Stupro di Rimini, Polonia invia investigatori: "Non lasceremo questa cosa agli italiani"

La brutale aggressione diventa un caso internazionale e la Polonia invia un giudice istruttore e alcuni investigatori che affiancheranno i colleghi italiani: "Vogliamo portare in Polonia questi criminali "

Il caso dello stupro di Rimini è diventato internazionale. Dalla Polonia arriveranno un giudice istruttore e alcuni investigatori che affiancheranno i colleghi italiani nella indagini. La decisione è partits dal ministro della Giustizia polacco Zibgniew Ziobro.

Ora la Polonia vuole giustizia

I polacchi sono determinati a fare chiarezza e arrestare gli stupratori della coppia aggredita in spiaggia nella notte tra venerdì e sabato al bagno 130. Non è una novità, lo si era capito dalle parole del viceministro della Giustizia polacco, Patryk Jaki, che ha twittato un secco "per le bestie di Rimini dovrebbe esserci la pena di morte anche se per questo caso vorrei ripristinare la tortura".

Ziobro invece è stato più pacato, ma di certo non meno duro: "Quest’azione rapida è dettata dalle circostanze, vogliamo raccogliere in tempi veloci le prove". E infatti 3 emissari del governo arriveranno in Italia, il motivo? Lo spiega senza troppi giri di parole Jaki al quotidiano conservatore Rzeczpospolita: "Non lasceremo questa cosa agli italiani. Vogliamo portare in Polonia questi criminali e sbatterli nelle nostre prigioni", come riportato da Il Resto del Carlino.

Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 29/08/2017 - 11:51

Italiani e magrebini stessa razza? No cari polacchi. L'Italia ha aiutato la Polonia a redimersi dal comunismo, vero? Ecco. adesso le zecche e i pidocchi "democratici" ce le abbiamo addosso noi. Per favore, aiutateci a ripulirci da gentaglia come Napolitano, Boldrini, Alfano, Renzi, Gentiloni, Bergoglio... Chi più ne ha più ne metta.

Ritratto di kardec

kardec

Mar, 29/08/2017 - 12:24

Caro Sig. Robe.... LEI HA RAGIONE DA VENDERE !.

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Mar, 29/08/2017 - 12:43

Gente con le palle!

Ritratto di Nahum

Nahum

Mar, 29/08/2017 - 12:58

Esistono regole sulla giurisdizione e sulla,competenza penale. Ma è pur vero che l'attuale governo polacco non è molto interessato allo stato di diritto e le regole se le fa in casa (vedi corte costituzionale)

Ritratto di 100-%-ITALIANA

100-%-ITALIANA

Mar, 29/08/2017 - 13:07

Signor Ziobro da donna e da Italiana mi sento di dirLe solo 8 parole: LEI HA INFINITAMENTE RAGIONE SU TUTTA LA LINEA

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Mar, 29/08/2017 - 13:24

Consiglio loro, per avere la vera giustizia, di chiedere alla governo Italiano la consegna dei colpevoli per l'istruttoria del processo in Polonia e con magistrati del luogo.

Ritratto di Nahum

Nahum

Mar, 29/08/2017 - 13:59

Applicando lo stesso principio avremmo dovuto consegnare gli assassini del piccolo Nicholas Green agli Stati Uniti ....

marco.olt

Mar, 29/08/2017 - 17:05

Sottoscrivo le parole di Patryk Jaki, eccellente, purtroppo la politica Italiana farà di tutto per ostacolare l'opera di derattizzazione

Anonimo (non verificato)

seccatissimo

Mer, 30/08/2017 - 02:57

x Nahum Mar, 29/08/2017 - 12:58 Perché, Lei ritiene che l'Italia sia uno stato di diritto ? Io assolutamente no !

DarkWillow

Mer, 30/08/2017 - 13:31

Interessante questo attaccamento alla giustizia, per un'azione sicuramente riprovevole certo, soprattutto da una nazione come la Polonia che nega costantemente diritti umani, ha torturato persone solo perché omosessuali e ha il divieto costituzionale, ripeto costituzionale, del riconoscimento delle coppie dello stesso sesso. Almeno che facessero quello che vogliono fare senza queste dichiarazioni idiote.

GiovannixGiornale

Gio, 31/08/2017 - 10:11

Un giudice che sta dalla parte delle vittime? Santo subito!