Stupro di Firenze, versione del carabiniere più giovane: "Celeste mi ha preso per il braccio prima di scendere"

Piero Costa, il carabiniere più giovane e accusato insieme al collega Camuffo dello stupro a Firenze di due studentesse racconta la sua verità

Piero Costa, uno dei due carabinieri accusati di aver stuprato due studentesse americane, ha deciso di raccontare la sua versione dopo giorni di silenzio. Insieme a lui è accusato il capopattuglia e collega Marco Camuffo.

La versione del più giovane

Costa ha spiegato che insieme a Camuffo è intervenuto nella discoteca di piazza Michelangelo per sedare una rissa. Durante il sopralluogo - ha riferito il carabiniere ai pm - "abbiamo conosciuto Celeste e Tatiana, 19 e 22 anni. Celeste mi ha fatto uno squillo sul mio cellulare e mi ha detto 'Così domani mi chiami e ci vediamo'", come racconta TgLa7. La serata si è poi svolta diversamente. I due militari ritrovano le due studentesse fuori dal locale, alla ricerca di un taxi. Camuffo si offre di dare loro un passaggio. Le portano fino a casa, in un appartamento in centro.

Al momento di scendere però Celeste avrebbe tirato un braccio a Costa: i due, secondo quanto riportato Libero, si sarebbero quindi baciati e avrebbero consumato un "rapporto veloce e consensuale nell'androne, interrotto - ha precisato l'agente - appena sono stato colto da lucidità improvvisa. Celeste era sobria e mi ha salutato". Gli esami, eseguiti sulle ragazze, però precisano però che entrambe erano in stato di ebbrezza dopo una notte trascorsa a bere.

Commenti

MASSIMOFIRENZE63

Mer, 20/09/2017 - 09:22

C'è un fatto molto strano in questa storia. Un militare, tiene molto caro il suo stipendio e la sua pensione, e nel caso dei due CC la cosa è ancora più valida per quello di 50 anni con tre figli. Ora io non credo possibile che un militare si giochi stipendio e pensione per divertirsi 10 minuti, quando lo stesso sfizio se lo poteva togliere dando 100 euro a una prostituta. Ergo, quando i due militari hanno consumato il rapporto, non pensavano minimamente che queste due ragazze li avrebbero denunciati, cosa fa pensare che le due studentesse al momento erano consenzienti. Poi ovviamente, consenzienti o non consenzienti, a questo punto fa poca differenza perché se erano ubriache ricorre comunque il reato dello stupro + tutti i reati militari come la violata consegna.

Ritratto di Joker2

Joker2

Mer, 20/09/2017 - 09:49

MASSIMOFIRENZE63 Gira e rigira, alla fine l'hai detta! Di tutta questa pessima stori,a in cui i due, hanno offeso e disonorata la divisa che indossavano e alla loro dignità personale e professionale, ed alla faccia di tutti gli altri militi e F.O. che in quella serata, avevano e continuano tutt'oggi ad espletare con dovizia e con onore ad espletare prodigandosi nel proprio dovere nell'assicurare sicurezza alla popolazione. La violata consegna è un reato militare,oltre a quello penale per interruzione di pubblico servizio, dovrebbero essere i reati da addebitarli e non lo stupro, che molto probabile, le due si siano ubriacate dopo, per completare la serata!

Libertà75

Mer, 20/09/2017 - 09:55

Ricapitoliamo i fatti da persone razionali, quindi dubbiose per principio. I 2 carabinieri entrano nel palazzo per un rapporto fugace (comprensibilissimo il fascino del 33enne) e fisicamente consenziente (con persona lucida o non lucida, questo lo vedremo). Dopodiché salutano le ragazze e rientrano nella loro auto alle 3.13. Presubilmente le avevano già salutate da alcuni minuti. Le 2 ragazze entrano nell'appartamento e raccontano alle coinquiline la loro serata. Le coinquiline affermano che una era "quasi" svenuta (quindi non era svenuta, forse era solo alticcia). Alle 4 arriva la chiamata alla polizia. In 50 minuti le coinquiline convincono a denunciare lo stupro. Qualcosa non torna, se una era veramente moribonda perché non hanno chiamato in autonomia loro stesse?

