Tragico incidente sul Grande raccordo anulare: muore giovane di 23 anni

Il ragazzo ha perso la vita in un violento scontro con una 500. Aveva accettato il passaggio di due amici dopo una serata in discoteca

Ha perso la vita a 23 anni in un tragico incidente stradale sul Grande raccordo anulare (Gra) domenica mattina all’alba. Il giovane, originario di Guidonia, aveva accettato il passaggio di due fratelli di Palombara dopo una serata in discoteca ed è morto nello scontro con una 500 sulla carreggiata esterna nel tratto in curva tra le uscite di La Rustica e della Roma-L’Aquila.

Come riportato da Il Messaggero, i tre ragazzi viaggiavano su un Fiat Doblò che ha tamponato una Scenic con a bordo una coppia di peruviani. I fratelli sono scesi dalla macchina per verificare cosa fosse successo, mentre il ragazzo di Guidonia è rimasto seduto dietro nel Doblò. In quel momento è arrivata improvvisamente una 500 guidata da una ragazza di 35 anni, che tenta di frenare ma non riesce a evitare l’impatto.

Secondo le prime ricostruzioni, lo scontro è stato violento tanto che il Doblò si è girato su se stesso varie volte e ha colpito una Mini Cooper che stava passando. Il giovane di Guidonia è rimasto incastrato fra le lamiere, mentre uno dei due fratelli, quello che era alla guida, viene investito dalla 500. Sono attimi disperati, vengono allertati i vigili del fuoco ma purtroppo il ragazzo di Guidonia è morto sul colpo. Il fratello investito viene invece trasportato all’ospedale di Tor Vergata dove è ricoverato in gravi condizioni in terapia intensiva

Il tratto di Gra interessato dall’incidente è rimasto chiuso al traffico per tre ore. Spetterà ora al magistrato stabilire come è avvenuto il tragico scontro, dopo aver visionato le telecamere installate lungo il Raccordo e dopo aver ascoltato le testimonianze.