Gli uomini vanno, le pietre restano

Nessuno è più nobile dell'uomo che ama le pietre. È facile per molte anime sensibili coltivare la letteratura, studiare i dipinti, ascoltare ed eseguire le musiche più suadenti. Ma chi ama le pietre trova in esse l'anima segreta della terra. Nei palazzi veneziani del Quattrocento e del Cinquecento le strutture architettoniche in pietra d'Istria incorniciano specchi di pietra verde, rossa, arancione: sono dischi, riquadri di porfido di serpentino, fette di colonne, riposizionate a vivere in altre forme e altri corpi, in una continua transumanza da Roma, da Costantinopoli, da Aquileia, da Quarto d'Altino e forse anche da Efeso, da Corfù. Le pietre si spostano, si muovono da un edificio all'altro, da una città all'altra. Rinascono, non invecchiano e non muoiono mai. La storia dell'uomo è accompagnata dal movimento delle pietre.

Roma ritorna nel Rinascimento: le pietre sezionate, trasformate, riutilizzate, rilavorate raccontano di epoche e di storie lontane. Gli uomini se ne sono andati, le pietre restano. Così nelle diverse civiltà vengono consacrate.

La Chiesa si fonda sul nome di Pietro e ovunque in Europa gli altari includono frammenti di pietre provenienti da Roma dove il mondo cristiano ha la sua origine e il suo centro. Per questo nessuna pietra è più preziosa di una pietra trovata o proveniente da Roma, nessuna è più sacra.

Commenti

salvatore40

Gio, 07/06/2018 - 17:28

Questa esaltazione della Pietra Eterna non mi convince. Anche le pietre cadranno, cadono e sono cadute. Leopardi docet !

diesonne

Gio, 07/06/2018 - 17:35

diesonne le pietre cadono ma parlano sempre e si ricompongono

Ritratto di Pictures

Pictures

Gio, 07/06/2018 - 18:05

Two vast and trunkless legs of stone stand in the desert. . . .

Ritratto di Giano

Giano

Gio, 07/06/2018 - 18:48

Aspettiamo il prossimo pezzo. Su questo mettiamoci una pietra sopra.

asalvadore@gmail.com

Gio, 07/06/2018 - 19:04

Il suo messaggio é cosí oscuro che si svanisce nel nulla. Lasci stare San Pietro la cui posizione di discepolo prediletto non é riconosciuta dalla chiesa ortossa. E se dopo due millenni il messaggio cristiano non é stato premiato dal consenso mondiale é pure egli stesso diventato una pietra come un rudere della vecchia Roma.

Agev

Gio, 07/06/2018 - 20:31

Nella prima dimensione il minerale e l'acqua imparano la consapevolezza dal fuoco e dal vento . La Terra è un " entità " vivente ed è consapevole di tuttala vita vivente che ci vive. Trovo meravigliosa la tua poetica in onore alla pietra vivente che nelle diverse civiltà viene consacrata... Ti sei dimenticato dell'uomo che è vero che nelle diverse epoche se ne sono andati.. Ma sono sempre e comunque tutti ritornati .. Centinaia di volte a testimoniare le loro storie e creazioni... Solo che per il momento la quasi totalità non ne ha memoria e consapevolezza.. Questo è il tempo di ricordare e di essere/divenire consapevoli chi in realtà siamo . Con Affetto ... Gaetano

neucrate

Gio, 07/06/2018 - 20:40

Che effetto le fa sapere che Di Maio, quello che si è permesso di umiliarla alle scorse elezioni, è ministro, e lei invece è un zero assoluto, politicamente parlando

tombombadil

Gio, 07/06/2018 - 20:52

Resurrectio mortuorum Mysterium iniquitatis

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Gio, 07/06/2018 - 21:45

JOHN RUSKIN, 1819-1900, nelle -Pietre di Venezia- esalta la creatività del lavoratore delle pietre nelle architetture gotiche veneziane. E, Vittorio ne è involontario epigono, sicuramente di gran pregio. Ma, io personalmente mi sento chiamato in causa per l'amore particolarissimo che nutro per le pietre. Il mio giardino, un'area di 800 metri q è rivestito di sassi nelle tante colonne e murettini circonferenziali, da suggestionare per il loro 'storico' silenzio. Sono i sassi del mare, raccolti prima della creazione delle barriere antierosione che hanno seppellito autentiche miniere. Lavorati dal mare per centinaia di milioni di anni, ci consegnano le tante sezioni magmatiche costituite finemente lavorate dai primordi delle terre emerse. Nulla di più suggestivo. SEGUE

