Così il governo architetta ​la furbata per raggirare la Ue

La confessione di Giorgetti: "Alla fine non romperemo, poi ognuno interpreterà la manovra all'italiana..."

Alle 17,30 del pomeriggio il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, lascia Montecitorio dal portone di piazza del Parlamento. Il maxiemendamento che dovrebbe ridisegnare la manovra con l'ok di Bruxelles ancora non è arrivato al Senato, ma il numero due della Lega che ormai ha maturato un'allergia verso i grillini, si affida alla speranza: «Alla fine chiuderemo spiega perché a nessuno conviene rompere. Poi ognuno lo interpreterà a suo modo... All'italiana». Appunto, quell'intesa con l'Europa che ieri il ministro dell'Economia Tria dava già per fatta, forse per mettere Di Maio e Salvini di fronte al fatto compiuto, e Palazzo Chigi ancora no, potrebbe essere nella peggior tradizione italica, un accordo con grandi ombre, che ognuno commenterà a suo modo oggi, lasciandosi margini per il domani. Nel bene e nel male: e questo vale per la Ue, come per il governo italiano.

In fondo è il massimo che si può ottenere dopo mesi di follia, in cui si è scatenata una guerra di parole per poi rifugiarsi in un armistizio per salvare la faccia. «Incrociamo le dita e speriamo di farcela», dice sul portone della Camera che si affaccia su piazza Montecitorio il sottosegretario grillino, Vincenzo Spadafora. Appunto, si spera nelle valutazioni politiche, nella voglia di tutti i contendenti di non farsi male che potrebbe portare ad un rinvio con il rischio che la Ue ci imponga una manovra correttiva tra qualche mese, o magari nel senso di opportunità di una Commissione europea già alle prese con la Brexit e con la rivolta dei gilet gialli in Francia. Solo che di speranza si può morire, specie quando i numeri non tornano. E su questo nessuno ha grossi dubbi. Non per nulla, alla stessa ora, il ragioniere dello Stato, Daniele Franco, offre ad un amico questa fotografia della situazione: «Il governo resta fermo su un rapporto deficit-Pil al 2,04%, ma la Ue non si fida».

La Ue non si fida, ma forse può chiudere un occhio. Non è necessario avere un Nobel in economia per comprendere che le cifre della manovra sono un esercizio di fantasia: se il governo si era attestato su quel totem del 2,4% quando si immaginava un tasso di sviluppo dell'1,5% per il prossimo anno, ora che tutti prevedono l'1%, se non meno, per mantenere in piedi tutte le compatibilità di quella manovra, si dovrebbe immaginare un 1,9% o giù di lì. Più o meno il ragionamento terra terra che fa in questi giorni il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, con l'aria di chi l'aveva detto. Ma ormai Salvini e Di Maio si sono innamorati di quel 2,04%, corredato da ciò che resta del reddito di cittadinanza e di quota 100 sulle pensioni, e non sentono ragioni. Magari per una ragione di marketing o perché quel 2,04% pronunciato da chi subisce la zeppola o il birignao può sembrare un 2,4%. «Una trovata geniale», si esalta da giorni il portavoce di Palazzo Chigi, Rocco Casalino, che ne rivendica il copyright.

Solo che la realtà dei numeri è spietata, non lascia margini. E i più avveduti, anche nel governo, ne sono consapevoli. Ieri, fatto singolare, il sottosegretario grillino Stefano Buffagni, si è intrattenuto a colloquio con Pier Carlo Padoan. Alla fine l'ex ministro dell'Economia del governo Gentiloni ha tracciato un quadro problematico sui meccanismi che si sono innescati nel governo. «La verità ha spiegato è che personaggi come Giorgetti, Garavaglia, Buffagni sono avvertiti dei rischi che corriamo. Anche loro sono consapevoli che mancano tre miliardi all'appello. Ma i capi politici da questo orecchio non ci sentono, non vogliono fare un passo indietro. Addirittura preferiscono che la Commissione ritorni sull'argomento a gennaio, con il rischio di una manovra correttiva in corsa. Sono stati presi da un delirio di onnipotenza, dalla sindrome del balcone, che in questo Paese in passato ha già provocato tanti guai».

