Telelavoro e asili nidi: ​novità per gli statali

Arrivano ancora indiscrezioni sul nuovo testo unico per il pubblico impiego che il governo si prepara a varare: cosa cambia per gli statali

Arrivano ancora indiscrezioni sul nuovo testo unico per il pubblico impiego che il governo si prepara a varare per gli statali. Dopo le voci su un probabile addio al "posto fisso" e agli scatti di carriera, adesso arriva anche un altro piano che prevede il telelavoro da casa per al meno il 10 per cento dei dipendenti. E così arriva, come anticipa il Corriere della Sera l'ipotesi nel piano della Madia. Almeno il 10% dei dipendenti pubblici, se lo chiederà, dovrà essere messo nelle condizioni di lavorare da casa, o comunque da fuori ufficio. L’obiettivo, sempre secondo la bozza del piano del ministero, dovrà essere raggiunto entro tre anni dall’entrate in vigore delle nuove regole. E, per chi sceglierà questa strada, ci dovranno essere tutte le garanzie di non subire "penalizzazioni ai fini del riconoscimento di professionalità e delle progressione di carriera". Tra le novità di fatto ci sono anche cambiamenti per quanto riguarda la vita familiare fuori dall'ufficio. Gli uffici infatti potranno stipulare accordi con asili nido e scuole materne, non solo per convenzioni sulle rette ma anche per i centri estivi. Mentre viene allargato a tutti, con la sola eccezione di militari e forze di polizia, la possibilità di ottenere il part time, l’orario di lavoro ridotto.

Commenti

Stregatta

Mer, 27/07/2016 - 13:19

E le case di riposo per i genitori anziani e malati no? L'età media dei dipendenti pubblici supera i 50 anni,quandi la maggioranza non ha bambini piccoli da mandare all'asilo o al centro estivo, ma ha un genitore anziano, malato o disabile da accudire. Va bene che abbiamo capito che la politica di questo governo è orientata all'eliminazione dei vecchi (loro la chiamano rottamazione) perchè il vecchietto costa in cure e pensione, meglio se muore prima che tanto il funerale lo paga la famiglia!... poi qualche genio ha detto che nel pubblico impiego c'è abuso di legge 104, ci credo! dopo 15 anni di blocco del turnover,di giovani con bimbi non ce n'è quasi più, ma tanti con vecchi da curare.

chebarba

Mer, 27/07/2016 - 13:26

IL PART TIME LA BUONA AMMINISTRAZIONE L'HA FATTO REVOCARE PER TUTTI (TRANNE AMICI DIRIGENTE) DAL 2007. non ce' possibilita', in settori al limete del collasso come la giustizia negata anche l'aspettativa non retribuita per motivi gravi familiari, negati i ricongiungimenti con bambini piccoli, negato il riavvicinamento fino ai tre anni del bambino, non esiste lo straordinario retribuito (si fa gratis, non esiste un minimo di gratificazione professionale, non ci sono soldi per nulla men che meno per assumere nuovo personale, quindi tiriamo dentro (giustamente ma in modo inumano) i cassaintegrati o esodati ma non si assumono si pagano a mo di tirocinio con fondi europei .... E ANCORA PONTIFICANO SULL'EFFICENZA DELLA PA ringrazite Dio che il personale è efficente altrimenti sarebbe tutto bloccato, rebìndete efficenti voi politici fate norme serie e non ridondandi e quando aprite bocca fatelo con cognizione di causa

Ritratto di marione1944

marione1944

Mer, 27/07/2016 - 13:37

Ottimo, così quello che non fanno mai (lavorare) lo faranno da casa: occhio non vede cuore non duole.

Ritratto di aresfin

aresfin

Mer, 27/07/2016 - 13:59

La faccia espressiva di questa oca addolorata dice tutto. Ecco da chi siamo sgovernati.

giovauriem

Mer, 27/07/2016 - 15:15

se ho capito bene il telelavoro è che gli statali vengono in ufficio e voi li mettete davanti alla tv a vedere i programmi di loro gradimento , e quelli che non vogliono vedere la tv li intrattenete negli asili nidi statali ?

unosolo

Mer, 27/07/2016 - 15:27

fateci pace col cervello , prima il PCI ha fatto chiudere tutti gli asili nido delle fabbriche imponendo gli asili comunali ora ? ciac si riparte ? da qui si capisce che vogliono solo galleggiare per non perdere quel lauto stipendio e il prestigio da ministro / a

Ritratto di gianky53

gianky53

Mer, 27/07/2016 - 15:52

Da ignorante osservo che la ricchezza di un Paese proviene principalmente da agricoltura e dal manifatturiero, settore questo nel quale eravamo secondi in Europa dopo la Germania. Da Monti in poi abbiamo perso il 25% delle nostre manifatture: non esiste più! Il terziario, cioè i servizi può esistere solo quando viene supportato dai due settori precedenti, mica ci si può tutti dedicare al telelavoro e alle cose astratte... Chi ci ha mal governato in questi ultimi anni e l'euro hanno distrutto il Paese che non si risolleverà mai più.

Ritratto di emmepi1

emmepi1

Mer, 27/07/2016 - 16:47

invece di bighellonare negli uffici questi indefessi lavoratori bighelloneranno a casa! un vantaggio l'avremo, non vedremo timbrare i cartellini in mutande.

D2015

Mer, 27/07/2016 - 17:16

Perfetto. I dipendenti statali che fino ad oggi, collusi con i loro manager facevano i furbetti del cartellino, non correranno più alcun rischio di venire scoperti, infatti gli stessi si vedranno assegnati al telelavoro da casa. Abbiamo cosi risolto il calo di consensi che la battaglia populista agli assenteisti stava generando, adesso gli assenteisti, scusate i moderni impiegati che lavorano da casa, sentendosi nuovamente protetti dalla politica torneranno a ad appoggiare il governo con il loro voto. E sono davvero tanti!!!!

chebarba

Gio, 28/07/2016 - 12:23

A parte datele qualcosa che pare depressa, ma il problema del lavoro in una situazione statica come quella italiana è che poi non se ne trova un altro se non a costo di sacrifici tipo trasferirsi. E dato che si parla tanto degli statali la sottoscritta lavorava privato roma (spostata già da l'aquila) vinto cvoncorso pubblico finiva a firenze, poi busto arsizio ora trento...