Terremoto, il racconto di suor Mariana: "Sono stata salvata da un angelo"

Lei, suor Mariana, 32enne sopravvissuta al devastante terremoto che ha investito con particolare cattiveria Amatrice, Arquata del Tronto e Accumoli. Dopo lo choc iniziale è proprio la suora ha raccontare quegli attimi di terrore

Il terremoto, poi il volto ricoperto di sangue. Si rivede dopo ore, stesa a terra con gli occhi che guardano il telefono. Dolore e choc si mischiano sulla sua espressione. È il ritratto di suor Mariana. Più che un ritratto, è la fotografia simbolo della tragedia che ha colpito il Centro Italia.

La scossa di terremoto, poi il salvataggio

Lei, suor Mariana, 32enne sopravvissuta al devastante terremoto che ha investito con particolare cattiveria Amatrice, Arquata del Tronto e Accumoli. Dopo lo choc iniziale è proprio la suora ha raccontare quegli attimi di terrore. "All'inizio non ho capito cosa stava succedendo. Mi sono svegliata di soprassalto e ho visto che il mio letto era pieno del mio stesso sangue, perché un calcinaccio mi aveva ferito alla testa". Così si è svegliata dopo la prima scossa delle 3.36. Poi si è precipitata in balcone - la porta della sua camera era bloccata - e successivamente sotto il letto.

È rimasta lì fino all'arrivo del suo soccorritore, un ragazzo conosciuto nel convento di Amatrice che, come racconta su La Repubblica, "assiste una famiglia di anziani nostri ospiti. Non conoscevo il suo nome, non ci avevo mai parlato" precisa la suora. "Mi ha preso per un braccio e mi ha condotto fuori", ma mentre uscivano dal convento hanno "udito le voci disperate di suor Maria e suor Giuseppina. Urlavano che non riuscivano a respirare, e così siamo tornati indietro. Questo ragazzo ha rischiato la vita per dare una mano anche a loro". Ora le due suore sono ricoverate in ospedale, ma stanno bene. Purtroppo, come spiega suor Marianna: "Suor Cecilia, suor Agata e suor Anna dormivano al piano di sotto nella parte più vecchia del palazzo, che è crollato del tutto", quindi è difficile che siano sopravvissite al terremoto.

Dopo la tragica notte del terremoto suor Mariana ha solo potuto prendere lo smartphone per contattare "le persone più care per chiedere loro di pregare per me e per Amatrice, perché con questo terremoto non sapevo come sarebbe finita".

Commenti
Ritratto di tomari

tomari

Gio, 25/08/2016 - 17:49

..."Sono stata salvata da un angelo"...Campa cavallo!

pietrom

Gio, 25/08/2016 - 17:54

Suor Mariana: "Sono stata salvata da un angelo". Sbagliato. E' stata salvata dal CASO. Altrimenti molti altri si sarebbero dovuti salvare, soprattutto bambini. Smettetela di prenderci in giro, per piacere.

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Gio, 25/08/2016 - 18:47

La notte della tragedia, esattamente alle 3:36 ho attraversato un incrocio con il semaforo rosso. Grazie a un angelo non è c'è stata alcuna collisione con alcuna auto che stesse attraversando.

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Gio, 25/08/2016 - 18:52

La notte della tragedia , esattamente alle 3:36 ho attraversato un incrocio con il semaforo rosso. Grazie al miracolo di un angelo non c'era alcuna altra auto che attraversava quindi mi sono salvato. Grazie, Angelo.

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Gio, 25/08/2016 - 18:56

Mi chiedo perché gli angeli non abbiano salvato anche gli altri. Eppure di angeli ce ne sono tanti: cherubini, serafini, troni, dominazioni, virtù, potestà, principati, arcangeli e infine angeli. Con due, quattro, sei, otto, dieci, dodici e ventiquattro ali. Come mai sono un angelo è intervenuto per salvare suor Mariana? Mistero della fede.

Ritratto di la fuga di logan

la fuga di logan

Gio, 25/08/2016 - 19:06

Pregare chi? cosa? questa è l'ennesima dimostrazione del'inutilità dell'essere umano che per darsi una ragione di vita si è creato un DIO talmente onnisciente e misericordioso che permette tutto questo! Le religioni sono le più grosse stupidità create dagli uomini!!!

nunavut

Gio, 25/08/2016 - 19:48

era il tuo destino altro che angelo!!!! possibile che gli angeli dei altri che son morti dormivano profondamente in quel momento ???

mareblu

Gio, 25/08/2016 - 22:34

non che travestito da angelo ci stava francischiello circondato da due diavoletti neri ?.