Così, al gruppo degli «avveduti», non resta che fare gli scongiuri. «A noi si rifugia nell'ironia Buffagni ci piace il brivido, giochi senza frontiere. Magari tireremo fuori un jolly». Ma, nella grande confusione che segue una trattativa condotta male, gli scontenti non sono solo loro. C'è l'economista della Lega, Claudio Borghi: «Noi è il suo rimprovero non dovevamo scendere sotto il 2,2% nel rapporto deficit/Pil, così poi avremmo potuto giocare sul consuntivo. Ma se partiamo, nei fatti, dal 2% la Commissione non ci darà quei margini». E c'è il viceministro dello Sviluppo, Dario Galli, che a questo punto con la commissione giocherebbe duro. «Se Bruxelles vuole il 2% - si infervora e non il 2,04, diamoglielo, dicendoci che ci fanno pena. Anche perché poi i conti si vedranno nel consuntivo che non arriverà prima del 2020. E a quel punto a Bruxelles non ci saranno personaggetti come Juncker, Moscovici, o quel Dombrovskis che fa la voce grossa quando rappresenta un Paese che dà appena 200 milioni alla Ue. No, nel 2020 ci sarà un'altra Europa e, magari, in Commissione ci sarà Salvini. Perché non abbiamo accettato l'1,9% che ci chiedeva la Ue e giocato la partita tutta sul consuntivo? Perché, come sull'immigrazione, Salvini doveva dimostrare alla gente del bar che sa fare la voce grossa con la Ue. E nelle urne il voto di un cliente del bar vale quello di Monti».

E già, tra i gialloverdi si parla di consuntivo, di Juncker che va ai giardinetti, di Salvini che approda in Commissione nel 2020 ma, paradossalmente, nessuno difende i numeri della manovra. Neanche loro ci credono. «Il problema spiega Cinzia Bonfrisco, approdata alla Lega in Senato ma con alle spalle 20 anni di esperienza in Commissione Bilancio è che con il 2,04% il reddito di cittadinanza e la Commissione gioca con noi come il gatto con il topo. Magari poi dirà anche di sì. Oppure Conte per far digerire a Salvini e Di Maio un altro passetto indietro minacciando le dimissioni».

Di certo, quell'accordo che il Mef ha annunciato e trova un Palazzo Chigi ancora prudente, non si farà sulla matematica. Magari ci saranno altre ragioni, promesse, opportunità. «Voglio vedere azzarda Guido Crosetto, altro veterano delle leggi di Bilancio che numeri daranno, perché con tutta la buona volontà non tornano. Per cui o il governo si rimangia ancora qualcosa; o riuscirà ad organizzare la stangata, per ricordare il celeberrimo film di Paul Newman, dando dei numeri ora per allargarli poi nel consuntivo. Ma sarebbe una stangata annunciata».

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 19/12/2018 - 08:32

se salvini si presta a questi giochetti, vuol dire che non ha capito NIENTE ! l'europa ci serve, anche se è da sistemare, ma ci serve. uscire è molto peggio che essere dentro ! se il vero obiettivo di salvini è quello di prendersi il posto di dittatore, allora ha sbagliato tattica: farebbe la fine di quel gallo che pensava di comandare un pollaio vuoto.... :-) e quando il pollaio è vuoto e c'è solo un gallo, prima o poi arriva il suo momento....

nopolcorrect

Mer, 19/12/2018 - 08:54

Comportamento ridicolo in tutta questa storia della manovra,anche da parte della Lega, spiace dirlo, dopo che Salvini si era guadagnato e si sta guadagnando tanti meriti col blocco dell'immigrazione illegale di massa e col decreto sicurezza.

cespugliando

Mer, 19/12/2018 - 08:55

Accordo fatto al 2,04 al posto di 2,4. Illusione dei numeri, par di capire che gli zeri non contano, ma.....Poi quota 100 e reddito di cittadinanza partono, anche se ritardano di qualche mese. Bene, si vedrà. Ma quanti sono i beneficiari? Per il reddito di cittadinanza, si dice che la platea possa arrivare a 5 milioni. Se è vero, facciamo un po' di conti: 5 milioni x 780 euro x 12 mesi fanno 46.800.000.000. Se poi si vuol dare la tredicesima, il conto aumenta ancora e questa volta gli zeri contano per davvero. E le risorse, sono tante?

