Terrorismo, arrestata ricercatrice per terrorismo

La polizia ha arrestato Khadiga Shabbi, 45 anni, la ricercatrice libica che, lo scorso dicembre, fu al centro di un braccio di ferro tra Procura di Palermo e ufficio Gip

La polizia ha arrestato Khadiga Shabbi, 45 anni, la ricercatrice libica che, lo scorso dicembre, fu al centro di un braccio di ferro tra Procura di Palermo e ufficio Gip. La decisione è della Cassazione, che ha ritenuto fondati gli indizi di istigazione al compimento di atti di terrorismo internazionale. Accolto così il ricorso dei pm Leonardo Agueci e Gery Ferrara, che avevano disposto il fermo già a dicembre, ma poi la donna era stata rimessa in libertà dal Gip Fernando Sestito: il giudice sostenne infatti che per lei fosse sufficiente l’obbligo di abitare a Palermo e di firmare un registro di polizia. In un clima di polemiche incandescenti e comunicati tra Procura e Gip, i magistrati dell’accusa fecero ricorso al tribunale del riesame, che ribaltò la decisione di Sestito. In particolare giocò il fatto che la Shabbi fosse in contatto con foreign fighters e sostenitori della sharia. Ora la conferma della Cassazione, che ha dato il via libera all’arresto, eseguito da agenti della Digos con l'accusa di terrorismo.

Il Gip di Palermo Fernando Sestito non aveva convalidato il fermo eseguito dalla polizia, ritenendo insussistente il pericolo di fuga per la ricercatrice libica 45enne. E non aveva applicato alla
donna la custodia cautelare in carcere, come chiesto dalla Procura, ma l'obbligo di dimora a Palermo senza imporre all'indagata alcun divieto di comunicazione con l'esterno. Per il magistrato, che aveva riconosciuto comunque la sussistenza dei gravi indizi a carico della donna, non ci sarebbero stati però rischi di inquinamento probatorio, ma solo la possibilità che reiteri il reato, circostanza che, a parere del magistrato, rende sufficiente la misura dell'obbligo di dimora con divieto di uscire durante le ore notturne. Un provvedimento che aveva provocato qualche malumore in Procura. "La misura è del tutto inadeguata alle esigenze cautelari e all'intensissima rete di rapporti intrattenuti dall'indagata, oltre che contraddittoria e contraria alla più recente giurisprudenza. Pertanto la impugneremo", aveva laconicamente commentato il procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi. Oggi la decisione della Corte di Cassazione che dà ragione ai magistrati della Procura rispendendo in carcere la ricercatrice

Commenti

paolonardi

Mar, 28/06/2016 - 20:24

Probabilmente e' l'amica del ricercatore ucciso in Egitto.

beowulfagate

Mar, 28/06/2016 - 20:26

Ricercatrice? Come Regeni?

MassimoR

Mar, 28/06/2016 - 21:00

bene

Ritratto di karmine56

karmine56

Mar, 28/06/2016 - 21:58

Uno dei due magistrati è incompetente , per cui va licenziato. C'è tanta terra da zappare.

maurizio50

Mar, 28/06/2016 - 22:10

E mentre giudici e pm si divertono a battagliare tra ricorsi e controricorsi, i terroristi musulmani proliferano sul territorio nazionale! E l'indefinibile Ministro dell'Interno va in televisione a gloriarsi percè quest'anno hanno rispedito indietro 70 o 80 indesiderati ospiti, a fonte di centoquarantamila nuovi arrivi!!!!

uberalles

Mar, 28/06/2016 - 23:33

Con qualche milione di immigrati, potenziali terroristi, da giudicare, la magistratura si è procurato il lavoro per i prossimi 1000 anni, forse qualcuno di più.

uberalles

Mar, 28/06/2016 - 23:35

Il giudice Sestito in quale moschea si reca a pregare? Ah, non è islamico? Pensavo che fosse addirittura un imam...

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 28/06/2016 - 23:41

Certi magistrati, probabilmente penduli verso l'ideologia comunista espressa da Magistratura Democratica, sono plagiati dall'ossessione di voler cambiare il mondo con la loro illuminata conoscenza della verità. NON SI RENDONO CONTO CHE STANNO AIUTANDO GENTAGLIA PEGGIORE DEI NAZISTI DI TRISTE MEMORIA.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Mar, 28/06/2016 - 23:44

meno male che di tanto in tanto ne fanno una giusta. Il tutto per mettere una pezza alla castronata commessa dal gip. Se dipendesse da me questo sestito lo manderei a zappare le vergini terre d'africa. Di diritto non ha capito un ciufolo.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 28/06/2016 - 23:53

Ecco cosa succede quando giudici e magistrati (volutamente minuscoli) LITIGANO fra di LORO EVVVVVVIVAAAA, l'Itaglia!!!!. E poi dicono che DOVREMMO FIDARCI DELLA GIUSTIZIA ITALIANA!!!lol lol. Poveri Italiani nelle mani di questi soggetti.

Ritratto di Trasimacus

Trasimacus

Mer, 29/06/2016 - 05:55

A Osama Bin Laden si attribuisce questo detto: "Con le vostre leggi vi conquisteremo, con le nostre vi domineremo". Questo caso palermitano è esemplare della inefficace macchinosità con la quale i nostri organi giudiziari affrontano una minaccia gravissima come il terrorismo islamico.