Torino, apre la moschea La Lega scende in piazza: "Questa non è integrazione"

Dopo Roma e Catania, da oggi anche Torino ospita un luogo di culto per la sua comunità islamica

"Bismallah al-Rahaman al-Rahim", ovvero in nome di dio clemente e misericordioso. Con queste parole, pronunciate dal presidente della Federazione islamica del Piemonte Elrhalmi Abdelrhani, è stata inaugurata questa mattina la prima moschea di Torino riconosciuta in modo ufficiale.

Realizzata in via Genova 268, zona Lingotto, la moschea (guarda la gallery) è nata grazie al contributo, al sostegno e al lavoro di tutta la comunità islamica non solo di Torino, ma anche di Nichelino e Moncalieri. Decine di associazioni (islamiche e non) si sono adoperate per realizzare in quella che era una ex discoteca "un luogo di incontro e di mutuo scambio sia tra generazioni sia tra culture diverse". Tra diversi relatori che si sono succeduti erano presenti anche il console del Marocco a Torino Abdel Aziz Ashak, gli assessori alla Casa di Nichelino e Moncalieri e il vicesindaco di Torino Tom De Alessandri. "Oggi si realizza qualcosa di importante - ha detto quest’ultimo - si onora l’articolo 8 della Costituzione, quello sulla libertà di culto. E si dà concretezza ad un processo di democrazia vera".

Dopo Roma e Catania, da oggi anche Torino ospita in termini ufficiali un luogo di culto per la sua comunità islamica. "Ma noi - hanno sottolineato i rappresentanti della comunità islamica - vogliamo che questa sia una moschea di vetro: trasparente e aperta. La moschea non era il fine, ma è il punto di partenza". "È questa la direzione da perseguire per una vera integrazione", ha commentato anche l’antropologa Annamaria Fantauzzi, rappresentante nazionale dell’Avis. E ha aggiunto: "Conosco bene la cultura islamica. È fondata su valori come i nostri: misericordia, lealtà, umanità. Non è accettabile pensare che nel 2013 una cultura come questa faccia paura".

Mentre all’interno della moschea su tappeti rossi fiammanti donati da un commerciante marocchino di Porta Palazzo venivano offerti dolci e biscotti tradizionali, accompagnati dal classico tè, all’esterno la Lega Nord ha manifestato per protestare contro l’apertura del nuovo centro. "Questa non è integrazione - hanno sostenuto distribuendo volantini - il Carroccio dice 'no' alla moschea di via Genova. Sarà questo il futuro di Torino?". Tre di loro hanno accettato l’invito e si sono presentati all’interno del centro culturale. Dove hanno ricevuto l’offerta di tè e dolci tradizionali.

Commenti
Ritratto di ohm

ohm

Sab, 06/07/2013 - 17:24

Cosa ne pensa Magdi Allam?

Ritratto di ohm

ohm

Sab, 06/07/2013 - 17:26

.Le Chiese.......ci fanno costruire le Chiese nei loro paesi ?

frabelli1

Sab, 06/07/2013 - 17:32

Ci troveremo invasi e dovremo subire le loro leggi. Aveva ragione Oriana Fallaci. Poi non ci dovremo lamentare, i protettori dei diversi l'avranno voluto.

Ritratto di genovasempre

genovasempre

Sab, 06/07/2013 - 17:47

pERCHE NEI GIORNALI E NELLE TV ITALIANE NON COMPAIONO MAI ARTICOLI CHE PARLANO DEI FATTI DI CRONACA CHE FANNO GLI ISLAMICI IN EUROPA E IN ITALIA?CoME MAI QUESTA INDIFFERENZA E PAURA?lULTIMA è SUCCESSA A LONDRA:lug – La gang di pakistani e somali marchiava a fuoco le loro “schiave bianche”. I genitori adesso denunciano: “La polizia sapeva e non ha voluto intervenire”. Marchiare a fuoco la pelle delle piccole “schiave bianche” che agganciavano tra gli strati operai della popolazione inglese non gli bastava, così come non gli bastava torturarle, drogarle e farle prostituire con decine di loro conoscenti pachistani che arrivavano da tutta l’Inghilterra. No, alla gang di pakistani e somali che depredava decine di bambine inglesi non bastava e per dimostrare il totale controllo telefonavano anche a casa loro minacciandole di tagliare la testa agli altri bimbi della famiglia se loro avessero parlato. Il tutto con la compiacenza dei servizi sociali e di alcuni poliziotti che sapevano ma preferivano non parlare per non sollevare problemi con la comunità islamica e per non rischiare di rovinarsi la carriera con accuse di razzismo.