COSIMODEBARI

Mer, 20/09/2017 - 09:56

Il problema è uno solo, e risolve il caso a sfavore dei due carabinieri. Ovvero colui che indossa una divisa, qualunque essa sia anche quella dell'ausiliario del traffico cittadino, nelle ore in cui la indossa deve solo rispettare tutto quello che quella divisa gli consente e gli vieta. Uscendo fuori da questo seminato per forza di cose chi indossa la divisa si trova al termine del rapporto divisa-persona. Poi al di fuori dell'uso della divisa. la persona più spregiudicata o folle del mondo, può anche permettersi, sotto la propria responsabilità, di essere il Dr. Jekyll e Mr. Hyde.

Libertà75

Mer, 20/09/2017 - 10:04

@massimofirenze, ubriaco fradicio, alticcio o brillo fa molta differenza. Quante volte lei vede persone ubriache per strada e forze di polizia che controllano soltanto che non siano violenti e siano in grado di deambulare autonomamente? Se fossero tutti non in grado di intendere e volere allora andrebbero arrestati per sicurezza pubblica. Lei si è mai ubriacato? Questa storia della minorata difesa è applicabile qualora le ragazze fossero ad uno stato di alterazione non in grado di percepire la realtà intorno a sé. Non è che poiché sei brilla ed euforica allora sei minorata. Se fossero state in coma etilico, perché non hanno chiamato le coinquiline?

MASSIMOFIRENZE63

Mer, 20/09/2017 - 10:12

@ Joker2. Eh si, questi due hanno commesso comunque dei reati militari che sussistono in modo indipendente dal fatto che le due ragazze fossero d'accordo oppure no. Tuttavia i due CC, a meno che non fossero impazziti, mai e poi mai avrebbero fatto sesso con quelle due se solo avessero avuto il sospetto che quelle li avrebbero denunciati e quindi rovinati.

Libertà75

Mer, 20/09/2017 - 10:21

@cosimodebari, un carabiniere è carabiniere anche senza divisa, ma aldilà di questo, lo stupro sulle ragazze è una cosa diverso della stupro alla divisa. E non è che avendo insultato la propria divisa, ora sono responsabili anche di ogni cosa gli si contesti.

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mer, 20/09/2017 - 10:43

La situazione è molto ambigua e sicuramente non parlerei di stupro come ne abbiamo sentito parlare in questi giorni per altri casi, vedi ambulatorio e vedi parco romano. Purtroppo la divisa per loro è un aggravante in quanto sia le istituzioni militari che quelle politiche vogliono la testa dei due carabinieri, a prescindere. Se i due militari avessero avuto la furbizia di aspettare la fine del turno, sono certo che oggi non se ne parlerebbe. Resta forte il dubbio che le due ragazze siano state indotte alla denuncia.

piccius

Mer, 20/09/2017 - 11:02

Si sono dimostrati carabinieri anche in questo caso, e poi si domandano perché facciano barzellette su di loro.

Ritratto di Joker2

Joker2

Mer, 20/09/2017 - 11:13

Roberto_70 Siano state indotte, o hanno premeditato il tutto, forse capitava anche a qualche altro idiota di essere invitato e poi denunciato per violenze, ma indubbiamente i due CC, non dovevano assolutamente cedere alle due ! Per precauzione, oggi, bisogna portarsi appresso un contratto dichiarazione, da far firmare alla cedente consenziente!

Ritratto di adoroilmare

adoroilmare

Mer, 20/09/2017 - 11:30

i due carabinieri vanno puniti su questo non si discute ... ma il racconto non mi pare tanto campato per aria ... avete mai visto quanto bevono queste turiste quando sono in giro ????

