Torino, chiusa l'inchiesta sul Salone del Libro: gli indagati sono 29. Tra loro anche Fassino

Ventinove indagati: si chiude così la maxi inchiesta della procura di Torino sui conti in rosso del Salone del Libro

Ventinove indagati: si chiude così la maxi inchiesta della procura di Torino sui conti in rosso del Salone del Libro. Falso in bilancio, turbativa d'asta e peculato sono le accuse che, a vario titolo, sono contestate dal pubblico ministero Gianfranco Colace e dal procuratore aggiunto Enrica Gabetta.

L'inchiesta ha analizzato i conti della Fondazione dal 2010 al 2015, partendo dai guai giudiziari dello storico presidente Rolando Picchioni ed è arrivata alla conclusione che la valutazione del marchio venne sovrastimata di quasi 800mila euro per risanare i bilanci in deficit del Salone.

Proprio in queste ore la polizia giudiziaria sta notificando gli avvisi di chiusura indagine. Tra coloro che rischiano di finire a processo - oltre all'ex patron Rolando Picchioni, accusato di peculato - ci sono amministratori pubblici, politici, funzionari e revisori dei conti. Nell'elenco figurano anche i nomi dell’ex sindaco Piero Fassino, dell’attuale assessore alla Cultura Antonella Parigi, del suo predecessore Michele Coppola e di Giovanna Milella, ex presidente del Salone del Libro, succeduta a Picchioni.

Commenti
Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Gio, 17/01/2019 - 15:36

Ma che sta succedendo alla sinistra, stanno diventando tutti cattivi che li inquisiscono ??? O lo erano anche prima e venivano opportunamente coperti degli amici rossi ???

fifaus

Gio, 17/01/2019 - 16:24

Arduino2009: beh, tanto finirà tutto a tarallucci e vino...