Ritratto di Riky65

Riky65

Sab, 06/07/2013 - 17:59

Un altra pietra giustapposta in suolo italico ,se non vogliamo tornare ai tempi della conquista degli ottomani dell'Impero romano d'Oriente dobbiamo darci una svegliata al più presto perchè se no la resistenza alla spinte islamiche dal 1453 sarà stata vana!

linoalo1

Sab, 06/07/2013 - 18:22

Ma chi è stato a dare i permessi?Forse i soliti Comunisti,tanto per avere qualche voto in più?Perchè,quei signori,non provano a costruire una Chiesa Cattolica nel Paese d'origine di chi ha voluto le Moschee!Vedranno con quanta facilità sarà possibile!Lino.

chiara 2

Sab, 06/07/2013 - 18:27

GENOVASEMPRE...quello che scrivi mi basisce

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Sab, 06/07/2013 - 19:23

"Conosco bene la cultura islamica. È fondata su valori come i nostri: misericordia, lealtà, umanità. Non è accettabile pensare che nel 2013 una cultura come questa faccia paura". Ma quale follia permea il cervello di questi individui completamente ciechi alla realtà quotidiana palese a tutto il pianeta.

moshe

Sab, 06/07/2013 - 19:27

Che italia di m.... !!!!!

moshe

Sab, 06/07/2013 - 19:29

Votate la sinistra, avremo sempre più bastardi in Italia!

Ritratto di bracco

bracco

Sab, 06/07/2013 - 20:14

Ma che integrazione, quelli non si integrano per nessuna ragione, quelli mirano all'integrazione dei piccoli passi, NON PER INTEGRASI LORO, MA PER INTEGRARE ALLE LORO ESIGENZE UNO STATO DEBOLE, NELLE SUE TRADIZIONI R LE SUE USANZE COME E' L'ATTUALE ITALIA.

margherita cagliari

Sab, 06/07/2013 - 20:41

Misericordia? Umanità? E il casino che sta succedendo in Egitto e in Nigeria, allora, chi lo sta facendo????

franco@Trier -DE

Sab, 06/07/2013 - 20:47

Che bella notizia aspettiamo quella di Genova poi verrà il sindaco musulmano e poi vedremo.Moshe non offendere l'Italia devi dire semmai sono gli italiani non la Italia.certo con voi ebrei che avete riempito l'Italia ...

lamiaterra

Sab, 06/07/2013 - 21:18

I TRADITORI COMUNISTI, PRIMA SPINGEVANO L’ITALIA SOTTO LO SCARPONE DI STALIN, ORA SPINGONO L’ITALIA NELL’ABBRACCIO MORTALE DI MAOMETTO. ------- Perché gli Italiani di Sinistra odiano tanto se stessi? Perché sono anti Italiani? Perché odiano i propri genitori, i propri figli, la propria Terra, la propria lingua, la propria cultura, al punto da volerne la fine a tutti i costi? ------ La violenza con la quale impongono, ormai da molti anni, l’Invasione dell’Italia da parte degli Stranieri ha questo solo significato: la prossima fine del Popolo italiano. ------- Avrebbe dovuto essere la Sinistra ad impedire il progetto Distruttivo. Non soltanto non l’ha fatto, ma si è lanciata odiando se stessa e gli Italiani. ------- Perché? Siamo in tanti a chiedercelo. Perché la Sinistra desidera la fine degli Italiani, la fine della lingua, della musica, della poesia, del pensiero italiano? Sanno bene che nessuno Rom amerà la lingua italiana né scriverà le melodie di Puccini. Sanno bene che nessun Musulmano lascerà in piedi le Cattedrali né ammetterà che si cantino le Messe di Palestrina ------ È questo il punto. Sono gli uomini che fanno vivere le culture. Gli stranieri faranno vivere la loro cultura e Distruggeranno le nostre Radici e la nostra Identità.

lamiaterra

Sab, 06/07/2013 - 21:21

IN TUTTO IL MONDO, DOVE ARRIVANO I MUSULMANI ARRIVA IL MALE IL SANGUE LA MORTE.-------- Scritto nel corano - In the Koran: Fight and slay the Pagans wherever ye find them and seize them beleaguer them and lie in wait for them in every stratagem of war.