FrancoM

Mer, 19/12/2018 - 09:18

Forse Minzolini pensa che Giorgetti sia come lui, applicare all'italiana le regole, come quando era in RAI. Anche come giornalista non si smetisce, virgoletta cose che non può dimostrare.

schiacciarayban

Mer, 19/12/2018 - 09:20

Insomma facciamo la solita figura degli Italiani peracottari furbetti del quartierino, in Europa sanno già che cercheremo di fare i furbi interpretando i numeri come piace a Di Maio e Slvini, ma ormai ci trattano come dei poveretti.

gstrazz46

Mer, 19/12/2018 - 09:23

Scusate, va bene fare opposizione, ma un po’ di amor patrio non guasterebbe. Perché continuare a sputtanare il proprio Paese e dare filo alla burocrazia di Bruxelles? Credo che succeda solo in Italia. Per quanto riguarda le pensioni, nessuno ricorda che il berlusca aveva promesso di portare le minime a 1000 euro; qualcuno mi sa calcolare quale sarebbe stato il costo?

xgerico

Mer, 19/12/2018 - 09:24

@-cespugliando-Mer, 19/12/2018 - 08:55 Il reddito di cittadinanza spetta a chi non arriva alla soglia dei 780 Euro Esempio non lavoro 780 per tot anni a certe condizioni. Prendo una pensione di 770 Euro, mi spettano 10 Euro in più!

ferdinando55

Mer, 19/12/2018 - 09:28

Da ex elettore della Lega non posso che sperare in Giorgetti - che pare essere ormai l'unico soggetto della ciurma dotato di lucidità. Speriamo davvero che egli induca il "capitano" (ormai nella più totale confusione mentale) a ragionare su di un principio imprescindibile: CHE C'AZZECCA LA LEGA CON IL M5S??? Quanto alla manovra...è la più grossa presa per i fondelli del popolo italico che la storia ricordi! a cominciare dalla furbata 2,4/2,04, ideata da un ex Grande Fratello, e destinata volutamente a creare confusione nel popolino beota. Un'autentica guitteria da presentatore di balera, o se preferite, da illusionista da avanspettacolo (ma mago Forest, così come "Silvano il mago di Milano" e altri personaggi di Zelig, saprebbero fare meglio).

FrancoM

Mer, 19/12/2018 - 09:31

Cespugliando, si documenti un pochino, secondo ISTAT ci sono (2017) 5 milioni e 58 mila individui in 1 milione 778 mila famiglie residenti. Il livello di povertà è se non si raggiunge un reddito definito per regione. Il reddito di cittadinanza non viene erogato in aggiunta a quanto percepito e non a tutti i membri della famiglia. Supponendo una media di 350 euro a famiglia si arriva a circa 7,5 miliardi.

Norberth

Mer, 19/12/2018 - 09:41

Ma quale furbata .... questi ci stanno prendendo in giro. Sono uguali a chi li ha preceduti e obbediscono al diktat degli euroinomani di Bruxelles! Ditemi allora dove sta la differenza. La mia analisi è che a questo punto solo una presa di potere "manu militari" potrà restituire all'Italia la perduta Sovranità. Diversamente "sarà Grecia". Il Debito inventato infatti, secondo il progetto perverso dei Cannibali, non potrà e NON DOVRA' essere mai sanato.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Mer, 19/12/2018 - 09:51

Caro Minzolini, l'unica cosa chiara all'uomo della strada e che la UE si è tirata la zappa sui piedi. Non si può fare le pulci alla manovra, cioè al governo, cioè agli elettori gli hanno dato i voti perché questi non piacciono agli eurocrati che vogliono piegare la volontà del popolo con lo spread o con i "mercati" che dovrebbero insegnare sanno solo loro cosa. Il punto è che con la manovra francese attuale è impossibile sanzionare oggi l'Italia. E chi ci fa una brutta figura non è certo il governo ma gli eurocrati e tutti coloro che nel paese gridano "più Europa" !

