La svolta di Forza Italia Toti al nord, Carfagna al sud

Scissione scongiurata, Berlusconi riorganizza il partito

A un passo dal baratro, Forza Italia evita il precipizio e prova a rimettersi in carreggiata dopo il non esaltante risultato elettorale alle Europee. Non solo non ci sarà la preannunciata, e data per imminente, scissione capitanata da Giovanni Toti, ma il governatore della Liguria torna a tutti gli effetti nella cabina di comando del partito con l'incarico di coordinatore per il Nord Italia, affiancato da Mara Carfagna che avrà la responsabilità del Sud. Un duopolio, quello Toti-Carfagna, che dovrà portare Forza Italia a un congresso autunnale e non escluso a delle primarie per scegliere il nuovo leader da affiancare al presidente Silvio Berlusconi.

Riportare a casa Toti e riconoscere alla Carfagna il ruolo che merita non deve essere stato facile in una situazione ricca di fibrillazioni e mal di pancia, ma come noto le situazioni difficili sono quelle in cui Berlusconi dà il meglio di sé. In ogni caso, al di là dei compromessi, dei tecnicismi e dei destini personali, parliamo di una buona notizia. Perché significa che resta viva la possibilità per l'area liberale e moderata del Paese di continuare ad avere una rappresentanza politica non marginale, che seppure oggi in difficoltà ha la speranza di risalire la china e tenere viva una alternativa elettorale il centrodestra - all'attuale maggioranza gialloverde. Che è poi quello di cui abbiamo bisogno noi, ma anche Matteo Salvini quando deciderà di svincolarsi dall'abbraccio mortale di Di Maio e soci.

È presto per immaginare nuovi scenari alcuni magari rivoluzionari - ma certo questa improvvisa e per certi versi inattesa «pace a ciel sereno» in Forza Italia è un altro sintomo che ci si sta preparando a qualche cosa di importante e non solo da quelle parti. Gli equilibrismi sui conti annunciati ieri dal premier Conte possono spostare il problema, non risolverlo. La crisi esistenziale dei Cinquestelle e le crescenti incomprensioni tra loro e la Lega potrebbero presto fare il resto. Cioè mettere la parola fine a questo governo e aprire la strada a nuove elezioni. Non è detto che ciò accada, ma con il passare dei giorni l'ipotesi è sempre più probabile che si realizzi.

Commenti

rino biricchino

Gio, 20/06/2019 - 14:51

È finita. Basta. Game over. Alle prossime elezioni farsa Italia non supera nemmeno lo sbarramento per entrare in Parlamento!

Paolo17

Gio, 20/06/2019 - 15:09

"... il nuovo leader da affiancare al presidente Silvio Berlusconi". Ecco il vero dramma di quel partito. Ecco perchè la Storia in Italia, come diceva Montanelli, non viene studiata e quando la si studia non la si capisce. Berlusconi deve uscire di scena. Al limite può lavorare dietro le quinte, ma deve uscire dai teleschermi, dai social, dalle radio. Basta. E' stato il più grande uomo di Marketinkg e non capisce che la sua figura, a parte i fedelissimi nostalgici del 7%, non fa più effetto. Basta! In quasi tutti i paesi del mondo, i grandi leader, sia vincenti che perdenti, lasciano il campo appena la loro stagione finisce. Chi vede in giro Obama, Bush, Clinton, Schroeder, Hollande, Blair, Aznar, Sarkhozy, Gonzales, Cameroon, Zapatero, Barroso....a parte la presenza ai convegni? Invece qui da noi, oltre alla presenza perenne di comunisti, preti e mafia vantiamo questa immortale cultura paternalistica della gestione del potere che distrugge tutto. BASTA !!!!!!!!!!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 20/06/2019 - 15:12

@rino biricchino - io non penso. Invece di chiaccherare inutilmente da comare comunista, se ipronto a scommettere, pollastro?

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Gio, 20/06/2019 - 15:26

(ti) Toti sembra un uomo pratico. Quanto meno sa che cosa significhi essere pratici. Anche se parla troppo, almeno si spera che le azioni, possibilmente ispirate ad un praticismo scientifico e maniacale, compensino ampiamente la sua, a volte, fastidiosa logorrea. La Carfagna? L'Onnipotenza degli dei ci liberi da simili, sussiegose creature invise all'intelligenza! Far gestire una zona d'Italia ad una come la Carfagna è come nominare Madre Teresa di Calcutta a capo di un esercito in tempo di guerra dichiarata. Evidentemente il Grande Capo continua ad errare se riesce a trovare dei meriti obiettivi in una come la Carfagna. O ci sono virtù speciali in lei, conosciute solo dal Grande Capo, che i comuni mortali ignorano?

