Trapani, aggredisce bimbi per cacciarli dal campo, fermato africano

Il richiedente asilo, ospite del centro Sprar di Castellammare del Golfo, aveva già alle spalle degli episodi di violenza, commessi nei confronti del responsabile e di alcuni altri dipendenti della sopra citata struttura di accoglienza

È finito dietro le sbarre del carcere Piero Cerulli di Trapani il 18enne della Nuova Guinea autore di un’aggressione nei confronti di alcuni bambini del posto, che stavano tranquillamente giocando in un campo di calcio prima di essere cacciati dallo straniero.

L’episodio si è verificato a Castellammare del Golfo (Trapani), ed ha visto come protagonista in negativo un richiedente asilo ospite del centro di accoglienza Sprar. Costui avrebbe aggredito il gruppetto di bambini, di un’età compresa tra i 7 ed i 9 anni, accanendosi in modo particolarmente violento contro alcuni. Dopo aver colpito un bimbo di 7 anni ed averlo mandato a terra è stato il turno di uno di 9 anni, preso a schiaffi ed a calci, mentre un terzo membro del gruppetto è stato minacciato di morte, come riportato da “Il Giornale di Sicilia”. “Se tocchi ancora la palla ti ammazzo!”.

I piccoli, terrorizzati, hanno allertato il 112 chiedendo l’intervento dei carabinieri della compagnia di Alcamo. Giunti sul posto, i militari hanno provveduto all’identificazione di tutti i presenti compreso il colpevole guineano, che avrebbe però fornito false generalità nell’inutile tentativo di celare la sua reale identità. Sono pertanto scattate le manette ai polsi di Baoubacar Sidiki Kabaa, 18enne ospite della struttura d’accoglienza Sprar, accusato dei reati di minacce gravi, violenza privata e lesioni personali ai danni di alcuni bambini del luogo.

Ad un approfondimento dei controlli sul guineano sono poi emersi altri precedenti, già accumulati nonostante la giovane età. Nello scorso mese il richiedente asilo aveva rubato un furgone in dotazione al centro Sprar e danneggiato alcuni beni di proprietà della struttura presso la quale si trova ospite. A tali reati si aggiungono quelli di sequestro di persona e lesioni personali commesse contro il responsabile del sopra citato centro di accoglienza ed alcuni altri operatori.

Dopo aver raccolto le testimonianze dei bambini, assistiti dai genitori e da psicologi, i carabinieri hanno tratto in arresto il guineano, portandolo nel carcere di Trapani.

Commenti

vigpi

Lun, 08/10/2018 - 14:10

è proprio vero...in sicilia la mafia è stata sconfitta

Una-mattina-mi-...

Lun, 08/10/2018 - 15:03

COLPA DELLE LEGGI RAZZIALI, IN BASE ALLE QUALI, DI FATTO, NON SI PERSEGUONO PIU' DETERMINATI SOGGETTI

baronemanfredri...

Lun, 08/10/2018 - 15:09

VIGPI MI HAI ANTICIPATO PERO' CI SONO SEMPRE LE PERSONE CHE NON SI FANNO PASSARE UNA MOSCA SOPRA IL NASO. ALLORA MUOVETEVI QUESTO ORMAI HA CAPITO CHE ANCHE IN SICILIA POSSONO FARE QUELLA CHE VOGLIONO. FORZA ANDATE E DI BUONA GIORNATA GLI ROMPETE LE CORNA A QUESTO FATEVI VEDERE CHE SIETE SICILAINI. DEVO VENIRE IO DA MILANO?

zadina

Lun, 08/10/2018 - 15:14

Sono tutte le preziosi risorse della Boldrini che contribuiscono ad arricchire il territorio nazionale, certamente ci arricchiscono ma purtroppo di atti di violenza e delinquenza è il benessere che ci stanno portando, e certi babbei pretendono di portarne molti altri per farli mantenere dal popolo bue.

maxxena

Lun, 08/10/2018 - 15:17

..mi raccomando..teniamocelo perchè trattasi di elemento fondamentale per la nostra società. Confido molto nei genitori dei ragazzini.