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Gio, 07/06/2018 - 21:47

2° -- Posseggo una raccolta di migliaia di cassette audio di Uomini e Profeti di Gabriella Caramore (mia divinità) dal 1993 più Orizzonti Cristiani di Radio Vaticana dagli anni 80, che con i loro pregevoli programmi di storia, filosofia, teologia, mi hanno accompagnato nel tempo da me impiegato a ricoprire col cemento ed i sassi. Ma conservo dappertutto sassi, persino in scatole di confezione di tortiglioni, o pappardelle, comodissime con la 'veletta' protettiva dalla polvere. Gettare via o calpestare i sassi lo vedo come un'offesa grave alla Creazione del mondo. Ma, nel libro di Vittorino Andreoli - Il silenzio delle pietre- non è stata spesa una sola parola sull'immensità delle pietre. -21,47 - 7.6.2018

apostata

Gio, 07/06/2018 - 23:12

maggiulli! maggiulli! ci risiamo! troppo emotivo!

mich123

Gio, 07/06/2018 - 23:17

Ci sono settemila fiction in tv. Non si può toglierne una e metterci Sgarbi a spiegare l'arte? O aspettate fra 50 anni quando non ci sarà più e direte in coro quanto era bravo?

skywalker

Ven, 08/06/2018 - 00:04

E' vero. Dopo che hai votato la fiducia al nuovo governo, te ne sei andato anche tu, ma fuori di testa e definitivamente.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Ven, 08/06/2018 - 09:32

nessuno è perfetto

Agev

Ven, 08/06/2018 - 11:10

Un saluto e forte abbraccio al caro amico Dario Maggiulli. Gaetano

apostata

Ven, 08/06/2018 - 11:35

peccato, lei ci è vicino ed è gentiluomo vero

Agev

Ven, 08/06/2018 - 19:51

apostata.. Tutto vero..Sono l'unico vero Gentilhomme..Così come lo intende l'Oltre-Uomo.. Sole Stella Vibrante Danzante Friedrich Nietzsche.. Un Principe/Signore/Rinascimentale/Cosmico .. Nei termini dei Primi Esseri della Razza Centrale un Sovrano Integrale. Tengo molto e sono vicino all'amico Dario Maggiulli.. La prima volta che ci siamo conosciuti vis à vis è più di duemila anni fa..Non eravamo e non stavamo vivendo una situazione idilliaca ma comunque altamente istruttiva. La seconda volta qualche anno fa attraverso l'Agorà di Marcello Veneziani .. Lo riconosciuto quasi subito.. Nel suo divenire ricorderà .. Comprenderà la sua naturale personale evoluzione nel tempo lineare e questo lo trasmuterà-trasformerà nel Sovrano Integrale che E'.. E chi in realtà - Io Sono - Con Affetto .. Gaetano

Agev

Lun, 11/06/2018 - 08:08

Nel silenzio , assenza di scopo e vuotezza di voi, esiste ogni cosa. E dunque, non è questo che gli umani temono di più? Il centro di chi voi siete, dove vive il vuoto, non è questo che temete? Direi che questa è l'origine della stessa paura.. La paura della paura. Non è un ironia che la Sovranità Integrale, che è ciò che meglio vi definisce: sia da voi temuta? Perché pensate che sia così? Perché dovreste temere il silenzio silente e il vuoto e la vuotezza che voi siete? Perché dovreste rifiutarvi di guardare attraverso il portale del vostro strumento umano e di percepire senza la presenza della mente? Avete paura del punto-di-silenzio in cui vivete perché siete stati programmati dal Sistema Mente Umana che accettate come verità Il silenzio silente e il vuoto non è la morte e non esistenza.. E' semplicemente la morte e la non esistenza della mente. E la mente(SMU)è ciò che siete giunti a credere di essere.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Lun, 11/06/2018 - 22:50

Gaetano caro, le tue esternazioni sono troppo difficili da sbrogliare. Ogni parola, ogni rigo dei tuoi scritti richiederebbero maggiori esplicazioni, trascinandoci così in un confronto d'idee faticosissimo, comunque estraneo allo spazio ed al carattere di questo sito. Sono certo che questo è il pensiero di quanti ti leggono. Come pure della simpatica accoglienza che tutti ti riserviamo. Con affetto. -22,50 - 11.6.2018

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Mar, 12/06/2018 - 09:34

Gaetano caro, le tue esternazioni sono troppo difficili da sbrogliare. Ogni parola, ogni rigo dei tuoi scritti richiederebbero maggiori esplicazioni, trascinandoci così in un confronto d'idee faticosissimo, comunque estraneo allo spazio ed al carattere di questo sito. Sono certo che questo è il pensiero di quanti ti leggono. Come pure della simpatica accoglienza che tutti ti riserviamo. Con affetto. -22,49 - 11.6.2018

Agev

Ven, 15/06/2018 - 13:01

Io/Noi siamo come/quel che siamo ... Grazie e un forte abbraccio all'amico Dario Maggiulli. Gaetano