Mantova, i temi degli studenti finiscono al concorso "Museo Giovani Fascisti". Ira dei genitori

Un polverone che si è alzato nella scuola elementare "Leon Battista Alberti" di Mantova, dove alcuni insegnanti hanno deciso di inviare alcuni temi degli alunni al concorso "Museo Giovani Fascisti"

Il caso è scoppiato a Mantova dove alcuni insegnanti hanno deciso di inviare la candidatura di alcuni temi al "Museo Giovani Fascisti" senza aver preventivamente avvertito le famiglie.

Il tema assegnato alla fine dello scorso anno scolastico da alcuni docenti della scuola secondaria di primo grado Leon Battista Alberti riguardava l'amor della patria e successivamente gli elaborati sono stati inviati al concorso indetto dalla Piccola Caprera di Ponti sul Mincio. L'indignazione delle famiglie che non sono state avvertite della partecipazione al concorso ha sollevato un polverone che si sta allargando su scala nazionale, tanto che a pochi giorni dalla premiazione - prevista per il 2 settembre - non si è ancora deciso cosa fare. Il preside, al corrente del fatto, ha giustificato i docenti dicendo che:"Ne abbiamo parlato per giorni in classe, non siamo tenuti a informare le famiglie".

La Gazzetta di Mantova si è preoccupata di raccogliere le testimonianze dei genitori indignati per non essere stati informati del fatto. Il dirigente scolastico dell'Istituto Comprensivo Luisa Levi ha però replicato così alle accuse mosse dai genitori:"La scuola non è tenuta a informare le famiglie di tutti i concorsi a cui partecipa, anche perché sono almeno cento all'anno. Questo nello specifico è un concorso nazionale dedicato all'amor patrio, argomento trattato dagli insegnanti in classe con i ragazzi per almeno dieci giorni prima di assegnare il tema. Evidentemente gli studenti non ne hanno parlato a casa".

La situazione è chiaramente stata buttata subito sul piano politico, il corpo docenti dell'istituto ha però ribadito che prima di far partecipare gli studenti ad un concorso si affronta un percorso culturale e didattico che prepara gli stessi in modo tale da poter produrre degli elaborati pertinenti. In questo caso si sta parlando di un concorso dove come tema centrale c'era l'amore per la patria, un argomento trattato durante l'anno e che nulla ha a che vedere con la politica.

Le famiglie sono venute a conoscenza della partecipazione al concorso in seguito alla vittoria di un alunno:" Questa volta uno dei nostri alunni ha vinto il concorso del Museo Giovani Fascisti e quindi la segreteria del concorso ci ha avvisato. Noi abbiamo a nostra volta avvertito la famiglia ed è nato il caso. Ma è già successo altre volte negli anni scorsi che dei genitori, saputo del premio, non abbiano mandato i figli a ritirarlo. In quel caso, gli organizzatori spedivano comunque a casa una bandiera tricolore e la cosa finiva lì".

Era già successo che la partecipazione al concorso del "Museo Giovani Fascisti" negli anni passati non sia stata vista di buon occhio da parte delle famiglie, tanto da non consentire ai figli di andare a ritirare il premio. Nel frattempo è scoppiato un vero e proprio caso nazionale che sta facendo discutere e sta spaccando le opinioni.

Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Sab, 01/09/2018 - 11:26

Possono stuprargli le figlie e non dicono nulla, ma i temi al museo giovani fascisti proprio no......

Cheyenne

Sab, 01/09/2018 - 11:40

LE SOLITE PULCINELLATE ITALIANE

Ritratto di makko55

makko55

Sab, 01/09/2018 - 11:45

Se li inviavano in un centro sociale allora tutto ok ??

Ritratto di Rudolph65

Rudolph65

Sab, 01/09/2018 - 12:28

Stenos d'accordissimo con te. Questa è la verità.

Ritratto di abj14

abj14

Sab, 01/09/2018 - 12:39

Ohibò, prepariamoci a subire le ire funeste di tale Fiano in tandem con Notre Dame des Migrants.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Sab, 01/09/2018 - 12:53

Ve la siete inventata all'istante o ci avete prima pensato?

Ritratto di Turzo

Turzo

Sab, 01/09/2018 - 13:27

Concordo appieno con stenos

Fearlessjohn

Sab, 01/09/2018 - 13:35

Dov'è il problema? Un paio di genitori tignosi (poveri figli!) vorrebbero impedire un concorso che si svolge ormai da 7 anni perché non gradito politicamente? Forse si scordano che siamo in Italia, non in Russia, e la costituzione garantisce a tutti, non solo ai sinistri, libertà di parola e di pensiero. Se non sono d'accordo possono tranquillamente esprimere il loro dissenso non ritirando il premio qualora lo vincessero.Lasciando agli altri genitori la libertà alla quale hanno diritto.

istituto

Sab, 01/09/2018 - 13:37

Stenos 11:26 di meglio non si poteva dire.

Fearlessjohn

Sab, 01/09/2018 - 13:42

L' Italia non uscirà mai dalle canne. Ma guarda se con tutti i problemi che abbiamo, deve essere permesso ad un paio di dementi di sollevare un tale polverone. Stiamo diventando troppo tignosi. Purtroppo è danno prevedibile quando una forza politica che era di notevole momento rischia di sparire. I talebani che nn riescono a farsene una ragione impazziscono di risentimento, e lo rendono pubblico.

Ritratto di Nahum

Nahum

Sab, 01/09/2018 - 14:19

Centro,sociale o giovani fascisti sono cose che non si fanno