vivaitaly

Sab, 06/07/2013 - 21:43

Incredibile come l'occidente si sta autosuicidando, grazie alla sinistra e alla chiesa corrotta. Cara Lega tenete duro, siamo al precipizio della cultura occidentale. Qui o siamo alla fine, cosi come profetizza la Bibbia oppure sorgera' qualch'altro Mussolini o Hitler. E' incredibile come l'occidente si piega per accomodare una religione che ci vuole distruggere, e I politici non l'arrivano a capire. Prevale l'ignoranza occidentale.

benny.manocchia

Sab, 06/07/2013 - 22:10

Quanto sono idioti i comunisti italiani:sono convinti che i musulmani voteranno per loro.Ditemi il nome di una nazione nel mondo dove i musulmani votano per i comunisti. Un italiano in USA

Ritratto di genovasempre

genovasempre

Sab, 06/07/2013 - 22:17

chiara, le consiglio di leggere oltre il giornale,che ci ospita nei commenti anche imola oggi, lisistrata etc etc sempreché lei voglia

giusto1910

Sab, 06/07/2013 - 23:22

I numeri non si conoscono ma chi usa i bus, frequenta le ASL, gli uffici comunali, e il S. Anna (maternità), SA CHE LA COMUNITA' ISLAMICA DI TORINO E' ENORME. Però La Stampa di Torino questo fenomeno epocale/biblico, degno di studi e dibattiti, lo ignora. Il luogo di culto é necessario all'enorme comunità islamica. I cittadini torinesi però vorrebbero sapere a quanto ammontano gli assegni mensili che le famiglie mussulmane ricevono dal Comune. Perché, se si dichiarano poveri per avere i sussidi, possono permettersi di andare una o due volte l'anno al paesello? Perché inviano (da tutt'Italia) con Posta o Money Trasfert miliardi di euro nei loro paesi? Non si dichiarano poveri? (per non pagare tasse). Un noto spacciatore nigeriano ha subito un trapianto di rene alle Molinette baipassando la graduatoria della lista d'attesa. Perché le sig.re marocchine che frequentano Porta Palazzo toccano la merce e se lo fa una sig.ra italiana apriti cielo? Degli extracomunitari islamici che aprono una partita iva quanti sono in regola col versamento di tasse/iscrizioni? Perché negli asili nido di Torino il 99,9% delle famiglie islamiche non pagano la retta? E i ricongiungimenti familiari falsi per ottenere sussidi? Perché né prima né dopo ci sono controlli? Si sta forse programmando il più colossale voto di scambio nella Storia di una "Democrazia" occidentale? Forse l'Imam della moschea di Torino ce lo potrà spiegare visto che né il Comune, né La Stampa, né la mesfistofelica assessora Curti (che tanto ama gli islamici) parlano ai cittadini torinesi di queste problematiche che stanno, purtroppo, conducendo il Paese verso pericolosi atteggiamenti xenofobi.

giuliana

Sab, 06/07/2013 - 23:27

Ecco che parla lo scemo di turno - si vanta pure della sua ignoranza- e precisamente il vicesindaco di Torino Tom De Alessandri. "Oggi si realizza qualcosa di importante - ha detto quest’ultimo - si onora l’articolo 8 della Costituzione, quello sulla libertà di culto." L'art. 8 prosegue.... continui la lettura, pezzo di somaro...

Hilbert_Space

Sab, 06/07/2013 - 23:37

Le chiese ci sono già nei paesi arabi, ignoranti che siete. Solo in Arabia Saudita non si può. Ma lì c'è una setta fondamentalista (Wahabiti) fatta salire al potere dai Britannici, e sostenuta adesso dagli USA. Prendetevela con gli USA, non con gli islamici.

giuliana

Sab, 06/07/2013 - 23:41

E questa è un'altra suonata: "l’antropologa Annamaria Fantauzzi, rappresentante nazionale dell’Avis. ha aggiunto: "Conosco bene la cultura islamica. È fondata su valori come i nostri: misericordia, lealtà, umanità." Qualcuno spieghi a questa tontolona che ai musulmani è vietato (è scritto nel corano) avere come amici dei non musulmani e soprattutto i musulmani NON AIUTANO i non musulmani.

pieropomiga

Sab, 06/07/2013 - 23:54

in realtà, nei paesi dove ci sono cristiani. è pieno di chiese cristiane, in Turchia, Siria, Libano, Palestina, Egitto, Iran, Iraq, Libia, Eritrea, Algeria, Marocco, etc, molte di più di quante siano le moschee qui, benché vi siano molti più islamici qui che cristiani là. A parte che, non so se ve ne siate accorti, ma la maggioranza dei cosiddetti islamici in giro per l'Europa non va mai alle loro funzioni. Hanno un tasso di osservanti ancor minore di quello dei cattolici, ed é tutto dire...

