Svizzera, condannato per stupro: si era sfilato il preservativo

Un quarantenne svizzero è stato condannato un anno di carcere dopo che si è sfilato il preservativo durante un rapporto, all'insaputa della partner

Un uomo francese è stato condannato per stupro dal tribunale federale di Losanna, in Svizzera, per essersi sfilato il preservativo durante un rapporto sessuale consumato con una donna conosciuta grazie alla popolare app di incontri Tinder.

La sentenza della corte elvetica emessa lunedì scorso ha stabilito che l'atto proditorio dell'uomo è assimilabile a una violenza sessuale, poiché commesso all'insaputa e contro la volontà della partner.

I due - lui quarantasettenne francese e lei svizzera - si erano conosciuti online e dopo una prima serata trascorsa insieme senza che nulla fosse successo si erano dati nuovamente appuntamento a casa di lei. Qui avrebbero iniziato a consumare un rapporto sessuale, con il preservativo. Alla fine dell'amplesso, però, la donna si è accorta che il suo partner si era sfilato il profilattico a sua insaputa.

Secondo i magistrati, si apprende dalle motivazioni della sentenza, se la donna avesse saputo di questo gesto si sarebbe rifiutata di proseguire il rapporto e per questo ha condannato l'uomo a un anno di reclusione in carcere con la sospensione della pena.

L'avvocato della vittima, peraltro, ha esultato spiegando che si tratta del primo caso del genere nella Confederazione Elvetica.

Commenti
Ritratto di giangol

giangol

Gio, 12/01/2017 - 11:03

percui se uno stupra una donna ma col preservativo onn gli succede niente?? aspetta che lo vengono a sapere le risorse della sboldrina,,,,tanti auguri mie care donne ahahhaha

Lapecheronza

Gio, 12/01/2017 - 11:18

Quando la mente partorisce idiozie si arrivano a queste sentenze. Quindi se durante il sesso la baci in bocca e lei non vuole è stupro ?

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Gio, 12/01/2017 - 12:01

Siamo sicuri? Siamo davvero certi che lui si sia tolto il palloncino senza dire nulla e non invece che lei abbia saputo tutto dall'inizio (accetando di buon grado) per poi estorcere denaro al malcapitato che non potendo/volendo pagare si è trovato una denuncia appesa al collo??

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 12/01/2017 - 12:16

----se i fatti sono andati così--e cioè con lei inconsapevole----la sentenza è giusta e sacrosanta----giangol--il punto è la consapevolezza --per ogni atto bisogna essere d'accordo in due---il tuo intervento dimostra che non sei molto attrezzato culturalmente--non te ne faccio una colpa---magari hai avuto altro da fare nella vita----hasta

adal46

Gio, 12/01/2017 - 13:04

... condannato perchè sfilandolo maldestramente è finito sulla testa del giudice....

Raoul Pontalti

Gio, 12/01/2017 - 13:09

Demenza giudiziaria. Lo stupro è altra cosa. Non parliamo poi della prova e della sua dim0strazione.

Una-mattina-mi-...

Gio, 12/01/2017 - 13:22

E SE INVECE SI BUCAVA, FACEVANO 50 E 50?

kitar01

Gio, 12/01/2017 - 13:40

Se una donna ti dice prendo la pillola e invece non è vero allora anche quello dovrebbe essere stupro, uguale.

MaxSelva

Gio, 12/01/2017 - 14:25

@kitar01 BRAVO nella nostra societa' gli uomini non hanno piu' diritti...

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 12/01/2017 - 14:36

un quarantenne svizzero, ....un uomo francese.... Ma allora è svizzero o francese?

Ritratto di kikina69

kikina69

Gio, 12/01/2017 - 14:38

se questo signore si è veramente tolto il preservativo all'insaputa (ma trovo francamente surreale che lei non si sia accorta di nulla, non era lì con lui?? vabbè la foga della passione ma risulta davvero poco credibile) allora la sentenza è giusta. Se lui infatti fosse stato affetto da AIDS o qualche altra temibile malattia a trasmissione sessuale, di quelle che comunque ti rovinano la vita, mi sembra più che giusto assimilare le due situazioni.

Ritratto di makko55

makko55

Gio, 12/01/2017 - 15:09

Il famoso "guanto" della sfiga

il veniero

Gio, 12/01/2017 - 16:00

ehm ...e se lo teneva ma sbagliava entrata ?

Raoul Pontalti

Gio, 12/01/2017 - 16:12

@kikina69 (ma sei nata in quell'anno o...?) nel caso di trasmissione di malattia per rapporto non protetto si risponde di lesioni personali non di stupro che è tutt'altra cosa. Per contro lo stupro, quando si verifica, rimane tale anche se l'energumeno era sanissimo e magari ha anche fatto godere la signora.

Pinozzo

Gio, 12/01/2017 - 17:37

Lasciando stare il fatto che il fatto e' difficilmente dimostrabile a meno che non ci sia una registrazione (lui potrebbe benissimo dire di non essersene accorto nella foga, o che a lei non dava fastidio) una condanna e' giusta perche' c'e' un inganno, ma assimilarlo a una violenza carnale sarebbe esagerato (infatti gli hanno dato solo 1 anno con la condizionale).

marcs

Gio, 12/01/2017 - 22:15

Do un des c'è scritto ritto lui francese e lei svizzera, non ci vuole una laurea per sapere leggere...

magnum357

Gio, 12/01/2017 - 23:49

Lol Lol Lol Lol, che sentenza.......