Ritratto di dlux

dlux

Gio, 20/06/2019 - 15:38

In ogni caso il Presidente Berlusconi ha detto di Toti cose atroci fino a ieri, o mi sbaglio? Cos'è cambiato da ieri ad oggi? Questa scelta sa di "aggiustato", cioè di studiato a tavolino e non certo frutto di una pensata geniale. Non vorrei che fosse "un bavaglio", un "boccone avvelenato", che blocca le fughe in avanti di Toti, che, mi pare, stesse tessendo rapporti anche con Fratelli d'Italia. Mi auguro che Toti sappia fare ciò che in diversi hanno tentato, con scarsissimi risultati (lo dicono i numeri, non io), cioè la riomologazione del partito che sconta gli errori clamorosi del dopo-Monti.

buppert

Gio, 20/06/2019 - 16:03

Un po' di serieta' per favore. Fate ridere i polli

Ritratto di CONTRO68

CONTRO68

Gio, 20/06/2019 - 16:24

caspita che svolta !!!! questa volta si che forza italia spacca tutto !!!haaaaa specialmente la Carfagna è l'asso piglia tutto !!!! avanti tutta si fa per dire.....haaaaa

Giorgio1952

Gio, 20/06/2019 - 17:22

Per fortuna c’è stata la svolta, scongiurata la scissione di FI il Cav riorganizza il partito altrimenti se ne sarebbero perse le tracce finendo dietro anche ai Fratelli d’Italia. La Carfagna dopo essere stata trombata “politicamente” alle europee, viene ripescata come coordinatrice per il sud mentre il transfuga Toti rientra nei ranghi per coordinare al nord. La scelta non era poi così difficile vista quanti sono gli elettori rimasti fedeli al Cav, che spera resti “viva la possibilità per l'area liberale e moderata del paese di continuare ad avere una rappresentanza politica non marginale, che seppure in difficoltà ha la speranza di risalire la china e tenere viva una alternativa elettorale di Cdx all'attuale maggioranza gialloverde. Che è poi quello di cui abbiamo bisogno noi, ma anche Salvini quando deciderà di svincolarsi dall'abbraccio mortale dei 5stelle”. Credo ne abbia decisamente più bisogno FI che non la Lega.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Gio, 20/06/2019 - 17:36

Il saggio direbbe di Toti "Hic Rhodus, hic salta!". Io non sono saggio nonostante gli anni e l'animo liberale e penso che il ruolo a cui ambisce il sempre parlante Toti è quello ricoperto dallo stesso Berlusconi. Se FI è, come credo, un partito liberale, c'è poco da risalire. I liberali nel paese sono il 6 per cento, da sempre. Dunque oggi siamo anche troppi.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 20/06/2019 - 17:54

@rino biricchino - chiedi referenze all oscommettitore fasullo @Giorgio 1952, colui che non paga mai le scommesse. Per forza è comunsita. Ma almeno andate da un'altra parte a contare balle, pallisti callosi.

ohibò44

Gio, 20/06/2019 - 18:01

Ma non abbiamo ancora capito che squallidi figuri come Toti non possono essere l’avvenire di un partito ? Berlusconi prima di lui aveva scelto Angelino : da voltastomaco uno più dell’altro. Mestri di poltrona … ma neppure alle elementari, all’asilo

Ritratto di perigo

perigo

Gio, 20/06/2019 - 18:54

Mossa tattica, aggiramento di ostacolo, ingabbiamento del potenziale scissionista, tentativo di recuperare l'immagine un po' appannata di FI? Ci può stare tutto nella decisione di mettere Toti come coordinatore per il Nord Italia. Ciò che però non si capisce, o si trascura di voler capire, è che, al di là delle beghe interne, chi si reca alle urne e appone una croce sul simbolo del partito, scrivendo semmai un nome o due, è l'elettore! Pensate che tutto quanto accaduto nelle ultimissime ore possa essere compreso da chi fino a qualche momento fa considerava Toti un traditore, perché così gli avevano fatto intendere? Pensate davvero che la gente possa stare appresso alle "machiavellate" reiterate e continuate, senza stufarsi fino a mandare tutto in malora non presentandosi mai più a votare?

