Su Tripadvisor stroncarono la crema di Iginio Massari: ora devono a risarcirlo

Il celebre pasticciere querelò una coppia che su Tripadvisor aveva definito "vomitevole" la sua crema pasticcera

Non si critica impunemente il grande pasticcere Iginio Massari. O almeno non lo si fa a sproposito.

Potrebbe essere questa la morale dell'episodio che ha visto coinvolto il grande pasticciere bresciano, protagonista di una vicenda giudiziaria alquanto singolare.

Nel maggio del 2013 una coppia di trentenni reduci da una visita al suo negozio si era abbandonata a un commento non troppo lusinghiero. Sul celebre portale di recensioni Tripadvisor, i due clienti golosi non avevano lesinato espressioni forti nei confronti delle dolci creazioni di Massari: "Se questa è la tua pasta di mandorle allora non sai cosa sia la realtà. La crema pasticcera è vomitevole. Sarai pure un pasticcere stellato, ma se vuoi imparare a lavorare devi assaggiare i nostri prodotti del sud Italia".

Il pasticcere criticato, però, non la prese troppo bene e decise di querelare gli autori del commento negativo. Ne nacque un procedimento per diffamazione aggravata che ora, come racconta il quotidiano milanese il Giorno, si è concluso con un accordo transattivo per riparare il danno d'immagine causato al celebre pasticciere.

Che con grande generosità annunciato di voler devolvere quella somma ottenuta a titolo di risarcimento a una onlus che si occupa di acquistare macchinari e supporti tecnologici per i bambini dell’Ospedale pediatrico di Brescia.

Il noto pasticciere, però, non rinuncia al gusto di togliersi un sassolino dalla scarpa al termine di tutta la vicenda: "I social sono un valido strumento di comunicazione che consentono di raggiungere luoghi e persone lontane; attenzione tuttavia ai contenuti", ha commentato Massari su Twitter.

Commenti

mariod6

Mar, 04/12/2018 - 19:35

Hanno commesso il delitto di lesa maestà criticando chi non accetta critiche. Che sia un parente di Renzi o della Boldrini ???

mariolino50

Mar, 04/12/2018 - 19:55

Poichè i gusti non si discutono, come fà costui a parlare di diffamazione, allora vanno bene solo le 5 stelle, le critiche non si accettano. La cosa grave è che un tribunale gli ha dato ragione.

cir

Mar, 04/12/2018 - 21:10

A me sarebbe mai successo . Il buffone sarebbe stato su una sedia a rotelle per almeno tre anni . Non e' senz' altro lui che giudica il mio palato e la reazione del mio stomaco alle sue porcherie . Prego vivamente di pubblicate .

Ritratto di Nahum

Nahum

Mer, 05/12/2018 - 09:01

C'é critica e critica, e poi ognuno ha diritto di difendere le proprie ragioni in tribunale. Si chiama stato di diritto.