammodernamento del regolamento di polizia urbana, fermo a 68 anni, fa ha spiegato: "Sul tema della prostituzione pensiamo di concentrare le sanzioni sui clienti che sono uno degli anelli della filiera. Stiamo pensando a una sanzione di 500 euro per i clienti ma al tempo stesso una sanzione anche per la prostituta, di importo inferiore. La sanzione arriverà a casa, così le mogli saranno ben liete di riceverla... Cosa ci sarà scritto? Ci sarà l’indicazione della sanzione, magari sarà semplicemente una violazione del codice della strada - precisa -. Però è difficile spiegare alla moglie perchè ci si trovava alle 2 di notte sulla Salaria...". Secondo la responsabile sicurezza del Gabinetto dei sindaco Roma non abbandona l’idea dello zoning, "ma quello è un progetto più complesso". "Anzi pensiamo di utilizzare parte degli introiti delle sanzioni per progetti di vicinanza e recupero delle prostitute vittime di tratta".

Commenti

i-taglianibravagente

Mar, 08/09/2015 - 15:00

Si sa che e' l'unica cosa che funzionerebbe veramente....ed e' per questo che non si e' mai fatto.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 08/09/2015 - 15:01

e scommetteremo che in qualche modo questo provvedimento verrà ritirato oppure dirotterà i vigili urbani verso altri posti.... :-) si sa, agli uomini come renzi piace essere potenti con il cullo degli altri....

Ritratto di semovente

semovente

Mar, 08/09/2015 - 15:02

APRITE LA CASE CHIUSE E TUTTI NE TRARRANNO BENEFICIO, COMPRESO LO STATO VAMPIRO.

vince50

Mar, 08/09/2015 - 15:10

Non è mia abitudine frequentare prostitute,non ne ho bisogno e in ogni caso lo trovo riduttivo e scialbo.Però ritengo questa soluzione una bastardata in piena regola,inevitabilmente sarà fonte di guai per famiglie intere.Le soluzioni sarebbero bene altre,ma come al solito la saggezza e soluzione alla fonte dei problemi non sono cosa per noi.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mar, 08/09/2015 - 15:10

io multerei le mogli dei clienti delle prostitute. se si comportassero da mogli, I mariti non andrebbero a puttane

marygio

Mar, 08/09/2015 - 15:11

chi ci mette la gnocca paga meno dich ci mette il c? questo è razzismo....AHHHHHHHH

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Mar, 08/09/2015 - 15:13

Legalizzare la prostituzione in luoghi appositamente adibiti.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mar, 08/09/2015 - 15:16

Mah, dubito che questo provvedimento sarà approvato, va controcorrente, in Parlamento ci sono varie proposte di legge per legalizzare la prostituzione ... Marino ha forse intenzione di essere cacciato a furore di popolo (già parecchio incazzato)? Mi meraviglio poi di Gabrielli, che sembra una persona intelligente. Come si va a dire che le multe possono comprimere o annullare la prostituzione? Boh ...

Ritratto di GIANCAGIO

GIANCAGIO

Mar, 08/09/2015 - 15:21

Ma braviii! Così i Romani con pensione di invalidità PER CECITÀ aumenteranno rapidamente fino a comportare una spesa insostenibile per l'INPS...

Cheyenne

Mar, 08/09/2015 - 15:30

Le solite idiozie italiane. Non sapendo ripristinare le case d'appuntamento e far pagare le tasse a queste lavoratrici, ce la pigliamo con i clienti. Cose becere da idioti

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mar, 08/09/2015 - 15:42

Geniale. Si criminalizza il cliente distruggendone la famiglia per debellare la prostituzione e, contemporaneamente, salvare le prostitute coi soldi dei clienti che nel frattempo sono spariti. Che faranno le prostitute, batteranno cassa in comune?

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Mar, 08/09/2015 - 15:43

Uffa... adesso per farmi un puttantour dovrò prendere la bicicletta!

dot-benito

Mar, 08/09/2015 - 15:45

che sxxxxxi mi sa che ci mangiano anche qui i soliti noti

01Claude45

Mar, 08/09/2015 - 15:48

Poiché nel mondo ci sono froci e normali, il PD vuole annientare i normali per comandare e per renderli simili a loro: segaioli a manetta.