Uncompromising

Gio, 20/06/2019 - 18:58

@rino birichino - Guardi, si può essere pro o contro Berlusconi ma c'è un dato oggettivo: come scrive il Direttore, le situazioni difficili sono quelle in cui le persone più valide danno il meglio di sé. Possiamo dire la stessa cosa di coloro che attualmente sono al governo del Paese?

Ritratto di perigo

perigo

Gio, 20/06/2019 - 19:29

Mossa tattica, aggiramento di ostacolo, ingabbiamento del potenziale scissionista, tentativo di recuperare l'immagine un po' appannata di FI? Ci può stare tutto nella decisione di mettere Toti come coordinatore per il Nord Italia. Ciò che però non si capisce, o si trascura di voler capire, è che, al di là delle beghe interne, chi si reca alle urne e appone una croce sul simbolo del partito, scrivendo semmai un nome o due, è l'elettore! Pensate che tutto quanto accaduto nelle ultimissime ore possa essere compreso da chi fino a qualche momento fa considerava Toti un traditore, perché così gli avevano fatto intendere...? Pensate davvero che la gente possa stare appresso alle "machiavellate" reiterate e continuate, senza stufarsi fino a mandare tutto in malora non presentandosi mai più a votare?

Ritratto di Candidoecurioso

Candidoecurioso

Gio, 20/06/2019 - 19:31

Se Berlusconi vuole evitare guerre intestine deve lasciare la mano ad un altro leader carismatico come lui. E l'unica persona in area centrista carismatica come Berlusconi è solo ... Berlusconi (Marina)!... Silvio dovrebbe sbrigarsi a mandarla in campo finché lui può ancora seguirne l'affermazione. Farebbe contenti molti e sarebbe l'unica ricetta senza guerre intestine

peter46

Gio, 20/06/2019 - 19:52

Leonida55...quello se proprio stai a scommettere su quel che ha scritto nel suo commento,ti toglie u criaturi e soprattutto l'elmo...e chissà cosa verrebbe fuori da sotto la testa,nascosto per ora sotto la cresta dell'elmo.Non provarci,credimi....che non ti si 'sente' tanto in forma da alcuni giorni.Ritemprati facendo alcune settimane di ferie.

vincentvalentster

Gio, 20/06/2019 - 20:03

Forza Italia è finita con Berlusconi, Toti e Carfagna non andranno da nessuna parte, troppa la differenza con il Cavaliere di dieci anni fa

peter46

Gio, 20/06/2019 - 20:22

mauriziogiuntoli...ca...volo,non poteva aggiungere 'pochi ma buoni'... specie se 'fatti' con le patate al forno e come tutti i 'pochi ma buoni' da 'conservare'?Anche i 'fasci' attuali del resto,minoranza della minoranza dei liberali...'pochi ma buoni' anche loro:conserviamo anche loro,o no?Che poi i liberali non sono i 'continuatori' di coloro che appoggiarono nel '22 il nascente,x volontà 'monarchica',governo fascista?Senza Giolitti,certo.Sta bene,vero?.

nunavut

Gio, 20/06/2019 - 21:11

Se io fossi Toti mi abbiglierei con un'armatura a prova di pallottole avvelenate se non di dum - dum ( quelle che penetrano e poi scoppiano nel corpo). Venendo al sodo Carfagna ,Bernini,Trajani e Gelmini, hannosempre sparatoad alzo zero contro Toti e Salvini, ora il Berlusca ne mette 4 contro uno per richiamare Toti? +Penso che se Toti dovesse accettare sarà la sua fine in FI.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 20/06/2019 - 21:49

poverini... danno per spacciati quello che sembra a loro un partito di nostalgici. ma non hanno affatto capito che è proprio per questo che rinasce. non piu per berlusconi, ma per noi italiani: troveremo un partito nel quale ritrovare idee e somiglianze ideologiche ! la cosa piu importante è che queste idee possano camminare con le proprie gambe. è per questo che berlusconi sta lavorando! non per se stesso, ma per noi! la stupidità dei babbei comunisti e grulli è veramente sconfinata! dura come una roccia, e debole come un castello di sabbia....