Ritratto di leoni_da

leoni_da

Gio, 25/08/2016 - 23:03

ma che dite, era un angelo, rumeno pero'...... rimandate a casa pure lei....

Ritratto di leoni_da

leoni_da

Gio, 25/08/2016 - 23:06

in questi momenti certe strunzate non andrebbero dette.....

gcf48

Ven, 26/08/2016 - 01:05

che pietà i vostri commenti

ArturoRollo

Ven, 26/08/2016 - 06:54

«Un angelo non c’è sempre. Se no, non è un angelo. La sua prerogativa è che qualche volta arriva e qualche volta ti abbandona. Ecco l’essenza, la traccia dell’angelo». (Stefano BENNI). Cito ancora: " L'angelo non ha sesso...e percio' non ha religione ! Superstizione per supestizione,credo nell'angelo mitologico ed in quello di Lucio DALLA...che piscia in testa a Russi ed Americani !(Anonimo)

ben39

Ven, 26/08/2016 - 07:35

Se consideriamo il terremoto da un punto di vista religioso allora la suora è coerente con quello che ha affermato. La fede è soggettiva cioè significa che tra dieci persone solo uno la possiede per grazia, mentre gli altri la posso acquistare in base al libero arbitrio. Sempre secondo i testi sacri che molti non conoscono, non è sato Dio a provocare questo terremoto ma il Diavolo e i suoi angeli malefici cacciati tempo fa dal cielo perché indegni e che quindi ora sfogano la loro rabbia sulle creature di Dio. Lucifero ci riuscirà ancora per poco tempo fino ad Armageddon quando lui e suoi angeli malefici verranno distrutti durante il ritorno di Cristo, la Parusia e il lungo Regno di Cristo in terra e in cielo. Difficile da capire il disegno di Dio, probabilmente solo per pochi.

Cogito postea dico

Ven, 26/08/2016 - 08:04

Eppure non è difficile comprendere che in una situazione drammatica come quella in cui si è trovata assieme ad altre, tantissime, persone, una suora, ferma nel suo credo, possa paragonare un soccorritore, chiunque esso sia, a un angelo. Capisco il piacere del dissacrare, ma in certi momenti, si eviti di esasperare i commenti, pur nella libertà di opinione.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 26/08/2016 - 08:18

dobbiamo capire che uno è credere o non credere Dio e l'altro è ascoltare le parole trascritte di Gesù. Dio non l'ha vosto nessuno e possiamo metterlo in un cantone, ma Gesù ha vissuto e ha lasciato, se possiamo dire, la sua legge. Ora a parte le parabole che possono essere discutibili, ma uno è libero di seguire la sua parola, come i piduisti che ascoltano e non si discostano da quello che dicono i loro leader. Io posso andare in Chiesa anche non credendo a Dio il Superuomo, ma posso essere fedele ad una "disciplina" che è quello di Gesù, anche se posso non essere concordo purtroppo da quello che mi circonda con alcune sue frasi, come " se ti danno uno schiaffo porgi l'altra guancia". Ma uno dovrebbe interpretarle queste parole che il significato sarebbe, meglio non rispondere con un altro schiaffo, se l'altro fosse come me ed allora si pentisse del supo gesto. Ma si sa che non è così perche se tu porgi l'altra guancia lui mena ancora più forte.

gneo58

Ven, 26/08/2016 - 08:41

e' una suora. cosa volt che dica ? -

frank173

Ven, 26/08/2016 - 08:43

Buon per lei.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 26/08/2016 - 12:02

ho scritto tanto ma non sono arrivato al punto Volevo dire che credere ai miracoli, beh io non ci credo. Perchè un Santo dovrebbe salvare una bambina e non l'altra? Quindi una cosa è il comportarsi secondo delle regole, andando ad ascoltare in chiesa e comportarsi coem tale, un altro affidarsi a qualcosa che non sta nè in cielo e nè in terra, ma sono solo delle invenzioni dell'uomo.Il bello che tutti i popoli nel mondo credono in un qualcosa, senza che ci siano stati dei contatti a meno che, risale dal lontano quando gli uomini erano un solo gruppo poi spostatisi nei millenni dividendosi, come io credo che gli indiani d'america siano stati popoli tipo mongoli che hanno attraversato il continente.