COSIMODEBARI

Mer, 20/09/2017 - 11:33

@Libertà75 lo stupro di una donna è gravissimo. Ancora di più se si è in divisa, perchè gli stupri diventano automaticamente due. Quello verso la donna e quello versa la divisa. Ma anche se fosse stata solamente una sveltina mentre si era in servizio, sarebbe diventato automaticamente stupro della divisa, quindi dell'Arma di appartenenza. Questi due dovevano già ritrovarsi senza divisa ed ad affrontare il processo di competenza, che non poteva in alcun modo ricucire addosso la divisa tolta.

Trifus

Mer, 20/09/2017 - 12:02

E' evidente che i carabinieri non le hanno violentate, se così non fosse andrebbero sottoposti ad un TSO. Le signorine erano sobrie ed hanno bevuto dopo il fatto. Sarebbe il primo caso al mondo dove i tutori dell’ordine, in coppia e in divisa vanno in giro a violentare in ascensore e nell’androne di un palazzo dove possono benissimo essere visti, lasciando lo sperma a testimonianza della violenza e senza immaginare che queste non li denuncino. I due (ex) carabinieri sono in primis due boccaloni, ma non hanno usato violenza. Per il resto concordo con i commentatori tranne piccius che deve essere piemontese e usa il suo pseudonimo latinizzando il picio ed è appunto una testa di piccius.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 20/09/2017 - 12:18

l'auto dei carabinieri non è un taxi, poi non dovevano fare quello che hanno fatto visto che erano in servizio. Invece di controllare la città loro se la spassavano con le ragazze, ma vi sembra tutto normale? Poi dicono che manca l'organico.

ruggerobarretti

Mer, 20/09/2017 - 12:51

Ormai e' chiaro: i due idioti sono stati violentati. Almeno cosi' sembrerebbe, visto il tenore di molti, troppi commenti.

Libertà75

Mer, 20/09/2017 - 13:30

Ormai è chiaro, frequentare i centri sociali deturpa irremediabilmente la propria materia grigia. Almeno, così sembrerebbe visto il tenore dei soliti commentatori che da lì provengono.

altanam48

Mer, 20/09/2017 - 13:51

Basta!!!! Non li voglio più sentire questa coppia di.......Se le cose stanno come le abbiamo apprese dai giornali, ficcateli dentro e cacciateli subito dall'Arma, perchè il male peggiore l'hanno fatto ai loro colleghi , per nostra fortuna sostanzialmente tutti, che svolgono onestamente e, talora con grande sacrificio, il proprio dovere.

Trifus

Mer, 20/09/2017 - 13:52

Proprio così ruggerobarretti 12:51, sono stati adescati, è evidente, ma qui nessuno li assolve. Sono tutti concordi nel dire che vanno radiati dall'Arma dei carabinieri , processati e condannati. Leggi quello che scrive COSIMODEBARI secondo me è un carabiniere in congedo, o forse in servizio non lo so, ma la pensa esattamente come me che sono figlio di un maresciallo dei carabinieri ed ho svolto il servizio di leva nei carabinieri. C’è un limite anche alla stupidità e loro, i due ex carabinieri, l’hanno superato infangando l’Arma. Poi ci sono le prefiche che approfittano dell’occasione, anzi sono contenti perché possono sparare ad alzo zero contro l’Arma dei carabinieri buttando il bambino con tutta l’acqua sporca. Due mele marce non rappresentano l’Arma. Rimango comunque fiero di essere un carabiniere ausiliario in congedo.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 20/09/2017 - 14:21

Ci sono delle donne come questa Celeste e Tatiana, che non sanno resistere al FASCINO DELLA DIVISA, salvo poi pentirsene SUBITO DOPO!!! AMEN.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mer, 20/09/2017 - 15:53

^°@°^ Ecchilo un'altro caso dove esponenti Delle forze che dovrebbero tenere l'ordine non hanno seguito il mio consiglio, uscire con la gazzellona a 6 posti, i due di pattuglia, due body guard e due avvocati difensori. I body guard nel caso le turiste fossero andate in escandescenze per giunta notturne,gli avvocati pronti, appena espletato l'atto, a farle firmare una liberatoria, in presenza di testimoni,con tanto di prova etilometrica. Se avessero agito seguendo questi minimi canoni di sicurezza le studentesse , anche se hanno studiato, in caso di denunce sarebbero rimaste con un palmo di naso.

