Terni, le ultime parole di David: ""Non arrivo in ospedale, questa è un’emorragia arteriosa"

Emergono dal racconto del medico che l'ha soccorso per primo le ultime parole di David: "Non arrivo in ospedale, questa è un’emorragia arteriosa. Vi voglio bene, dite a mamma, papà e Diego che gli voglio bene"

Continuano ad emergere nuovi particolari sulla morte di David, il giovane 27 enne colpito in modo mortale da un immigrato Terni con un collo di bottiglia. Gli amici lo ricordano con tenerezza, rimpianto, dolore, affetto, ma le parole di chi resta, inevitabilmente, si somigliano un po’ tutte. Ma adesso emergono dal racconto del medico che l'ha soccorso per primo le ultime parole di David: "Non arrivo in ospedale, questa è un’emorragia arteriosa. Vi voglio bene, dite a mamma, papà e Diego che gli voglio bene".

Queste appunto le sue ultime parole, mentre aspettava l’ambulanza. Nella loro tragicità, nella lucida coscienza di morire a ventisette anni per un’aggressione di violenza assurda. Le parole di chi era abituato a soccorrere chiunque, sbandati, ubriachi ed immigrati di qulunque razza o religione.