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mer, 19/12/2018 - 09:53

Nessun accordo "all'italiana", questo lo facevano gli imbelli esponenti delle passate democrazie panciafichiste. A dimostrazione del CAMBIAMENTO riporto alcune storiche frasi del CAPITANO: "non arretreremo di un millimetro", "tanti nemici tanto onore", "Per la prima volta si assiste a un tentativo di assedio economico da parte della più grandiosa coalizione di Stati (18, n.d.r.) che si ricordi: si vuole affamare un popolo intero, co’ suoi vecchi, colle sue donne, co’ suoi fanciulli.", "le letterine a chi? A Babbo Natale!", "con gli ubriaconi non tratto". Con un simile CAPITANO spezzeremo le reni all'Europa, altro che "accordi all'italiana".

xgerico

Mer, 19/12/2018 - 09:58

@ferdinando55-Mer, 19/12/2018 - 09:28 Azzo pè a lei la geopolitica fantasiosa gli fa un baffo!

Darbula

Mer, 19/12/2018 - 10:01

Ma quanto sono bravi certi giornalai a dare addosso al governo, qualsiasi cosa faccia... con la risatina sotto i baffi che denota solo stupidità. Smettetela di fare da altoparlante ai capricci del padrone e mettetevi dalla parte degli Italiani.

roberto zanella

Mer, 19/12/2018 - 10:03

A Minzolì...che te serve ? Quello che hanno fatto sempre quelli del PD e Berlusconi-Tremonti...non facciamo le verginelle arcoriane...e soprattutto non raccontiamoci balle tra chi è più eroe tra gli eroi....

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mer, 19/12/2018 - 10:05

Dopo una sbandata iniziale lo SPREAD ha invertito la rotta e ripreso a salire con continuità. Buon segno, Salvini ha ragione come sempre, nessuno crede all'accordo, noi lo spread lo mangiamo a colazione, abbiamo fame, ne vogliamo tanto!

greg

Mer, 19/12/2018 - 10:05

""E nelle urne il voto di un cliente del bar vale quello di Monti"". Un momento, non scherziamo, gli piacerebbe, a Mari o Monti, avere il valore intrinseco di un cliente del bar, anche il più scalcinato. Monti è un soldo bucato!!

GioZ

Mer, 19/12/2018 - 10:05

Io ho solo una speranza: che terminati tutti questi giochetti, a giugno avremo un Parlamento Europeo di Destra. A quel punto un bel referendum sull'Italexit (per carità, solo consultivo, giusto per sapere il parere dei cittadini italiani, quelli che votano e che pagano). Poi, avuto l'85% o più di voti a favore, si avvia la procedura per uscire dalla gabbia EU. Potremo stamparci la nostra moneta, decidere della nostra economia, e strafottercene di Bruxelles. Ovviamente i sinistroidi saranno contrari, ma non i loro figli, oggi sciagurate vittime di un futuro da schiavi. E, dulcis in fundo, la Germania non saprà più chi sfruttare.

Ritratto di lucabilly

lucabilly

Mer, 19/12/2018 - 10:10

Minzolini come schicciarayban, due personaggi squallidi.

luigirossi

Mer, 19/12/2018 - 10:21

Raggirare la banda UE è SACRO DOVERE DELLA PATRIA.Questa è una guerra,che la Grecia ha rovinosamente perduto,del Nord contro il Sud Europa.Ma con noi finira' diversamente

