"Tesoro mio" e cuoricini: nei pizzini l'amore gay tra due boss

Biglietti dai toni amorosi tra due capimafia in carcere, corredati di fiorellini e cuoricini

Coppia omosessuale

"Caro, come sei nel mio cuore. Tesoro mio. Gioia mia". Biglietti dai toni amorosi tra due capimafia in carcere, corredati di fiorellini e cuoricini. A rivelarlo è Lia Sava, pm antimafia della procura di Caltanissetta, in un documentario-inchiesta di Klaus Davi su mafia e omosessualità che presto darà alla luce un libro.

"Sia chiaro: sono alcuni episodi circoscritti", puntualizza il magistrato che non ha voluto svelare i nomi dei due boss. "Non vorrei che si pensasse - precisa Lia Sava - che la mafia sia diventata tutta cuoricini. E non abbiamo la prova di una relazioni sessuale. Ma devo rivelare che mi è capitato di osservare, cosa che mi ha incuriosito, delle lettere fra carcerati di mafia, maschi, appartenenti alle generazioni più giovani, che scrivono l’uno all’altro con delle espressioni particolarmente affettuose. Mi sono chiesta se in certi contesti, , dietro queste espressioni così affettuose, potesse esserci anche qualcosa, magari un richiamo al discorso omosessuale. Credo che anche questo tabù alla fine l’organizzazione mafiosa non se lo ponga più". In base a una esperienza ormai quasi ventennale, il pubblico ministero è convinto che questo fenomeno non sia affatto incompatibile con l’essere in sé mafioso: "Proprio perchè anche la stessa organizzazione mafiosa fa differenza tra forma e sostanza. Sono convinta che anche i mafiosi possano avere e abbiano relazioni omosessuali, anche se magari non c’è più di tanto una loro esplicitazione perchè si tende a coprire, come tendono peraltro a coprire anche le relazioni extraconiugali clandestine".

Nel corso del documentario, Sava parla anche del linguaggio amoroso dei capi-mafia. "Se ci pensiamo bene, anche i grandi capi-mafia comunicano fra di loro con frasi del tipo 'Tu sei il cuore del mio cuore, nella parte più interna del mio cuore' - racconta - analizzando questo linguaggio, al di là di quello che può succedere con le nuove generazioni, c’è comunque qualche cosa". Anche questo linguaggio rispecchia un fenomeno di latenza che, come fa notare il pm antimafia della procura di Caltanissetta, è presente in tutti: "Sono convinta che alla fine gli studi sociologici e psicologici potranno dimostrare questo discorso".

Commenti

vince50

Sab, 19/07/2014 - 14:32

Un mafioso ricchione non riesco proprio a immaginarlo,se tratterà di messaggi in codice mafi/one!!.

Domatore

Sab, 19/07/2014 - 14:44

La frocite dilaga

Ritratto di atlantide23

atlantide23

Sab, 19/07/2014 - 15:13

mah...voglio sperare che gli inquirenti abbiano preso in considerazione il fatto che potrebbero essere messaggi in codice....dati i protagonisti.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Sab, 19/07/2014 - 19:23

Se pure la Mafia finisce in mano ai froci vuol dire che la fine del mondo è davvero vicina!

MONDO_NUOVO

Sab, 19/07/2014 - 20:13

ADESSO I MAFIOSI SONO ANCHE GAY...!? FORSE E' UNA MOSSA PER AGGIRARE LA LEGGE E FARLA FRANCA...

Ritratto di UBRIS

UBRIS

Sab, 19/07/2014 - 22:51

Mi sa che ce lo mettono in quel posto

Sissy

Dom, 20/07/2014 - 07:12

gay in carcere Stare per lunghi periodi senza donna allora si' che si puo' diventare anche gay .. se vogliamo chiamarli cosi'... ci si accontenta anche di una persona dello stesso stesso... non ci trovo nulla di male ... Mafiosi o NO ... il corpo umano ha le sue esigenze....

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Dom, 20/07/2014 - 08:09

KE SKIFO !!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 21/07/2014 - 00:58

Dai cuoricini al matrimonio il passo è breve. Arriveranno a chiedere l'adozione di un figlio al riformatorio? (per stare in argomento)

rennox60

Lun, 21/07/2014 - 19:36

forse, la contaminazione frocio/politica partita dalla Puglia e passata in Sicilia ha contaminato anche i più "illustri" rappresentanti sociali di tali regioni.....

rennox60

Lun, 21/07/2014 - 19:37

Sissy? no,no!!