Sull'Italia arriva il Sole nero ​nell'equinozio di primavera

L’intreccio cosmico degli astri produrrà in un una sola giornata due importanti fenomeni: l’eclissi di Sole e l’Equinozio di primavera. I due eventi non saranno, però, in sincrono

La Terra, la Luna e il Sole protagonisti di una danza davvero particolare che durerà approssimativamentedodici ore. Questo pas de trois, passo a tre cosmico ha avuto inizio approssimativamente intorno alle nove del mattino e si concluderà intorno alle nove di sera. L’intreccio cosmico degli astri ha prodotto in un una sola giornata due importanti fenomeni: l’eclissi di Sole e l’equinozio di primavera. I due eventi non saranno, però, in sincrono.

Al mattino la Luna si è messa in mezzo tra la Terra e il Sole e lentamente ha oscurato il disco solare. L’eclissi di Sole è stata parzialmente visibile anche in Italia, dove la percentuale di disco solare oscurata è variata tra il 65,6% di Torino e il 44,4% di Palermo. L’ombra della Luna sulla Terra è stata massima infatti alle alte latitudini, con un picco previsto all’altezza delle Isole Faroer dove sono accorsi migliaia di turisti per assistere al fenomeno. Nel resto d’Europa, e quindi anche per il nostro Paese, l’eclissi è stata solo parziale. In Italia l’oscuramento è comunque stato superiore al 50%. Tanto basta per poterla osservare con fotocamere, telescopi e binocoli, purché dotati degli appositi filtri a protezione della vista. L’ombra ha investito per prima la Sardegna, alle 9,16 e poi piano piano il resto della Penisola. Alle 11,48 è finito tutto e il Sole è tornato a splendere in tutta la sua intensità anche sulle aree più orientali dell’Italia, quelle che hanno intersecato l’ombra della Luna per ultime.

Per quanto attenuata dal disco lunare, la luce della Corona Solare è tale da arrecare gravi lesioni agli occhi, per cui, è bene, se si vuole osservare questo fenomeno, munirsi degli strumenti adatti, come per esempio degli occhiali per saldatori con indice di protezione numero 14, o lenti con filtri specifici. Il semplice pezzo di vetro affumicato è invece del tutto inutile. Il balletto cosmico non si conclude però con l’eclissi. Mentre infatti la Luna attraverserà il disco solare, la Terra continuerà nell'orbita intorno al Sole scendendo il piano dell’eclittica fino al punto in cui interseca l’equatore celeste nel punto vernale, il punto cioè in cui i raggi del Sole arrivano sulla Terra paralleli all’Equatore terrestre. Si tratta di un punto chiave dell’orbita terrestre nel quale la durata del giorno è uguale a quella della notte e segna il passaggio dall'inverno alla primavera. Da sabato mattina infatti la Terra esporrà al Sole una porzione sempre maggiore del suo emisfero settentrionale e le giornate, alle nostre latitudini, cominceranno ad allungarsi.

Commenti
Ritratto di gianky53

gianky53

Ven, 20/03/2015 - 09:44

Le giornate cominciano ad allungarsi subito dopo il solstizio d'inverno. Invece dopo l'equinozio di primavera la durata del giorno supererà quella della notte, per raggiungere il massimo con il solstizio d'estate. Sono concetti che vengono insegnati alle elementari.

magnum357

Ven, 20/03/2015 - 10:36

Oggi nuvoloso, quindi niente eclissi da vedere !!!!!!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 20/03/2015 - 15:41

Oggi abbiamo visto il sole nero,magari domani vedremo i sorci verdi.Siamo sulla buona strada,con questo "legittimo governo".