Nick2

Mer, 19/12/2018 - 10:22

Alla fine il rapporto deficit /PIL dal 2,04 (in fase di previsioni i centesimi di punto sono una buffonata!) supererà il 3%, in primo luogo perché le poche coperture sono fantasiose, poi perché l’anno prossimo non avremo una crescita dell’1,5%, ma nemmeno dell’1 o dello 0,9%. Il 2019 sarà di recessione per l’Europa, e di dura recessione per l’Italia. Gli indicatori sono evidenti: dazi, crisi dell’automotive e dell’acciaio in Cina, crollo del prezzo del petrolio, Brexit, rafforzamento degli euroscettici in UE, investitori stranieri che si allontanano dal nostro paese. Non so se il duo delle meraviglie si renda conto di cosa gli spetterà il prossimo anno. Temo che ne vedremo delle belle…

vale.1958

Mer, 19/12/2018 - 10:23

Considerando che si partiva per la manovra da uno 0,8 lasciato in eredita' da Gentiloni ed il PD avere chiuso, come sembra al 2% di deficit e' un grande successo per questo governo, ma grande grand. Poi era ed e' chiaro che faranno quello che vogliono alla,faccia di Moscovici e gli altri che oramai sono in scadenza come lo yougurt .A giugno non ci saranno piu' e sara' molto meglio!

schiacciarayban

Mer, 19/12/2018 - 10:37

Lucabilly 10:10 - Certo, con questo regime non sono contemplate opinioni che non seguono la linea gialloverde. E poi la verità fa male!

schiacciarayban

Mer, 19/12/2018 - 10:44

Ligirossi 10:21 - "Questa è una guerra,che la Grecia ha rovinosamente perduto..." Forse non hai capito, questa è una guerra che la Grecia ha vinto grazie all'Europa, per ammissione dello stesso Varoufakis. Se non ci fosse stata l'Europa, oggi la Grecia sarebbe un paese sottosviluppato, sovrano come piace a voi, ma sottosvluppato, con moneta pari a carta straccia. È questo che volete per l'Italia?

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mer, 19/12/2018 - 10:48

Sarebbe bello, ogni tanto, poter leggere qualche articolo di DIEGO FUSARO, al posto dei soliti tirapiedi pro-UE...

nopolcorrect

Mer, 19/12/2018 - 10:51

Qupta 100, reddito di cittadinanza e intanto non vengono ancora pagati ai supplenti gli stipendi di Ottobre, Novembre e Dicembre.

Nick2

Mer, 19/12/2018 - 10:54

Il fantastico mondo di GioZ...

Sabino GALLO

Mer, 19/12/2018 - 11:06

Mai avuto tanto caldo nel nostro paese! Anche nelle città dove , mediamente , non si superavano i - 15°C (quindici "sotto zero"!), per es. a Portofino !) , ora la temperatura arriva anche a - 5°C (sempre sottozero, per chi non legge i numeri!) ! Il caldo è terribile, non più sopportabile! A Roma si fa il possibile per salvarci da questo caldo maledetto del "riscaldamento globale o no" ! Neppure nelle città già calde da sempre : Bruxelles, Strasburgo, Berlino, ed anche ROMA ! Anzi, a Roma in particolare, malgrado gli sforzi di buona voloontà di tanti bravi! Ormai l'unica possibilità di trovare un pò di fresco è quella di emigrare in Svezia, in Norvegia, in Groenlandia, ecc.,dove la temperatura è ancora accettabile per lunghi periodi ( - 20°C primaverili!). Non possiamo bruciarci a Roma! A quelle temperature , i frigoriferi non ce la fanno più!

luigirossi

Mer, 19/12/2018 - 11:08

@SCHIACCIARAYBAN.Alle 11 di oggi 19 lo spread è sceso a 250.Avete perso,tutto qui.Poi potrete affermare che ci fermerete sul bagnasciuga,ma la verita'è che AVETE PERSO..

igiulp

Mer, 19/12/2018 - 11:19

Si può fare una statistica di quante ne ha dette il Minzo e quante ne ha indovinate?

Ritratto di spectrum

spectrum

Mer, 19/12/2018 - 11:21

Il problema incredibile e' di come FI si sia potuta alleare col PD. Ricordate quanto male il PD e i sui giudici abbiano fatto a Berlusconi ? Migliaia di comparse davanti ai giudici rossi, multe a rcs, pagamenti folli alla ex moglie. Statuette, etc, colpo di stato, e avrebbero gioito a vederlo morto. FI per orgoglio di e' alleata col demonio.

