Tragedia stradale sulla A7. Padre di famiglia travolto da un’auto

Il 42enne è morto mentre si stava recando a Milano per lavoro. Era sceso dalla sua vettura per controllarne il funzionamento in seguito a un tamponamento

Una tragedia stradale è avvenuta questa mattina, martedì 23 aprile, verso le 5,45 sulla A7, fra Binasco e la barriera di Assago. Un 42enne era sceso dalla sua auto per controllarla in seguito a un tamponamento, e questa scelta gli è costata la vita. L’uomo, padre di famiglia di 42 anni, sposato e residente a Pavia, è stato travolto da un’auto che stava sopraggiungendo. Lascia due figli. Subito sul luogo dell’incidente sono giunti il soccorso stradale, un’ambulanza della Croce Bianca di Binasco e un’automedica in codice rosso, oltre alle polizia stradale di Assago. I sanitari intervenuti sul posto non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del 42enne, morto sul colpo.

Secondo quanto ricostruito il 42enne sarebbe stato tamponato da un’auto mentre si stava recando a Milano per lavoro. Una volta sceso dalla sua vettura per controllare la situazione, sarebbe stato travolto e ucciso da un terzo veicolo, risultato guidato da due cittadini ucraini che stavano raggiungendo l’aeroporto. La tragedia verificatasi all'alba ha obbligato gli agenti a chiudere il tratto autostradale in direzione del capoluogo milanese. Questo sia per permettere i rilevamenti sul manto stradale, sia per rendere possibili le operazioni di soccorso necessarie.

Il traffico, già consistente a quell’ora del mattino, e costituito in prevalenza da pendolari provenienti dall’hinterland, è stato deviato tramite percorsi alternativi. Sono stati registrati diversi problemi causati dalle lunghe code createsi. La zona che ha subito maggiori disagi è stata la ex statale 35 dei Giovi, la Strada provinciale 40 Binasco-Melegnano e la parte di Corsico. Poco prima delle 10 la circolazione è tornata nella norma per la riapertura del tratto autostradale.