ruggerobarretti

Mer, 20/09/2017 - 15:54

se ti riferisci a me liberta75, ti sbagli e di molto. Difendendo l'indifendibile dimostri tu di essere uomo da centro sociale. Io di Sociale conservo ben altri ricordi e comunque mi tengo ben alla larga da chi in divisa va a procurarsi qualsiasi tipo di benefit, capito mi hai??!!!

Libertà75

Mer, 20/09/2017 - 17:36

@ruggerobarretti, io difendo l'indifendibile? Ti sbagli, io pongo in essere solo dei ragionamenti. Tu eviti di ragionare? E sarebbe colpa mia che non usi il cervello? Cerca un solo post in cui io difendo i carabinieri, resto solo critico sul tutto. Il fatto che ci siano 2 versioni contrastanti, non vuol dire che le accusatrici hanno ragione. A te basta la dichiarazione di una donna, a me servono delle prove. C'è una bella differenza, a te basta il sospetto, a me serve la certezza. Capito mi hai?

INGVDI

Mer, 20/09/2017 - 17:50

Alticce sì, ma coscienti, tanto da divertirsi e successivamente pentirsi su invito delle compagne. I carabinieri sono giustamente da punire, ma le donzelle furbette anche. Per falso.

ruggerobarretti

Mer, 20/09/2017 - 21:41

Gia' me ne dovrei fregare, si proprio così, di uno che attribuisce patenti al prossimo. E se lo stupido invece fossi tu??? E se i tuoi (s)ragionamenti fossero, come sembrano, solo seghe mentali??? Per quello che mi riguarda mi bastano i racconti dei due pseudo rappresentanti delle forze dell'ordine, mi basta sapere tutte le gravi, gravissime infrazioni che hanno commesso. Il resto sono, per quello che mi riguarda, solo patetiche giustificazioni, rese ancora piu' gravi perche' poste in essere da UPG. Come passano le serate le americane a Firenze lo so benissimo e sicuramente lo sapevano anche sti due tizi; a me non mi hanno mai circuito, vero e' che non ci sono mai andato in cerca, anche perche' son tutte ragazze dell'eta' di mia figlia. Sui due vitelloni nutro piu' di un dubbio che non si siano approfittati della situazione e soprattutto che abbiano sfruttato il potere della divisa. Mi auguro solo che siano la famosa minoranza fisiologica, sara' così????

Ritratto di jasper

jasper

Mer, 20/09/2017 - 21:42

Come la volete rigirare questi due Carabinieri sono due veri imbecilli che vanno cacciati dall'Arma oltre a subire tutte le altre conseguenze.

vendettalorenzo

Mer, 20/09/2017 - 22:56

quello che non capisco è come ha fatto a prendergli il braccio dato che i vani dell'auto sono divisi dal vetro....

Libero 38

Gio, 21/09/2017 - 02:02

Volete vedere che alla fine i due id.... senza cervello vengono assolti per non aver comesso il fatto.

Mannik

Gio, 21/09/2017 - 07:25

Libertà 75 - Ma quale film si sta facendo? Legga gli articoli delle ultime settimane.

ruggerobarretti

Gio, 21/09/2017 - 08:12

grazie redazione per aver censurato la mia pacata risposta ad un elemento che si permette di offendere il prossimo. Grazie mille!!!!

Silvietta2017

Gio, 21/09/2017 - 09:29

Non tantissimo tempo fa abitavo vicino ad una caserma dei carabinieri, per anni ho visto le varie amanti entrare ed uscire negli orari di ricevimento , per cui direi che , un militare tiene molto al suo stipendio certo, ma rimane un uomo , c'è poco da fare. I reati che hanno commesso sono sotto gli occhi di tutti , se le due ragazze erano anche brille ( non voglio dire ubriache) , dovevano lasciare stare, sia come militari che come uomini, tempo 3 ore e avrebbero finito il turno per darsi alla pazza gioia. Non hanno resistito , mentre avrebbero dovuto fare il loro dovere.