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 19/12/2018 - 11:29

----a me felpini ricorda tanto il personaggio di giandomenico fracchia--ruolo che fu di paolo villaggio -che prometteva sfracelli --e soprattutto di farsi rispettare dal capufficio gianni agus--con gli altri impiegati prometteva mari e monti e faceva il riccardo cuor di leone---ma appena veniva chiamato nell'ufficio del capo si squagliava come neve al sole---felpini in campagna elettorale aveva affermato che manco il limite del 3 per cento avrebbe rispettato--e che avrebbe compiuto una manovra monstre dal 3 e mezzo per cento a salire---e quelli di bruxelles sarebbero dovuti rimanere mutini e prenderne atto---abbiamo visto invece le braghe supercalate di chi erano---swag che pena

Ritratto di lucabilly

lucabilly

Mer, 19/12/2018 - 11:47

schiacciarayban sei un fallito di cervello ed altro. Chi ha perso qui? Io no di certo e non vedo un regime, semmai l'ho visto da Craxi in poi. Fatti un Morellino di Scansano per rinsavirti.

schiacciarayban

Mer, 19/12/2018 - 11:48

@luigirossi - Cosa vuol dire avete perso? Chi ha perso? Guarda che non è una partita di calcio. Ma che razza ti testa avete voi?

Duka

Mer, 19/12/2018 - 11:56

GOVERNO o ASILO INFANTILE??

schiacciarayban

Mer, 19/12/2018 - 11:57

Come disse qualcuno, è vero che non siamo andati a Bruxelles col cappello in mano... perchè col cappello in mano e le braghe calate insieme non si riesce!!!! Comunque grazie alle braghe calate lo spread sta scendendo.

greg

Mer, 19/12/2018 - 12:08

LUCABILLY - certo che ne hai del coraggio a dare del "fallito" agli altri. Come il bue che si da del cornuto

mozzafiato

Mer, 19/12/2018 - 12:10

FERDINANDO55 se tu hai mai votato Lega io continuo a votare (ora} per grasso e boldrini ! Anche tu come i tuoi soci che qui si fingono elettori delusi della Lega, trovi il tempo di scrivere qui nei momenti di pausa dei tuoi giochi con secchiello paletta e palline (di vetro) ! Possibile che non provate nessun senso di ridicolo nello scrivere qui le panzane che scrivete? Comunque, amico mio: OCCHIO AL NASO ! Se continui con le bugie fra un po non ti rigirerai nell'ascensore !

mozzafiato

Mer, 19/12/2018 - 12:22

NICK2 . Ogni volta che leggo le tue stupidaggini qui, mi si concretizza sempre di più' nella mente che tu ed ELPILR (EL BRIGADAS) siete kompagni di letto al collettivo autonomo amici di pol pot ! Il tuo demenziale post odierno, sembra una predizione di Giona (o ella maga Magoo se preferisci) ! L'esplosione della risata, comunque e'assicurata ! La previsione sullo situazione economica dell'Italia, proferita da un no global.... ragazzi E' UNA COSA DA PRENDERE TREMENDAMENTE IN CONSIDERAZIONE ! Vero Nick ?

agosvac

Mer, 19/12/2018 - 12:25

Se per questo, "non è necessario avere un Nobel in economia" per capire che la Francia di Macron non potrà mai arrivare dal 3,6% ai livelli normali in un solo anno e neanche in due: troppo sballata la situazione di una Francia che non ha dietro di sé neanche un debito privato basso né una solida situazione industriale!

schiacciarayban

Mer, 19/12/2018 - 12:28

Felpini mi ricorda quelli che dicono: "Tenetemi se no faccio uno sfracello!" però non c'è nessuno che lo sta tenendo! Un vero bullo di paese. Su Di Maio invece stendiamo un pietoso velo, sarebbe come sparare sulla Croce Rossa.

graffio2018

Mer, 19/12/2018 - 12:39

non è necessario avere un nobel in economia nemmeno per capire che l'austerità è un fallimento, e se non si riducono le tasse e si dà un pò di soldi da spendere alla gente, non si uscirà mai dalla crisi... ma alla fine è quello che la germania vuole

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 19/12/2018 - 12:43

Gli altri stati francia e germania in testa e dall’inizio che fregano....

