Torino, la Giunta Appendino perde pezzi dopo il disastro in piazza

Secondo indiscrezioni, la sindaca Chiara Appendino sarebbe pronta ad annunciare l'avvicendamento già domani o al più tardi lunedì

Novità in arrivo per la giunta pentastellata del Comune di Torino. Nelle prossime ore l'assessore Stefania Giannuzzi dovrebbe cedere le deleghe all'Ambiente all'attuale capogruppo M5S Alberto Unia. Secondo indiscrezioni, la sindaca Chiara Appendino sarebbe pronta ad annunciare l'avvicendamento già domani o al più tardi lunedì. Il cambio, sempre secondo quando appreso, non avrebbe nulla a che fare con i fatti di piazza Sann Carlo, ma servirebbe a rendere ulteriormente incisiva l'azione della giunta in un settore, quello dell'Ambiente appunto, considerato strategico per la città dalla sindaca Appendino e dalla maggioranza Cinque Stelle. Spetterà poi al gruppo consiliare M5S indicare il nuovo capogruppo che dovrebbe sostituire Unia.

Un'altra lettura di questo cambio in Giunta, invece, sarebbe legato al disastro di Piazza San Carlo e, più precisamente, alla mancata pulizia della piazza dalle bottiglie di vetro, divenute più tardi la principale causa delle ferite durante il fuggi fuggi per il falso allarme bomba.

Stefania Giannuzzi, selezionata con un "bando", ieri era stata vista uscire in lacrime dall'ufficio della sindaca Chiara Appendino. L'operazione di rimpiazzo avrebbe un duplice scopo: da un lato proteggere il capo di gabinetto della sindaca, Paolo Giordana, che ha curato l'organizzazione dell'evento, e dall'altro lato ricucire i rapporti dell'amministrazione con il Movimento.

Commenti

Martinico

Dom, 11/06/2017 - 00:48

Hanno estratto a sorte e non è risultato fortunato.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Dom, 11/06/2017 - 07:25

Ma stiamo scherzando, stai a vedere che 1.527 persone si sono ferite perché non hanno subito raccolto i vetri da terra. Siamo alle solite, questi schifosi politici fanno il bello ed il cattivo tempo, pur di salvaguardare i propri interessi. Vergogna per questi stupidi incapaci.

Fjr

Dom, 11/06/2017 - 09:29

Quello era un problema di sicurezza cosa c'entrano i rifiuti , nella sicurezza ci stava il controllo affinché non fossero vendute bibite in bottiglia e lattine ,ma soprattutto doveva essere programmato un piano con vie di fuga sicure in caso di attacco terroristico o altro ,nulla di tutto ciò è stato fatto quella che dovrebbe dimettersi è la Appendino per non aver saputo organizzare le sue truppe ,facile adesso fare lo scaricabarile con uno e con l'altro come la Raggi hanno seri problemi nella gestione dell'organizzazione questi non vedono ne' il dito e tantomeno la luna

Ritratto di bandog

bandog

Dom, 11/06/2017 - 10:41

Scusate mahhhhh,che min.. c'entrano i rifiuti..povera Torino da città stupenda a bidonville sgovernata da partiti e funzionari pubblici uno peggio dell'altro!!!

Ritratto di dardo_01

dardo_01

Dom, 11/06/2017 - 19:54

Eliminare un assessore come capro espiatorio è anche una forma di vigliaccheria! Tutti devono sapere che la Sicurezza è solo responsabilità del Sindaco! E' solo dilettantismo!