Max Devilman

Mar, 08/09/2015 - 15:50

Marino vuole attirare su di se l'appoggio di certo clero....patetico. Come patetico è il clero e chi lo sostiene perchè crede siano dei santi quando invece sanno solo costruire lobby a tutela di loro stessi e a sostegno del loro potere personale.

01Claude45

Mar, 08/09/2015 - 15:52

Ignazio Marino, Franco Gabrielli, Matarazzo! Mi fanno pensare molto ed arrivo a concludere: i primi due vogliono le multe con lettera alla moglie per invidia di chi si può permettere la "scopata" libera, la terza per vendetta.

Ritratto di LucedellaSera

LucedellaSera

Mar, 08/09/2015 - 15:53

Ci mancava pure la tassa sul sesso. Chi va a prostitute di solito è chi non può permettersi le escort, che costano almeno dieci volte tanto ed esercitano in luoghi privati. Il solito provvedimento classista, mentre politici e imprenditori possono continuamente godersi questo privilegio. Anche se poi li beccano, vedasi Marazzo, alla fine con il soccorso rosso ti piazzano corrispondente Rai a Gerusalemme.

Francostars

Mar, 08/09/2015 - 15:55

Affermo che le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell'Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso. In più per le medesime ragioni, i primi provvedimenti suddetti non possono essere emessi per problematiche permanenti ed i secondi non possono riguardare materie di sicurezza e/o ordine pubblico.Inoltre, tale operazione è una palese violazione della privacy, con tanto di possibile indennizzo a chi subisce il relativo danno.

Ilgenerale

Mar, 08/09/2015 - 15:56

Io me ne frego del mignottone di strada, solo Escort o FKK !

polonio210

Mar, 08/09/2015 - 16:29

E' strano che il sindaco Marino,ed i suoi sottoposti,vogliano multare i clienti solo delle prostitute,e quelli dei trans e dei travestiti no?Allora c'è della discriminazione sessuale!Ma seriamente:tutto questo serve solo a raccattare dei soldi,che il comune,multando chi si prostituisce,non riesce a prendere.Ritengo,comunque,che anche le multe inflitte a chi si prostituisce siano illegali per il motivo che la prostituzione non è vietata da nessuna legge dello Stato italiano.Legalizzare le case chiuse o la prostituzione in appartamento,poi fargli pagare le tasse e,dopo ciò,multare chi si prostituisce in strada ed i clienti,allora si che sarebbe legale.

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Mar, 08/09/2015 - 16:31

NON POTREBBERO PIÙ SEMPLICEMENTE PUNIRE LE BATTONE, RIMANDANDO LORO A CASA PROPRIA? O È SOLO UN NUOVO ESPEDIENTE PER FARE CASSA?

Ritratto di ANGELO LIBERO 70

ANGELO LIBERO 70

Mar, 08/09/2015 - 16:39

La battaglia contro la prostituzione, così come quella contro lo spaccio, sono battaglie perse. Tutti lo sanno, ma ognuno fa a gara per dimostrare che useranno il pugno più duro degli altri e quindi vinceranno (raccogliendo voti). La ricetta? Legalizzare, togliere i maggiori introiti con cui si arricchiscono le cosche, fare prevenzione e investire i soldi risparmiati (in forze di polizia, processi e detenzioni)nel recupero di chi vuol essere recuperato.

pol

Mar, 08/09/2015 - 16:58

"Ci sarà l’indicazione della sanzione, magari sarà semplicemente una violazione del codice della strada": cioe' si inventano una violazione inesistente del codice della strada per dare una multa visto che non esiste una legge scritta in modo decente e chiara sull'argomento? Quindi il comune spera che nessuno faccia ricorso visto che sta dichiarando il falso sanzionando qualcosa che non e' stto commesso e perderebbe ogni causa

eloi

Mar, 08/09/2015 - 17:03

Potrebbe essere una buona idea. PERO', si punisce chi conuma tale merce e si lascia libero chi consuma droghe? Se ne ricava che tanti amministratori sniffano. Eppure il giro è in modo esponenziale molto più alto. Non mi dite che chi spaccia non è riconoscibile.