Ritratto di lucabilly

lucabilly

Mer, 19/12/2018 - 12:51

greg, io guardo numeri e dati economici.

Manlio

Mer, 19/12/2018 - 12:54

Una volta tanto siamo stati "salvati" dalla Francia. Le condizioni economiche dei francesi sono tali da far prevedere la necessità per i commissari UE di dover chiudere non uno ma entrambi gli occhi. Ed allora meglio essere miopi già con l'Italia. Ma, andando al sodo, a parte l'Europa, ci stiamo infilando in una strada irta di pericoli. Perchè non pensiamo a fondo prima di votare ?

igiulp

Mer, 19/12/2018 - 13:16

@schiacciarayban - Temo che tu ti sia schiacciato qualcosa d'altro. Prova a guardarti sotto.

lorenzovan

Mer, 19/12/2018 - 13:20

@greg...vero...Monti..che abbia sbagliato o no colle sue misure economiche...ci ha salvato dalla troika alla greca... e' una persona per bene..ed e' istruito... questo ai descamisados non piace...a loro piacciono urli... insulti..bastonate e ubriacate

lorenzovan

Mer, 19/12/2018 - 13:24

quand'e' che si incomincia agovernare tagliando rami secchi e risparmiando sulle ruberie..invece di far spese elettorali a babbo morto e ad aumentare il debito pubblico ??? ma il "nuovo" non doveva fare questo??? sehhh come no...cambiano i suonatori ma la musica e' sempre la stessa..Pregogli haters di indirizzare a se stessi gli insulti e le accuse varie di sinistrismo..comunismo.e tutta la panoplia del perfetto bananas

mozzafiato

Mer, 19/12/2018 - 13:30

NOPOLCORRECT la tua lamentela mi fa venire in mente la tragica realtà PORVATA STATISTICAMENTE RELATIVA AL FATTO CHE IN ITALI C'E' UN SOVRANNUMERO IMPRESSINANTE DI INSEGANTI (PER ES. IL DOPPIO ESATTO DELLA GERMANIA) PERCENTUALMENTE PER ALUNNO ! Tutta la gente perbene sa che l'insegnamento pubblico ancora rappresenta un lavoro socialmente utile nel paese di pulcinella, MA OVVIAMENTE NESSUNO NE PARLA ! Voglio dire amico mio, che tu dovresti ringraziare ogni Santo per questa sconcertante realtà… anche se ogni tanto ti pagano lo stipendio in ritardo !

ginobernard

Mer, 19/12/2018 - 13:43

il problema è che i numeri parlano chiaro ... debito/PIL = 1.41 ... abbastanza un disastro ... e non si capisce come non possa peggiorare.

titina

Mer, 19/12/2018 - 13:49

ma non parlate di furbate: in Europa leggono i giornali.

mozzafiato

Mer, 19/12/2018 - 13:58

LORENZOVAN BANANONE ebbene si: i tempi cambiano e anche il prodotto del contenuto delle scatole craniche tipo la tua per esempio! Possibile che tu ti sia dimenticato degli scioperi proletari e delle predicazioni pepponiane del tutto a tutti, del 6 politico, dei trasporti gratis, degli immani privilegi (tutt'ora in essere) concessi alla classe operaia e altre cretinate del genere, ULULATE E RAGLIATE PER DECENNI DAL TUO PARTITO ? E ora vieni a grugnire circa la necessità di procedere al taglio dei rami secchi ! Ma mi faccia il piacere BABANONE !

Mborsa

Mer, 19/12/2018 - 14:03

Questa discussione per tre miliardi è una bufala: nell'arco di un anno possono cambiare tante cose, esterne alla UE, che uno scostamento minimo è scontato. La verità è che la Commissione se la tira per ragioni politiche e in Italia il PdR ha mancato di richiamare Juncker e la Commissione ha fare da parte terza e non da competitore elettorale.

