Urbino, due universitari morti in casa per intossicazione da monossido

Un'anziana è stata ricoverata all'ospedale di Urbino: la fuga di gas proveniente con ogni probabilità da una caldaia mal funzionante

Orrore ad Urbino, dove questa mattina poco dopo le 11 due studenti universitari sono stati ritrovati morti all'interno del loro appartamento in pieno centro storico. Probabilmente i due - un ragazzo belga e una ragazza locale, trovati esanimi in camera da letto - hanno perso la vita dopo essere rimasti intossicati dal monossido di carbonio.

A scoprire i corpi i Vigili del Fuoco, intervenuti per la segnalazione dei parenti di un'anziana che non rispondeva al citofono ina via delle Spallacce e che effettivamente è stata trovata svenuta in casa e quindi portata all'ospedale di Urbino.

La donna di 76 anni avrebbe inalato il gas proveniente da una caldaia nell'appartamento dei due studenti, che abitavano nella casa sotto la sua, racconta il Corriere Adriatico. Secondo il medico legale i due sarebbero morti intorno alla mezzanotte di lunedì.

Sul posto sono presenti i carabinieri e la polizia locale per le rilevazioni del caso, insieme ai Vigili del Fuoco.

Commenti

lorenzovan

Lun, 17/10/2016 - 18:53

ma che universitari e ragazzi,,,lui ha 47 anni ...lei 50