Sulla 488 Gts capote ripiegabile in 14”. Cavalleria impressionante: 607 cv

Ogni nuova Ferrari non è mai un modello a sé stante ma, a fianco di ciò che rappresenta la continua evoluzione tecnica, custodisce gelosamente la tradizione degli innumerevoli capolavori su quattro ruote che l'hanno preceduta. È così anche per la debuttante 488 Spider per la quale, a Maranello, hanno deciso di abbandonare la classica capote in tela preferendole, per ragioni di tenuta al rumore e ai fenomeni atmosferici, un tecnologico hard top ripiegabile (operazione non facile su un'auto a motore posteriore centrale) siglato Rht che, però, pesa 25 chilogrammi in meno di una capote in tessuto.

Questa scelta ha influito positivamente anche sull'aerodinamica e sul lavoro dei designer della Ferrari che hanno potuto conservare l'inconfondibile e sinuosa linea della Gtb berlina. L' hard top è inoltre funzionale perché si apre e si chiude, anche a vettura in movimento, in 14 secondi e il lunotto posteriore può essere inclinato con tre diverse angolazioni per ridurre la rumorosità del vento, così che a bordo della nuova spider del Cavallino Rampante si può chiacchierare tranquillamente anche a 200 chilometri orari. Cuore della 488 Spider è il motore V8, 3.902 cc, sovralimentato con turbocompressore (non c'è l'effetto turbo lag grazie a un tempo di risposta del turbo contenuto in 0,8 secondi) che sviluppa una potenza massima di 670 cv, un'impressionante cavalleria che grazie a un'erogazione sempre crescente della coppia, gestita marcia per marcia (il cambio è l'F1 a doppia frizione a 7 rapporti) dal Variable Torque Management, permette alla 488 Spider di accelerare da 0 a 100 in 3 secondi e di raggiungere i 200 chilometri orari (velocità che in Germania con questa Ferrari si può toccare in tutta sicurezza sulle autostrade) in soli 8 secondi.

L'impianto Brembo Extreme Design è derivato da quello de LaFerrari e assicura quindi la massima efficienza per una supercar con queste prestazioni (325 chilometri orari di velocità massima). A bordo, in un ambiente ricco di elementi tipici, comuni a tutti i bolidi di Maranello, si viaggia sempre connessi grazie alla piattaforma Apple Car Play integrata. Per la 488 Spider, come per tutta la gamma Ferrari, c'è il programma di manutenzione garantita per 7 anni, un segno della grande affidabilità raggiunta dalle sportive del Cavallino Rampante.