Libertà75

Gio, 21/09/2017 - 13:54

@ruggero, guarda che c'è il tuo commento, e poi per cosa ti saresti offeso? Per la definizione "centro sociale"? ma se l'hai rispedita al mittente... Io non ho mai discusso in merito alla colpevolezza dell'inappropriatezza dei loro comportamenti, certamente inopportuni fino a giungere al disgusto. Quindi, se vai cercando giustificazionisti, hai sbagliato controparte. Venendo al reato di stupro, il punto dirimente è la questione della "minorata difesa". Lei ha sufficienti certezze, io no, gliel'ho già detto. A lei basta la conferma di un rapporto sessuale, io invece voglio capire se costoro fossero o non fossero libere di decidere. Questo non giustifica il comportamento dei carabinieri! Capito mi hai?

Libertà75

Gio, 21/09/2017 - 14:40

@ruggerobarretti, 2^invio, guardi, non penso che lei non abbia restituito le presunte offese raddoppiandole, quindi non si vittimizzi perfavore. Per il resto, le ripeto che non difendo i carabinieri per il loro comportamento inqualificabile. Non nego che loro abbiano fatto sesso, non nego che loro abbiano mancato la consegna o che abbiano usato impropriamente l'automezzo a loro disposizione. Io ho solo esposto che per esser considerato stupro deve valere, nella fattispecie, la condizione di "minorata difesa". Io ho una domanda per te, se tu commetti 2 reati e te ne contestano 3, ti dichiari colpevole di tutti e 3?

ruggerobarretti

Ven, 22/09/2017 - 14:17

Commento del 21 non pubblicato, quindi riprovò. Concludo qui la polemica rammentando che essere definiti stupidi non è propriamente un complimento e quindi io ho reso pan per focaccia. Tema minorata difesa: per me la si configura quando sei ubriaca come raccontano in questo caso i media; quando sei in divisa ed armato, come in questo caso, perché è innegabile che si abbia una certa sudditanza segue

ruggerobarretti

Ven, 22/09/2017 - 14:26

Segue: quando dopo una slinguazzata dai per scontato che si passi alla trombata. Per questo credo che i due vitelmiliti la raccontino meno giusta delle due amerivacche, non ci vedo complotti, secondi o terzi fini, ma solo un disgustoso abuso di potere. Magari poi la verità processuale sarà diversa, ma lo fu anche per il capitano che nel '79 agì in una certa maniera in una certa piazzetta romana.

Libertà75

Lun, 25/09/2017 - 15:45

@ruggero, purtroppo certi epiteti scappano in certi tipi di forum, tra il resto ti faccio notare che il primo a presupporre un disturbo nelle altrui persone sei stato tu (ore 12.51), quindi vagamente inutile lamentarsi se poi si viene appellati nel modo sottile che si è definito gli altri, direi che è normale. Concluso questo discorso, sulla minorata difesa: per tutti si configura quando una delle due persone è ubriaca. Siamo d'accordo. Il punto che non siamo io o te a decidere quando una persona è ubriaca. Per quanto riguarda l'arma, questa fattispecie non sussiste perché non sono state rilevate violenze nell'atto sessuale (che sono riscontrabili dai sanitari). Quindi restiamo esclusivamente nel perimetro della definizione di persona ubriaca al punto da non riuscire ad intendere e volere liberamente. Compreso?

Ritratto di ALCE BENDATA

ALCE BENDATA

Lun, 09/10/2017 - 04:40

Purtroppo una parte delle giovani americane che giungono in italia per studiare é mezza marcia e si comporta in modo equivoco. Io che sono un innocentista per natura nel caso Amanda Knox.. non nutrivo molti dubbi nel considerarla colpevole.