Sveglia la moglie di notte e la riempie di botte perché geloso: arrestato un uomo

La donna, a causa delle penose condizioni di vita a cui era sottoposta, ha deciso di scappare dalla casa coniugale e di rivolgersi a un centro antiviolenza e alla polizia

Insulti, schiaffi e umiliazioni. Anche in piena notte e tutto per una questione di gelosia. E così la polizia di Novara ha arrestato un uomo residente a Vercelli, di 47 anni, per il reato di maltrattamenti in famiglia commesso nei confronti della moglie. L'uomo era già conosciuto dalle forze dell'ordine per reati inerenti agli stupefacenti e contro la persona.

L'indagine era scattata in seguito alla denuncia sporta dalla moglie del pregiudicato vercellese, la quale, esasperata, a causa delle penose condizioni di vita a cui era sottoposta, ha deciso di scappare dalla casa coniugale e di rivolgersi a un centro antiviolenza e alla polizia.

L'uomo da tempo maltrattava la donna, picchiandola e insultandola quotidianamente. L'avrebbe così costretta a tollerare il suo frequente stato di alterazione derivante dall'assunzione di sostanze stupefacenti e a subire insulti, schiaffi e gravi e ripetuti episodi di umiliazione.

Nel corso dell'ultimo mese, le violenze dell'uomo sono aumentate e addirittura, sottolineano gli investigatori, nelle ore notturne la donna veniva svegliata di soprassalto con insulti e schiaffi. L'uomo inoltre assillava la vittima con centinaia di messaggi al giorno, al punto da imporle di comunicargli la sua posizione e dimostrare la sua presenza sul posto di lavoro, a causa della sua gelosia.