Torino, arrestato peruviano: abusi su figlia disabile dell'ex moglie

Incapace di difendersi dall'orco, la giovane sarebbe stata ripetutamente stuprata dal 56enne che, una volta venuto a galla tutto, ha cercato di fuggire e di trovare scampo a Torino. Tentativo vano: arrestato dagli agenti della squadra mobile di Roma, è finito in carcere

Ha abusato più volte della figlia dell'ex moglie approfittando della sua condizione di disabilità fisica e psichica il peruviano tratto in arresto a Torino, dove era fuggito, dagli agenti della squadra mobile di Roma che erano sulle sue tracce.

Secondo i risultati delle indagini svolte nei suoi confronti dalla IV sezione della squadra mobile e coordinate dai magistrati del Gruppo antiviolenza della procura della Repubblica di Roma, il 56enne ha ripetutamente stuprato la giovane connazionale, facendo leva sulla sua incapacità di difendersi. Gravi le lesioni riportate dalla giovane a causa degli abusi subìti.

S.J.R. ha approfittato delle debolezze della sua vittima in più di un'occasione, fino al momento in cui la verità non è venuta a galla e lo ha spinto a fuggire ed a tentare di far perdere le proprie tracce.

Tutto inutile, dato che le indagini sono andate avanti ed il Gip del tribunale di Roma ha spiccato un'ordinanza di custodia cautelare per l'orco peruviano, ben presto individuato nella città di Torino.

L'uomo è stato quindi tratto in arresto durante l'alba dello scorso venerdì. Incriminato con l'accusa di violenza sessuale aggravata, lo straniero è finito dietro le sbarre della casa circondariale "Lorusso e Cotugno" del capoluogo piemontese.