Ritratto di giangol

giangol

Mar, 08/09/2015 - 17:09

con tutti i negri clandestini e schifezza straniera che ci sono in italia andare a prostitute è un rischio. meglio la svizzera

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Mar, 08/09/2015 - 17:13

Questa è pura e laida "delazione". Se un governo (si fa per dire) non è capace di risolvere un problema in modo civile e scende a simili vigliacchi "dispetti", ha da vergognarsi molto di più di quanto lo dovrebbero fare i disdicevoli protagonisti dei fatti.

Gianca59

Mar, 08/09/2015 - 17:40

Invece di legalizzare e organizzare la prostituzione per farne una fonte di introiti, gli scienziati che ci governano a tutti I livelli distruggono un mercato....

corbin

Mar, 08/09/2015 - 17:44

perchè il papa non si occupa anche di questa faccenda? venisse sotto casa nostra a vedere il passaggio notturno dei trans!!! perchè il papa non parla di questo e nessuno lo spinge a farlo invece che favorire l'immigrazione clandestina?

Rothbard73

Mar, 08/09/2015 - 17:52

E se uno prende una multa vera alle 2.00 di notte sulla Salaria? Si rendono conto del danno che possono creare ? Se lo stato (o nel caso il Comune) vuole rendere illegale la prostituzione.. lo faccia con una legge. Io personalmente sono contrario .. ma ripeto.. se vogliono rendere illegale la prostituzione.. o la sola prostituzione per strada.. facciano una legge e sanzionino chi si prostituisce. Ma questa cosa delle multe è una farsa! Che rischia pure di fare gravi danni!

WSINGSING

Mar, 08/09/2015 - 17:52

I proprietari e gestori di motel e alberghi faranno affari d'oro......

rokko

Mar, 08/09/2015 - 18:06

Ma se uno vuole andare a prostitute saranno cazzacci suoi ? Perché la mxxta ? E poi, se polizia, carabinieri, vigili ecc. chiudono un occhio e lasciano fare alle prostitute, con quale faccia di cxxo si manda la mxxta a casa dei clienti ? Mah

vinvince

Mar, 08/09/2015 - 18:07

... se il regolamento riguarderà anche il mondo gay, per i sinistrorsi saranno cavoli amari e multe a manetta ...

Zizzigo

Mar, 08/09/2015 - 18:09

Vecchissima puttxxxta che non ha mai realmente funzionato... in compenso, il comune potrebbe incorrere in tristissimi guai.

att

Mar, 08/09/2015 - 18:12

RIDICOLO!...perché non si punisce la prostituzione?!!... Ignorarla non significa che non esiste, anzi fiorisce pure!... Gli spacciatori di droga sono puniti, anche pesantemente, le "spacciatrici" di sesso invece NO!?!

vinvince

Mar, 08/09/2015 - 18:16

... se il regolamento riguarda anche il mondo gay, per le capre rosse saranno cavoli amari con i loro amichetti e multe a manetta ...

baio57

Mar, 08/09/2015 - 18:23

Invece Marrazzi e Sircani possono TRANSitare tranquilli .......

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 08/09/2015 - 19:01

Cosi alla fine fregano i poveracci che non possono piu andare a zoccole, mentre l'elite culturale finanziaria del bel paese si fotte escort da 1000 a notte e nessuno dice nulla. Politica classista.....

beppechi

Mar, 08/09/2015 - 19:01

conoscendo il soggetto Marino manderà a casa dei clienti le prostitute. I suoi consiglieri gli hanno detto che è un bel business

beppechi

Mar, 08/09/2015 - 19:03

giusto, ma secondo lo stesso principio in carcere devono andare i tossicomani non gli spacciatori

vincenzo1956

Mar, 08/09/2015 - 19:07

La contravvenzione come noto va notificata immediatamente,salvo alcune eccezioni chiaramente indicate dalla legge dovute all'impossibiita' di procedere alla notifica immediata.La mia impressione quindi,essendo di conseguenza possibile pagare immediatamente,e' che si tratti di una boutade.