Giorgio5819

Lun, 08/10/2018 - 15:54

"aveva già alle spalle degli episodi di violenza..." solita questione, i lerci hanno un lasciapassare politico, loro possono delinquere perché protetti dai comunisti... che sono più lerci di loro e non conoscono vergogna.

Trinky

Lun, 08/10/2018 - 16:18

Mandatelo subito dal sindaco di Palermo...ovviamente se lo dovrà tenere gratis!

polonio210

Lun, 08/10/2018 - 16:23

Furto di un furgone, danneggiamento di beni, sequestro di persona, lesioni personali, ed era comunque a piede libero? Ma che strano paese il nostro, si minacciano le persone, di dare loro 6 anni di galera, se spendono pochi euro ricevuti dallo stato, in modo non consono ai voleri del governo, ed un criminale conclamato accusato di reati gravissimi è libero di farsi a fatti propri e di picchiare dei bambini. E poi ci vengono a sfruculiare con l'accoglienza e la cultura che ci portano questi soggetti. Stanno facendo rimpiangere i tempi in cui in Sicilia, se commettevi un reato non autorizzato o alzavi le mani su donne e bambini, finivi a sostenere un cavalcavia autostradale dall'interno di un bel pilone. E, guarda caso, quei piloni non sono mai crollati, si vede che usavano cemento molto buono.

rawlivic

Lun, 08/10/2018 - 16:25

un criminale a piede libero nel territorio italiano, grazie alla magistratura ad agli abusi del diritto di asilo...

Ritratto di navajo

navajo

Lun, 08/10/2018 - 16:42

Il brutto della questione è che c'è una marea di imbecilli che vorrebbe qui altra gente del genere. Come se non fosse abbastanza il mezzo milione di pluripregiudicati stranieri che ad oggi sono in Italia. Poi c'è chi posta 100 sproloqui sulla ragazza di colore cui avrebbero rifiutato il lavoro perché tale, ma qui si guarda bene dallo scrivere.

stefi84

Lun, 08/10/2018 - 17:08

Se uno stato non riesce a cacciare dal proprio paese una persona che è stata accolta , alloggiata, mantenuta e ne ha approfitatto per delinquere dico che ci sono leggi sbagliate e soprattutto perchè non si possono cambiare.

Geegrobot

Lun, 08/10/2018 - 17:43

La loro cultura sarà la nostra disse una volta qualcuno

cgf

Lun, 08/10/2018 - 18:40

poverino, non lo volevano che giocasse con loro. povera stella.

Gianx

Lun, 08/10/2018 - 18:47

Bella ciao bella ciao bella ciaio ciao ciao....

bruco52

Lun, 08/10/2018 - 19:10

i paesi africani ci mandano tutti i delinquenti, i matti, i disadattati, per non doverci più combattere...invasione afro-musulmana e invasione di soggetti da trattamenti psichiatrici...venite gente, venite, tanto da noi i manicomi non ci sono più e potrete scorrazzare per le strade dell'Italia ad assalire, stuprare ed uccidere tutti gli Italiani che vorrete, con il beneplacito, se non la complicità, delle zecche rosse e dei buonisti da strapazzo...

hellas

Lun, 08/10/2018 - 19:36

"Gli imperi si conquistano con le armi e si mantengono con il prestigio ! E per il prestigio occorre una severa, rigorosa coscienza razziale, che riconosca delle differenze, ma anche delle superiorità nettissime!" . Mi pare che basti!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 08/10/2018 - 20:22

E con la denuncia di dichiarazione di false generalità questo si pulisce il posteriore. Con tutte le denunce raccolte questo doveva essere rimpatriato già perlomeno alla seconda. A FORZA DI ESSERE TROPPO BUONI SI MERITA DI ESSERE TRATTATI DA COGLJONI.

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Lun, 08/10/2018 - 22:38

Onefirsttwo dice : Signori miei ! STOP Può essere che Baobab aveva buone intenzioni ! STOP Che so , p.e. mandarli a casa a studiare invece di stare tutto il giorno a giocare a Pallone ! STOP Chissà come stanno realmente le cose ! STOP Yeeeeeeeeeeeeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh .