Trani, morì al sesto mese di gravidanza: assolti i due ginecologi

Assolti due ginecologi indagati per la morte di una giovane donna al sesto mese di gravidanza

Era il febbraio del 2012 quando la 29enne di Ruvo Maria Terese Lauciello, al sesto mese di gravidanza, venne ricoverata presso il nosocomio di Corato in preda a terribili dolori addominali. Solo tre giorni dopo fu trasferita all'ospedale Miulli di Acquaviva delle Fonti dove le sue condizioni si aggravarono ulteriormente. Venne a mancare per shock settico dopo aver dato alla luce un feto morto.

Dopo la denuncia della famiglia, l'inchiesta a carico di quattro medici e due ostetriche della struttura sanitaria coratina aperta dalla Procura di Bari, passò nelle mani della magistratura di Trani. Nel 2014, chiuse le indagini, la Procura tranese chiese il rinvio a giudizio per tre dei sei indagati.

Il gup Raffaele Morelli ha ora assolto i ginecologi dall'accusa di omicio colposo in concorso. Un terzo medico che aveva scelto il rito ordinario, è ancora coinvolto nel processo. Si è costituito parte civile del procedimento il marito della defunta.