Ritratto di ateius

ateius

Mer, 19/12/2018 - 14:09

@elkid il passaggio dal principio di Piacere al principio di Realtà è una fase indispensabile per la crescita.. individuale ma credo anche politica.-dubitavo che Salvini l'avesse mai attraversata, ma dal suo commento così ben circostanziato i miei dubbi sembrano svanire.

Libertà75

Mer, 19/12/2018 - 14:14

risultato ampiamente previsto mesi fa, avrebbero rivenduto i risparmi degli importi sovra stimati... Tuttavia, mi duole dire che pure stavolta i conti sono errati, ma stavolta non in eccesso da parte del Governo, ma in difetto. Le 2 manovre espansive dovrebbero arrivare a generare un incremento del pil tra 0,3 e 0,7. Quindi, teoricamente non è disprezzabile ipotizzare un aumento del PIL nel 2019 di 1,2%

Duka

Mer, 19/12/2018 - 14:39

Le "furbate" le fanno i furbi o gli pseudo furbi NON GLI INTELLIGENTI.

portuense

Mer, 19/12/2018 - 15:27

questo governo prima va a casa meglio è.... sono dilettanti e fanno solo assistenza come il precedente governo...bisogna creare lavoro, bisogna creare le condizioni per far si che le industrie investano...meno burocrazia meno tasse meno sindacalismo becero....solo cosi si evitano le delocalizzazioni e gli stranieri fanno investimenti.....e pensare che gli ho votati....

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 19/12/2018 - 15:45

Lorenzone carissimo 13e24. Forse Tu li in Portogallo non te ne sei accorto, ma i TAGLI sono iniziati gia da 6 mesi. A)100 MILA "risorse" in meno da MANTENERE!!! B) Diminuzione da 35 a 25 €uroo al giorno per i "signori" delle COOP che accolgono e che dicevano che rendono piu della droga!!! Se NON sono tagli questi dimmi Tu cosa sono!!! OBRIGADO.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 19/12/2018 - 16:21

@ferdinando55 Se non le piace l'accordo di governo Lega-m5s, DICA LEI quale altro governo le piacerebbe di più, stante l'attuale composizione delle camere! Nuove elezioni? Seeee, bravo! Lo convince lei il siculo piddino a farci tornare al voto? Un nuovo governo fondato sui mercenari traditori comprati da Berlusconi? Bella roba, e soprattutto affidabile! Un bel governo m5s-pd? Meglio il suicidio, a questo punto! No, la prego, dica lei quali alternative percorribili abbiamo oggi, 19 dicembre 2018! A tuonare dal pulpito siete tutti molto bravi, ma a proporre soluzioni già meno!

barnaby

Mer, 19/12/2018 - 16:25

Egr. Minzolini il suo articolo prolisso ha fatto esultare pure le zecche rosse. Pur di far del male a questo governo Silvio (che ho sempre votato tranne il 4 marzo '18)ha portato FI sulla stessa linea del pd. Ai vari lorenzovaf,scacciarayban,elkid,nick2,pravda,ecc.dico: siete su questo giornale perché, per ordine dell'organismo di propaganda e integrazione del vostro partito, dovete rieducare noi elettori di centrodestra fascisti e razzisti.Dovete rieducarci coi vostri modi garbati e con illuminati e sensati discorsi. Il vostro è una sorta di mestiere. Se foste vissuti nella DDR avreste lavorato per la Stasi come spie aprendo col vapore la posta di ignari cittadini o come cecchini in vedetta a sparare su coloro che cercavano la libertà tentando di scavalcare il muro di Berlino.Se foste vissuti qualche anno prima avreste lavorato per la ghestapo.

greg

Mer, 19/12/2018 - 16:53

LUCABILLY - ""io guardo numeri e dati economici."" Scusa, ma questa è una battuta che stai provando per uno spot comico su Di Peggio come ministro del lavoro..... di la verità....!