Dordolio

Gio, 20/06/2019 - 22:07

Tutto questo è ridicolo. Una buona mossa - certo - per provare ad evitare che Toti se ne vada con i residui voti di Forza Italia. Ma si tratta comunque della grottesca agonia di un movimento politico che avrebbe meritato una fine più dignitosa. Alle prossime elezioni politiche non supererà nemmeno lo sbarramento. E il suo patrimonio elettorale se lo spartiranno Salvini e la Meloni. Berlusconi se ne poteva uscire dalla scena tra gli applausi. E invece si accomiaterà tra lazzi, frizzi e pernacchie. Peccato.

tomasmac1

Gio, 20/06/2019 - 22:36

Berlusconi non riorganizza proprio più niente,è finito lui e la sua epoca che tanti danni ha arrecato al paese.

skywalker

Ven, 21/06/2019 - 02:09

Speriamo bene. Forza Italia e' l'unica speranza per il paese, l'unico partito con un minimo di buon senso. I ciarlatani prepotenti e traditori della Lega e FdI, sono quasi piu' dannosi della sinistra, infatti hanno portato i 5-Stalle al governo.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Ven, 21/06/2019 - 10:13

Gentile "dlux", gli "errori clamorosi" commessi da Berlusconi e quindi da tutta FI, io non li farei partire dal dopo-Monti, ma da Monti stesso e da ancora prima. Diciamo dal coinvolgimento nella guerra di Libia di Berlusconi e del suo governo per cedimento nei confronti di Napolitano, fino ancora all'anno scorso e quest'anno ancora. A tutt'oggi insomma, perché in fondo non si è mai avuta una separazione netta di responsabilità tra il prima ed il poi, tra la sinistra e il Berluska stesso con tutta FI appresso.

Giorgio1952

Ven, 21/06/2019 - 10:27

Leonida55 il pollastro sei tu non per le "fake" scommesse che continui a tirare in ballo, ma perché come ha detto il sovversivo comunista Cacciari “in questo paese ormai si bevono di tutto, siamo nei paese dei balocchi”. Salvini dixit «Giù le tasse o lascio il governo, servono almeno 10 miliardi», il leader della Lega aggiunge «Solo così si rianima l’economia, non è quello che vogliono i liberali? Basta gabbie sugli anni futuri, basta con lo strozzare la crescita possibile». Finalmente è uscito allo scoperto, ha continuato a fare campagna elettorale per arrivare ad un governo “balneare” nella peggior tradizione da prima repubblica, Mattarella non potrà che sciogliere le camere e mandare gli italiani al voto anticipato. Berlusconi disse che Salvini «Alla fine sarà costretto a tornare con noi», ma in privato fu realista "Se andiamo avanti così Salvini alle Europee prende il 40% e noi il 2%". Osservo non scommetto ….

Corsicana77

Ven, 21/06/2019 - 11:13

Ma dai, ormai é finita... tanto vale venire allo scoperto e diventare una corrente di quello che resta del pd. La grandezza, e allo stesso tempo il problema, di Forza Italia, é che é stata il partito di Silvio Berlusconi, uomo forte... non nel senso di autoritario, ma di grande uomo che faceva tutto... dietro a lui poco e niente. Ora che lui non ce la fa più, per l' età e le bastonate prese da napolitano, eu e traditori vari, non resta niente

Corsicana77

Ven, 21/06/2019 - 11:25

L' unica che rispetto in quel partitello é la Brambilla. Sí, perché dietro al suo animalismo, il suo messaggio é chiaro: gli stranieri devono rispettare le regole come e più degli Italiani. Infatti, a mangiare cani e gatti sono perlopiù i cinesi, la macellazione halal é roba dei musulmani. Lei contro queste cose si scaglia, mentre gli animalari di sx della macellazione halal non parlano proprio, e per il resto dicono "sí, ma anche noi, gli allevamenti intensivi" e blah blah. Non é certo il problema più grande, ma almeno...

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Ven, 21/06/2019 - 11:30

Silvio prova a tenere Toti perchè sa che al Nord la situazione per Fi è sempre più deficitaria. Detto questo spero comprenda che è arrivato il momento di lasciare Fi in mano a persone capaci di dialogare con i sovranisti (Lega ed Fdi) se non vuole compromettere l'esistenza di Fi stessa. Toti e Carfagna possono rendersi utili, certo. Francamente non vedo altre soluzioni valide: con tutto il rispetto faccia solo il presidente del partito "honoris causa". Un atto di buona volontà certamente positivo.