Gaby

Dom, 07/07/2013 - 01:29

Fuori tutti I mussulmani dal nostro paese.

gcf48

Dom, 07/07/2013 - 02:05

Annamaria Fantauzzi, rappresentante nazionale dell’Avis: "Conosco bene la cultura islamica. È fondata su valori come i nostri: misericordia, lealtà, umanità. Non è accettabile pensare che nel 2013 una cultura come questa faccia paura". Forse la signora non ha letto questa notizia: http://www.repubblica.it/esteri/2013/07/06/news/nigeria_estremisti_islamici_attaccano_scuola_studenti_uccisi-62498597/

mila

Dom, 07/07/2013 - 05:15

Non capisco tanto scandalo per la costruzone della Moschea. Il problema non e' la Moschea in se', ma il numero eccessivo di immigrati islamici, il fatto che spesso non osservino le leggi locali, anzi vogliano imporre le loro (come succede in altri Paesi europei), la propaganda fondamentalista eccetera.

millycarlino

Dom, 07/07/2013 - 08:35

Speriamo che ci vadano soltanto per pregare! Milly Carlino

Franco Ruggieri

Dom, 07/07/2013 - 08:54

A chi sostiene la necessità di supportare (non "sOpportare") i mussulmani ricordo che il mai abbastanza maledetto maometto (mi raccomando la minuscola!), oltre a raccomandare di uccidere i non credenti, come li chiamava lui, caldeggiava la hudna, cioè la dissimulazione, come fece lui per entrare alla Mecca solo due anni dopo aver concordato con i meccani che non ci avrebbe provato per 5 anni. Gente: non dimentichiamoci che se, forse, molti mussulmani non sono osservanti, i loro osservanti sono pericolosi. Si chiamano jihadisti.

plaunad

Dom, 07/07/2013 - 08:59

Sono torinese e da tre giorni La Stampa sta rompendo gli zebedei ai suoi lettori con sta storia della Moschea (esaltandone l' apertura ovviamente). Mi chiedo se avessero inaugurato una Chiesa ci sarebbe stato un simile squillo di trombe e rullo di tamburi?

Ritratto di dido

dido

Dom, 07/07/2013 - 09:02

L'antopologa Fantauzzi, ma chi è ? Quando dice che la loro cultura e quindi anche la loro religione e' uguale alla nostra, in quanto ad umanità ecc... forse, ed è certo, non sa quello che dice. Certamente il suo sky line politico non va oltre quel sol dell'avvenire che ammorba Torino e dintorni. Qualsiasi decisione "umanitaria o buonista" presa dagli islamici deve essere conforme ai dettami del Corano, e sappiamo benissimo che nel profumato ed intoccabile Corano, l'integrazione con altre società e l'assimilazione di usi e costumi che non siano quelli islamici, sono proibiti e PUNITI! "Cara" antropologa, lei sarà la donna preferita da costoro, e presto la vedremo con lo chador in testa, portato orgogliosamente a dispetto della libertà delle altre donne, islamiche naturalmente!

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Dom, 07/07/2013 - 09:06

pieropomiga. sarà forse perchè SECOLI prima dell'invasione arabo musulmana c'era le religione cristiana? Sa, mica esiste la cristianità per gentile concessione dell'Islam da quelle parti. In quanto ai "laici" musulmani in Italia io vedo donne, bambine velate e barboni salafiti. Vive in qualche maso sopra i duemila metri?