mariolino50

Mar, 08/09/2015 - 19:12

SE non sbaglio la prostituzione NON è un reato, lo sono fatti collaterali, allora apriamo apposito locali o alberghi dove tale attività sia fattibile, come nei paesi limitrofi. Neanche Stalin è riuscito a farla sparire, del resto è il mestiere più antico del mondo.

onurb

Mar, 08/09/2015 - 19:12

Non credo che le mogli abbiano bisogno che arrivi a casa una multa per infrazione stradale sulla via Salaria alle due di notte per capire che il marito era a scazzafottere da qualche parte. Quale moglie è così stupida da non capire cosa stia facendo il marito se lei alle due di notte è a casa e il marito no. Come al solito con la scusa del dagli al cliente delle prostitute si vuole fare cassa.

brunicione

Mar, 08/09/2015 - 19:20

I politici Italiani, non la approveranno mai, cosa diranno alle mogli quando arriva la multa ??????? anzi, le multe.

vincar

Mar, 08/09/2015 - 19:44

Bravo Marco Piccardi. E' la prima volta che leggo un commento tanto sagace ed indovinato su questo argomento. In un altro Paese normale, avrebbero risolto questo "problema", da quarant'anni. Ma in Italia purtroppo, alla politica bacchettona ed insulsa va bene così. Fa comodo, lo dice anche il Vaticano......

Ritratto di Sniper

Sniper

Mar, 08/09/2015 - 19:58

La reazione dei commentatori e` esilarante, sembra quella che gli stessi lettori hanno quando il Giornale rivela l'ultima minaccia di Equitalia. In altre parole il Giornale conosce i suoi polli: Evasori e Putt.ani.eri uniti contro la legge (sembra il ritratto di un noto politico).

Anonimo (non verificato)

Ritratto di aresfin

aresfin

Mar, 08/09/2015 - 22:51

Delle puttanone non mi frega nulla, però l'idea è buona e bisogna applicarla subito ai clienti dei venditori ambulanti abusivi di merce contraffatta, a tutti quegli extra che ingrossano il malaffare della mafia e camorra.

Ritratto di giangol

giangol

Mar, 08/09/2015 - 22:57

meglio andare a prostitute che essere froci e prenderlo in culo

Ritratto di BM1883

BM1883

Mer, 09/09/2015 - 00:13

caro Sniper, pure qui ti trovo? ti sto seguendo...giangol ti ha espresso chiaro e limpido il problema. Poi che sei ossessionato da Silvio non ci piove. Non ti balena per la mente che si sta commentando una trovata tanto insulsa quando inapplicabile? Già, ma tu pur di dare addosso a chi scrive qui saresti capacissimo di andare anche contro le tue idee. Ripigliati

erie51

Mer, 09/09/2015 - 08:30

e la multa alle prostitute NO?????sono loro che incassano soldi senza pagare le tasse.tutto guadagno!!!!

Edmond Dantes

Mer, 09/09/2015 - 09:08

E per le clientele di quei politici che saltano da destra a sinistra, vere prostitute del potere, come la mettiamo? Multeranno anche loro ? O saranno esentati da un "emendamento Alfano" ?

onurb

Mer, 09/09/2015 - 09:14

Sniper. Meglio putt.ani.eri che gay o onanisti.

liberalone

Mer, 09/09/2015 - 09:19

Sig. Piccardi, evidentemente lei non conosce i mariti e, soprattutto, non conosce le mogli. In ogni vaso le consiglio di non generalizzare e non banalizzare il problema.

Edmond Dantes

Mer, 09/09/2015 - 13:59

@Sniper. Scommetto che lei non saprebbe dirmi quale è stata storicamente la più grande conquista sociale della sinistra, pur usufruendone abbondantemente. Un passo indietro: la destra pensava da sempre che l'imbecillità fosse una colpa da nascondere; ma poi, come nelle favole, finalmente arrivò la sinistra e grazie alla sua "cultura equa e solidale" promosse l'imbecillità a diritto da esibire orgogliosamente. Saluti berlusconiani e ad maiora.