Ritratto di dlux

dlux

Ven, 21/06/2019 - 11:55

ilvillacastellano - Si, concordo. Il mio dopo-Monti era insufficiente, ma la mia intenzione era quella di porre l'incarico a Monti come limite tra la coerenza e la schizofrenia. E' chiaro che di errori Berlusconi ne aveva già commessi, come d'altronde è naturale, ma erano veniali a confronto con quelli successivi. E, mentre sui primi l'elettore era stato clemente, sui successivi, al limite del tradimento, era stato inflessibile.

Tiger58

Ven, 21/06/2019 - 14:39

@rino biricchino... A voi comunisti ancora non vi è passata la paura di Berlusconi. Dopo che vi ha tolto la pappa pronta (1994), vi ha costretto a diventare post democristiani, prima con Prodi poi con Renzi e ora, a 82 anni suonati, ancora rappresenta il 10% degli italiani mentre voi siete in via di estinzione... Auguri!

Ritratto di bimbo

bimbo

Ven, 21/06/2019 - 14:54

Di sicuro la dottoressa Carfagna prenderà più voti!

rino34

Ven, 21/06/2019 - 18:00

errori errori, dopo Monti si andò a votare e non c'era la maggioranza, così come non c'era nel 2018 .allora Berlusconi fece il governo con il PD, esattamente come ha fatto Salvini con i 5stelle. siete bravi a giudicare con il senno di poi, ma non giudicate in modo equo. Ah, ma Salvini non lo si può toccare perchè altrimenti non sapreste chi votare alle prossime elezioni. Ecco allora che sulle sue castronerie chiudete non uno, ma entrambi gli occhi. Salvini, quello che portò i 5stelle al governo...

Ritratto di bobirons

bobirons

Ven, 21/06/2019 - 18:21

Lucky, lucky, lucky me, noi del centro siamo evidentemente esclusi. Finalmente !

Piut

Ven, 21/06/2019 - 18:30

Concordo totalmente con Paolo17, analisi lucida, schietta ma sopratutto realistica e aggiungo che FI morirà con Berlusconi, punto! c'è inoltre da sottolineare un aspetto non di poco conto...Sallusti si ostina a parlare di Centro-destra e di moderati ma qui le verità sono due: la prima, che è anche la causa dell'emorragia di voti del partito, FI non è più un partito di Destra ma nemmeno di Centro-Destra da un bel pezzo...la seconda, i moderati, come li intende Sallusti, votano PD...e da qui è chiaro come mai, negli ultimi anni, FI assomigli così tanto, ormai in modo quasi indistinguibile, al PD! può fare tutte le mosse che vuole Berlusconi, ma con questi presupposti FI è destinata all'estinzione...

Ritratto di abutere

abutere

Ven, 21/06/2019 - 19:22

Per simmetria, dovevano farne anche uno per l'est e un altro per l'ovest. La vicenda riscorda Hitler nel bunker di Berlino che faceva piani di battaglia con truppe inesistenti. Suicidio finale

peter46

Ven, 21/06/2019 - 19:37

rino34...tu sì che la sai lunga...allarghiamoci un po vah!:salvy col suo 17% portò i 5 stelle del 34% al governo.E cc'hai proprio ragione,dunque, sei forte in matematica?,allora mettiamo definitivamente il cappello su quest'altra considerazione che nessun altro ammette,te compreso di certo. Per la 'proprietà transitiva' Gianfry Fini col suo 16% portò al governo Silvio Berlusconi del 21%:M E M O R I Z Z A L O,però.E trasmettilo ai poco dignitosi che ancora non lo riconoscono.

