Tragedia a Metaponto, donna muore annegata mentre fa il bagno

Con lei c'era anche la figlia di sei anni, ricoverata in codice rosso con un edema polmonare nell'ospedale "San Carlo" di Potenza. Ad accogersi di loro in mare, un bagnino e un maresciallo dei carabinieri in vacanza

È morta annegata mentre faceva il bagno con la figlia di sei anni nelle acque di Metaponto, un Comune in provincia di Matera, nei pressi di "lido Nettuno". Si tratta di una donna di 26 anni di nazionalità albanese in vacanza in Basilicata con il marito e i due figli. Il corpo della donna in acqua è stato notato dal bagnino di uno stabilimento balneare della zona che è intervenuto immediatamente insieme ad un maresciallo dei carabinieri libero dal servizio ed in vacanza a Metaponto. I due hanno subito cercato di mettere in salvo la bambina e la madre. La giovane donna, insieme alla figlia, sono state trasportate con l'eliambulanza del 118 all'ospedale "San Carlo" di Potenza. Per la 26enne, purtroppo, non c'è stato nulla da fare, la piccola, invece, secondo quanto si legge sul quotidiano regionale "La Gazzetta del Mezzogiorno", ha riportato un edema polmonare, ma non è in pericolo di vita.

Il marito della donna era rimasto sotto l'ombrellone con il figlio di tre anni. Insospettito dal fatto che la moglie non tornasse e non vedendola più in acqua si è allertato finchè non ha scoperto la tragedia che si stava consumando.
Sul posto sono giunti anche il magistrato di turno della procura della Repubblica di Matera e i carabinieri che hanno avviato gli accertamenti ricostruire la dinamica dei fatti.
Nei lidi circostanti sono stati chiusi momentaneamente, in segno di lutto e di rispetto, tutti gli ombrelloni.