Truffa donna malata di cancro: Alessandro Proto torna in carcere

Il 44enne, già arrestato per truffa, è stato fermato a Como. È accusato di aver approfittato delle condizioni critiche di una donna, facendosi consegnare 130 mila euro

Alessandro Proto torna in carcere. Il finanziere 44enne, già arrestato per truffa e violazioni finanziarie come riporta il Corriere, è stato bloccato nel centro di Como.

Il "truffatore seriale" è accusato questa volta di aver raggirato una donna malata di cancro. L'uomo, approfittando delle condizioni di salute critiche della vittima, sarebbe riuscito a convincerla a consegnargli 130mila euro, dopo avere iniziato con un prestito di circa 900 euro.

Nei primi mesi dell'anno, i finanzieri avevano controllato tutti i conti del 44enne in relazione a svariati prelievi effettuati in contanti in uffici postali della città, tra i quali quello all'interno del Palazzo di Giustizia. Poi è arrivata anche la denuncia di una donna, che si è detta vittima di una truffa messa in atto dallo stesso Proto. Il caso era stato reso pubblico da una inchiesta delle Iene.

Le indagini sui conti correnti di Proto hanno rivelato l'utilizzo del denaro: i soldi ottenuti dalla donna sono stati investiti "in attività speculative su conti di gioco online, al fine di mascherarne la provenienza".

Accusato di truffa pluriaggravata e autoriciclaggio, il 44enne residente in Svizzera è stato trasferito nel carcere di Como.