ClioBer

Ven, 21/06/2019 - 20:08

Una svolta che riporterà FI Italia ai vecchi...pardon, ai fasti dell'UDC e altri partiti che si sono illusi che si vince al centro. Mi spiace se Toti, da persona intelligente qual è, si lascerà trascinare nel baratro, decretando la sua fine politica.

rino34

Ven, 21/06/2019 - 20:36

peter46, Fini era alleato con Berlusconi e fecero la campagna elettorale insieme. Fini mi risulta foose un uomo della destra, non un girotondino. Salvini ha portato i 5stelle al governo, ha preferito fare il governo con loro che tentare di chiedee la fiducia con la maggioranza in parlamento (con il 42% degli eletti a nome cdx). I 5stelle primo avrebbero voluto allearsi con il PD (comunisti come loro), ma visto che non si è potuto si sono accontentati della lega con la quale si erano scornati in campagna elettorale. Dunque Berlusconi si alleò con Bersani, Salvini con i 5stelle, c'è una corrispondenza perfetta, salvo il dettaglio che il cdx nel 2013 aveva perso, mentre nel 2018 aveva vinto. Ora chi sarebbe il traditore?

rino34

Ven, 21/06/2019 - 20:47

riepilogand i due post precedenti, i 5stelle senza lega non avrebbero avuto alcuna chance di fare il governo (a meno di accordo con il pd, che non era disponibile)...

Dordolio

Ven, 21/06/2019 - 21:55

rino34, certo che ce ne vuole del coraggio per paragonare l'accordo politico Lega - M5* a quello di Berlusconi col PD. Berlusconi per puro rancore etichetta gli Stellati come "neocomunisti" ma l'essenza dei due partiti è totalmente diversa. Su, diciamola tutta. Berlusconi si accordò COL NEMICO STORICO DI SEMPRE, contro cui lui era "disceso in campo". E sono e saranno sempre gli stessi comunisti, che cambiano solo nome al loro partito. I Grillini sono un raggruppamento sostanzialmente di protesta sociale, impostato su di una propria presunta "onestà". E i cui programmi non si possono certo etichettare come "comunisti", e Salvini - lavorandoci assieme - lo dimostra ogni giorno. Salvini non tradisce il proprio elettorato. Berlusconi invece lo ha fatto smaccatamente.

Sayon

Ven, 21/06/2019 - 22:28

OTTIMA proposta. Adesso tocca a Toti e Carfagna recuperare gli elettori persi per seguire la farfalla Salvini e finalmente avere un partito rinnovato genuinamente di centro destra. Lamentarsi è stupido. Cosa volete? la continuazione del governo buffo Salvini.Comunisti? o ascoltare gli economisti fantasiosi come Borghi e Savona, invece di avere un vero governo di centro destra magari con Draghi come capo

peter46

Sab, 22/06/2019 - 09:42

rino34...(2)sulla vittoria del cdx nel 2018:ma che stai a dì.Se effettivamente fosse come affermi perchè non sei sceso in piazza, denudandoti,non da solo certo,nel caso non accontentato dal Presidente Mattarella?Oh!ca...volo,ne abbiamo discusso x settimane in quei giorni del post elezioni e...anche duro di comprendonio oltre che 'tardo' in matematica?NB:Segui il mio labiale:Salvy è andato al governo con i 5 stellati x 'convincere' la maggioranza dei leghisti che avevano abbandonato la lega degl'intrallazzi calata al 4,5%,bossiana,passando proprio nell'm5s,a 'tornare a casa'.Sembra che x ora ci stia riuscendo,non credi?

rino34

Sab, 22/06/2019 - 10:29

Dordolio, apprezzo la sua pacatezza. Nel 2013 c'erano tre poli che grosso modo si equivalevano, Berlusconi non aveva altra scelta. E' questo il passaggio che lei come altri non vuole accettare. Saremmo potuti tornare alle elezioni con la medesima legge elettorale e forse sarebbe stato meglio, ma evidentemente a lui, allora sembrò l'unica soluzione. Salvini, memore dall'esperienza di Berlusconi non ha avuto remore a ripetere la stessa cosa. Anche lui avrebbe potuto dire, mai con i 5stelle e andare al voto...???

rino34

Sab, 22/06/2019 - 10:36

in definitiva, mi si dice che il PD non può essere paragonato ai 5stelle, il PD era il nemico storico di Berlusconi, mentre i 5stelle sono una forza di protesta. A questo dico che proprio perchè erano i nemici storici, questa è la riprova della buona fede di Berlusconi, del fatto che pensasse che non avesse altra scelta, probabilmente aveva calcolato di far durare il governo il tempo di fare la legge elettorale, ma lo estromisero con la Severino...gli eventi hanno rovinato i suoi piani...continua

rino34

Sab, 22/06/2019 - 10:41

continua...in secondo luogo lei dice che i grillini non sono comunisti solo perchè si sono tenuti su una linea di destra sul tema dell'immigrazione, per cui è difficile classificarli come comunisti. Ma erano sempre loro che volevano mettere la patrimoniale, e sono sempre loro che dopo le elezioni sono andati a mendicare un'alleanza, non da Salvini, ma dal PD. E comunque posso darle ragione che è giusto un modo di dargli contro dire che sono comunisti. Loro sono molto peggio, sono girotondini e sono totalmente senza esperienza...e se non hanno fatto cose orribili è solo perchè c'era la lega a tenerli al guinzaglio

rino34

Sab, 22/06/2019 - 10:45

peter46 alle elezioni 2018, non si presentarono tutti contro tutti, c'erano delle coalizioni e la coalizione che prese più voti era quella di cdx, vuole negare la realtà, o forse mi vuole raccontare che vinsero i grillini? Ma non avevano i numeri, avevano solo la maggioranza relativa, avrebbero potuto però tentare di andare in parlamento, fare un appello sulla base di un programma da attuare e chiedere la fiducia...

rino34

Sab, 22/06/2019 - 10:58

vorrei specificare meglio quando dico "Salvini ha portato i 5stelle al governo"...da un lato è stato un bene perchè la loro immagine ne è uscita ammaccata. Ma io penso a una paura che mi tormenta, al caso in cui Salvini volesse andare al voto, a quel punto Mattarella aprirebbe le consultazioni, e potrebbe verificarsi l'ipotesi peggiore, Un governo PD-5stelle, giusto per mettere in quadra i conti, magari con una bella patrimoniale. Con il loro 30% altrimenti non avrebbero avuto alcuna possibilità di fare il governo...

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Sab, 22/06/2019 - 11:29

Svolta di FI? Mah! Comunque, mi fido solo di Toti. Secondo me, se FI ha un futuro, potrà averlo solo con quest'ultimo. Per l'altra non provo grande simpatia. L'ho trovata sempre un po' ballerina ed inconsistente, politicamente parlando ovviamente. Spesso più femminista che parlamentare. Non mi sono mai sentito ben rappresentato da costei negli anni in cui votavo FI.

Dordolio

Sab, 22/06/2019 - 11:47

rino34, lei può pensare e dire quel che vuole. Ma non proporre l'imparagonabile. Cosa già qui evidenziata da lettori ed ex estimatori ed elettori di Berlusconi in quantità. E tutti documentatissimi, poi. Forza Italia (Berlusconi quindi) è la summa del tradimento del proprio elettorato. Il Nazareno e quel che segue sono ciò che principalmente viene a ragione contestato al Cav (oltre alla totale inefficienza della sua azione politica quando al governo). L'inciucio come metodo di lotta politica. Cinico e traditore. Del resto anche nelle recenti amministrative Forza Italia non ha esitato a presentarsi col PD dove le conveniva. L'indecenza come sistema. E la paghi con la tua prossima scomparsa dalla scena politica.

giovanni951

Sab, 22/06/2019 - 11:57

Toti - ch3 doveva passare alla Lega ofare un nuovo partito - ha perso la faccia.

Raffaello13

Sab, 22/06/2019 - 14:32

Forza Italia mi aveva attratto quando era un Partito Liberale, con una Politica Economica favorevole agli Italiani, alla Piccola Impresa, all'Artigianato. Dal 2008 in poi ho capito che l'impatto con le regole Europee avevano molto danneggiato la Nostra Agricoltura e Manifattura (vedi Quote Latte), ed ho scritto molte lettere al Coordinatore di Zona, ma ho ottenuto solo rassicurazioni non corredate da fatti. Berlusconi allora non ha più operato quelle correzioni, senza le quali vi è stato un declino sempre maggiore dell'economia, arrivando al disastro con Monti e seguenti. Ora CI VUOLE un Leader in grado di Assicurare una Politica di Riforme per almeno un Lustro, con Provvedimenti Chiari e Logici, nonchè Economicamente Compatibili. Quest'Uomo finora NON C'E' in F.I.

