Teramo, gattino ucciso da proiettili esplosi dal fucile del vicino

Per la bestiolina, ferita a morte, non c’è stato nulla da fare; denunciato il vicino, a cui è stata sequestrata l’arma con cui ha fatto fuoco

Uccide il gattino del vicino di casa sparando con un fucile e viene denunciato. La cruda vicenda è avvenuta qualche giorno fa nelle campagne di Controguerra quando un gatto, un bellissimo esemplare di razza thai o siamese, è stato ferito a morte da alcuni colpi di fucile esplosi da un uomo che vive in un'abitazione confinante.

Ad accorgersi di quanto stava accadendo è stato il proprietario del povero animale che, udito il rumore degli spari, è corso fino al confine delle due abitazioni.
Qui ha trovato il micio esanime a terra, che perdeva molto sangue. Immediatamente ha tantato di prestargli soccorso e lo ha portato in una clinica veterinaria; tuttavia la corsa si è rivelata inutile, dato che il gatto è morto poco dopo. Così all'uomo non è restato che recarsi nella caserma dei Carabinieri di Corropoli per denunciare l'accaduto.

Da quanto si è appreso dai suoi racconti, pare che non si trattasse del primo episodio di accanimento da parte del vicino contro cani e gatti di sua proprietà. I militari, raccolta la denuncia, hanno avviato una breve indagine risalendo all'aggressore, al quale è stata poi sequestrata l'arma. Questo di Controguerra non è che uno dei tanti casi di maltrattamento di animali , in particolar modo gatti, segnalati in tutta la Val Vibrata, come fanno sapere alcune delle volontarie che da anni gestiscono diverse colonie feline tra Alba Adriatica e Martinsicuro.
”Ci troviamo ad affrontare ogni giorno situazioni sempre più difficili”, racconta Francesca, che cura alcuni gruppi di gatti ad Alba, "Spesso veniamo minacciati anche noi volontari che spendiamo tempo e soldi per seguire questi poveri animali. Solo qualche giorno fa a una signora, che si occupa di alcuni gatti nei pressi dell'ufficio postale della città, è stato riferito che a breve sarebbero stati avvelenati tutti gli esemplari. Siamo in una situazione molto critica”.

Commenti

maricap

Dom, 10/06/2018 - 10:26

Stesso trattamento, anche a chi osasse intromettersi.

Ritratto di venividi

venividi

Dom, 10/06/2018 - 11:44

Organizzarsi in gruppo per dare a chi minaccia una bella sarracata preventiva, no?

maricap

Dom, 10/06/2018 - 16:58

@venividi Pare che qui ci sia un pazzoide, che spara ai poveri animali domestici ( PET), quelli che spesso sono l'unica compagnia all'umana solitudine. Trovo quindi naturale che l'amico dell'ammazzato, possa rifarsi sul delinquente vigliacco deficiente.