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Dom, 07/07/2013 - 09:08

hilbert space qualche intelligentone si affaccia sempre alla finestra.Beato e contento???

pieropomiga

Dom, 07/07/2013 - 09:52

galaverna, vede male. Le bambine non sono mai velate. Donne velate ce n'è pochissime e idem barbe (che non implicano necessariamente l'adesione a qualche ideologia religiosa: ce l'ho anche io che non sono islamico, anzi) Quel che volevo sottolineare é che praticamente solo in Arabia saudita, da cui non arriva nessun immigrato, ci sono ostacoli a erigere chiese cristiane, ma d'altronde nemmeno ci sono i cristiani che le frequenterebbero. Altrove si potrebbero costruire, ma ci sono già. Mentre qui le moschee non ci sono e i fedeli sì: anche se appunto solo una minoranza frequenta le funzioni. Gli altri nemmeno li riconosci come islamici e nemmeno come stranieri, se non li senti parlare: hanno le medesime facce dei meridionali, e purtroppo anche alcuni dei comportamenti Notare che il grosso degli islamici osservanti sono i senegalesi che sono superpacifici e perfettamente integrati A proposito, vivo in centro a Milano: e ho abbastanza anni per ricordare che le stesse identiche cose, a parte le fesserie religiose il più delle volte sollevate da gente che nemmeno é cristiana (sullo stile della fallaci), le stesse cose venivano dette quando le nostre cit5tà erano invase da quelli che arrivavano dalla Bassa Italia e che adesso sono in prima fila a fare i razzisti

Ritratto di EMILIO1239

EMILIO1239

Dom, 07/07/2013 - 10:19

Che assurdità. Noi concediamo tutto e loro.... Sono stato in IRAN dove essere cattolici è una bestemmia. Al mio arrivo a Theran un poliziotto addetto alla verifica dei passaporti mi ha indicato di togliermi la catenina con il crocifisso per non avere problemi. Levarmi la cravatta per non indicare a occhio che ero occidentale. Chiese neanche a pensarci. Noi in cambio concediamo tutto...Questo è pazzia.

Guglielmo M

Dom, 07/07/2013 - 11:00

Certo che non siamo proprio capaci a farci gli affari nostri. Avrei qualche domanda per i comunisti e questa Europa : A cosa servono queste moschee e quale vantaggio ne trarranno gli italiani? Quali vantaggi ci portano questi islamici? Quali sono i vantaggi di questa immigrazione dal terzo mondo, di islamici e dai paesi dell'est comunista? Quali sono i vantaggi a far emigrare gli italiani e perchè li state costringendo a lasciare il proprio paese? Attendo risposta.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 07/07/2013 - 11:12

"Conosco bene la cultura islamica. È fondata su valori come i nostri: misericordia, lealtà, umanità. Non è accettabile pensare che nel 2013 una cultura come questa faccia paura".Al posto dell'antropologa mi preoccuperei di prenotare un bel burka...e magari contrarre una bella assicurazione sui genitali esterni. Nel caso, all'interno della comunità, dovesse prevalere la cultura nilotica...

Altaj

Dom, 07/07/2013 - 11:23

A quando l'apertura del tempio della Dea Kalì ??????????

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 07/07/2013 - 17:48

#Ivano 66. Tesi interessante, la Tua. Come, del resto, tutte quelle esposte nella tua quotidiana attività di "fustigatore etico" immaginario. In che cosa consisterebbe, allora, la dignità delle persone? Nell'esibizione progressista di effusioni omofile nel contesto di quelle raccapriccianti kermesse della devianza denominate gay pride? Dedicati di più al sesso( quello, beninteso, primordiale ed eterofilo) e meno ad una forsennata attività autoerotica.

franco@Trier -DE

Lun, 08/07/2013 - 00:13

benny la sinistra o i rossi hanno una ministro congolese più di così...

piedilucy

Lun, 08/07/2013 - 09:09

mi raccomando fatela pagare ai contribuenti ....speriamo gli diano fuoco

Ritratto di alejob

alejob

Dom, 14/07/2013 - 12:46

Impreditori Italiani fuggite il più lontano dall'Italia. La stupidità Italiana della sinistra, non ha ancora capito che certa gente viene nel nostro paese perchè siamo degli STUPIDI, governati dal Vaticano. Ci hanno insegnato a porgere l'altra guancia, ma coloro che vengono e si annidano, non si accontenteranno dell'altra guancia, ma vorranno anche la nostra TESTA. Una volta erano i ROMANI cha andavano a prendere potere sui deboli pretendendo TRIBUTI, ora si profila l'inverso arrivano e pretendono. La storia non mente mai.

Ritratto di menomalechemuionoancheloro

menomalechemuio...

Dom, 18/08/2013 - 00:55

no comment