Dordolio

Sab, 22/06/2019 - 15:07

Raffaello13 ha assolutamente ragione. Attualmente il "miglior fico del bigoncio F.I." è chiaramente Toti. Capace politico in Liguria. Ma che non ha assolutamente il carisma e la statura di un Berlusconi. E anche se avesse dato seguito al suo progetto di creare un nuovo partito di cdx difficilmente sarebbe andato oltre le dimensioni di "cespuglio" candidato all'extraparlamentarismo. Berlusconi non ha mai voluto un successore. Un "Delfino". Forza Italia era lui e solo lui con un corredo di sicofanti, nani, ballerine ed avvocati. Niente altro. Ora è tardi per correre ai ripari. Se pure lo si vuole fare. E io non ci credo. Per carità, ci si può inabissare con stile. L'idea è però che questo avverrà come farsa.

rino34

Sab, 22/06/2019 - 15:25

concordo che non c'è ancora il successore di Berlusconi o forse c'è ma non ha avuto modo di esporsi come tale. Mi pare evidente che gli elettori saranno attirati dalla lega, ma questo non vuol dire che la cosa sia impossibile in futuro (prova lo è la lega stessa, che dal 4% è andata al 30% e oltre). Per cui sì certo è probabile la scomparsa di FI, ma non è certa.

rino34

Sab, 22/06/2019 - 15:48

avevo risposto, ripeto. Se sono libero di pensare quello che voglio, lo sono anche di scriverlo. Il paragone ci sta tutto. E ripeto che BErlusconi agì in buona fede, non di certo perchè un giorno si svegliò amico della sinistra. tant'è vero che nel 2013 andò alle elezioni contro il Pd di Bersani, ma vennero fuori 3 poli eguali...se poi vogliamo parlare di Renzi, era per fare una legge elettorale per consentire (Cosa non riuscita) una governabilità. E ricordo che in quegli anni BErlusconi era stato estromesso dalla vita politica.

rino34

Sab, 22/06/2019 - 15:51

comunque, staremo a vedere cosa succederà da qui ai prossimi vent'anni, intanto ho solo una certezza, questo governo giallo-verde sta facendo dei danni o se vuole, sta governando da cani (non meglio del goverrno Renzi, no di certo)...poi se volete raccontarvi le favole andate ad ascoltare le interviste degli esponenti di FDI, giusto le ultime, forse vi sveglierete...

Dordolio

Sab, 22/06/2019 - 15:53

Rino34, Berlusconi sembrò provarci più volte a nominare un suo successore. Ricordo figure come Alfano, Verdini, Toti.... Non se ne fece niente presumo o per la evidente loro incapacità di emulare le doti del Cav, o perchè si trattava di una pura operazione di facciata per illudere i sostenitori e l'elettorato. In buona sostanza credo però che F.I. si identifichi TOTALMENTE col suo fondatore. Sono una cosa sola. E ormai spentosi lui per salute ed età (cosa di assoluta evidenza) anche il partito sia destinato all'estinzione. Grandi (o grossi) movimenti e partiti scomparvero o si ridimensionarono drasticamente fin quasi al nulla con l'eclissi del fondatore. Forza Italia potrebbe entrare facilmente nel loro novero.

rino34

Sab, 22/06/2019 - 20:24

Dordolio Temo che lei abbia ragione, la personalità forte di B e la mancanza di primarie per la leadership, alla lunga hanno impedito che emergesse qualcuno alla sua altezza (magari c'era, ma è rimasto una comparsa o non si è fatto avanti). Quelli nominati erano giusto dei secondi, e non mi pare della migliore qualità per essere buoni. Però io rimango convinto che il programma di Forza Italia sia migliore di quello della Lega, spero che un giorno qualcuno porti avanti quelle idee...chi vivrà vedrà.

Dordolio

Dom, 23/06/2019 - 08:01

Mah rino34... Berlusconi e il suo progetto politico sono figli e protagonisti di un moderatismo che non so quanto ancora alberghi nella mente e nei desideri degli italiani. La scelta corale pentastellata e leghista testimonia una volontà di far saltare gli storici tavoli del moderatismo. In effetti l'evidenza della truffa dell'Europa e l'impatto dell'immigrazione incontrollata hanno portato l'elettorato a porsi in ottiche oggettivamente radicali. Il fatto è che è diffuso e condiviso il sospetto che gestioni accomodanti (proprie di Forza Italia) non risolvono nulla. Procrastinano solo la risoluzione dei problemi e servono solo a gestire l'ordinario tra belle parole e mantenimento dello status quo. Alla gente questo non basta più.