Usa, il killer Charles Manson è malato: uccise la moglie di Polanski

L'uomo è stato condannato all'ergastolo per aver commesso sette omicidi. Nel 1969 ha sconvolto Hollywood e gli Stati Uniti per la cosiddetta "strage di Bel Air"

Il serial killer Charles Manson, oggi 82enne, è gravemente malato. A riferire la notizia è stato il Los Angeles Times.

L'uomo è potuto così uscire dal carcere californiano di Corcoran, dove sta scontando l'ergastolo per i suoi omicidi, per essere trasportato in ospedale. Il quotidiano ha citato "due persone che hanno familiarità con la situazione", non facendo tuttavia riferimento a quale grave malattia abbia causato il ricovero di Manson.

Anche il dipartimento carcerario della California non ha rivelato i dettagli sulla salute del serial killer per motivi legali, ma ha detto che "è vivo", rifiutando invece di commentare il suo presunto trasferimento in un ospedale per motivi di sicurezza.

Manson, in carcere dal 1971, è noto per aver sconvolto Hollywood e gli Stati Uniti nell'agosto del 1969 per la cosiddetta "strage di Bel Air" quando lui e i suoi seguaci, conosciuti come "la famiglia Manson", massacrarono sette persone.Tra le vittime anche l'attrice Sharon Tate, all'epoca in attesa di un figlio del regista Roman Polanski. Gli assassini utilizzarono il sangue delle vittime per scrivere messaggi sui muri dicendo di aver seguito le istruzioni ascoltate nella canzone dei Beatles "Helter Skelter".

Fino ad oggi l'autore della "strage di Bel Air" si è visto negare per ben dodici volte l'istanza di libertà vigilata. La prossima udienza per presentare una nuova richiesta è stata fissata nel 2027, quando Manson avrà 92 anni.

Commenti
Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Mer, 04/01/2017 - 13:48

Questa notizia rattrista. Veramente. Rattrista nel seguente senso: la vicenda di questo individuo pluriassassino è emblematica di che cosa significhi 'ergastolo'. Attraverso la vicenda di costui il concetto di 'ergastolo' acquisisce il suo vero e nobile significato: rimanere in carcere fino a quando non sopraggiunga la morte in maniera naturale. Ed anche la pietà, eventualmente concessa, diventa un concetto grandioso che si spinge molto al di là della limitata valenza o addirittura insignificanza che si è soliti dare qui in Italia. Insomma in Europa in generale e in Italia in particolare avrebbero molto da imparare. Un tipo simile, in Italia, dopo 10 anni avrebbe già usufruito di permessi premio. Ovviamente l'eventuale morte di questo assassino rattristerebbe ma solo perché verrebbe a mancare improvvisamente l'esempio illuminante di cui ho scritto sopra. Ma si confida che negli Usa esistano altri casi di ergastolani di vecchissima data.

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Mer, 04/01/2017 - 14:23

Manson non uccise Sharon Tate per il banale motivo che non era sulla scena del delitto . Furono i membri della sua banda a commettere la strage.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 04/01/2017 - 14:33

In italia sarebbe già stato scarcerato da anni.

emigrante

Mer, 04/01/2017 - 15:06

Signor gianniverde: e, come pietosamente Lei ha evitato di aggiungere, ne avrebbe accoppati altri 14.

giovinap

Mer, 04/01/2017 - 15:37

manson , il grande errore della tua vita è stato quello di nascere negli usa e non in italia dove la gisustizia è apparente e di facciata e poi basta dichiararsi di sinistra e tutto si aggiusta .

bobo55

Mer, 04/01/2017 - 16:16

@gianniverde ha ragione..sarebbe stato scarcerato....diventato un divo....scritto un libro....invitato nelle trasmissioni televisive.... fotografato su tutti i giornali di gossip.... ha sbagliato nazione ..... se l'avesse saputo avrebbe chiesto all'Italia lo status di rifugiato politico.

pinux3

Mer, 04/01/2017 - 19:10

@bobo...Più o meno quello che è successo a Berlusconi...

roberto.morici

Mer, 04/01/2017 - 19:12

In Italia c'e gente condannata a quattro ergastoli, che vanta due o tre evasioni dal carcere, e gode di regolari...licenze premio. Ma dalle nostre parti vige la legge del "Nessuno tocchi Caino" e chi se ne frega di Abele.

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Mer, 04/01/2017 - 19:38

Ma, ancora campa 'sto tizio? Vabbe' che se ne vanno i migliori, però .....

baronemanfredri...

Gio, 05/01/2017 - 08:54

DIRE ERGASTOLO IN ITALIA SIGNIFICA DOPO POCHISSIMI ANNI ESCE LIBERO E RIVERITO IN AMERICO SIGNIFICA USCIRE CON I PIEDI IN AVANTI

Ritratto di luigin54

luigin54

Gio, 05/01/2017 - 08:56

E cchi se ne frega ?????

rossini

Gio, 05/01/2017 - 09:43

Paese civile l'America. Questo qui sta in galera dal 1971 e si è visto negare per 12 volte la libertà vigilata. In Italia starebbe in libertà da vent'anni e la libertà vigilata sarebbe stata concessa dopo la prima istanza. In Italia andrebbe in giro per le università a tenere conferenze e lezioni, magari commentando l'immancabile libro di memorie pubblicato.

Ritratto di franco.a.trier_DE

franco.a.trier_DE

Gio, 05/01/2017 - 10:16

se fosse stato catturato in Germania già dal 1969 si sarebbe suicidato in cella, quanti soldi risparmiati ...

Ritratto di franco.a.trier_DE

franco.a.trier_DE

Gio, 05/01/2017 - 10:17

all' ergastolo in USA poi la stessa polizia ammazza per la strada un ragazzo nero...perchè non si ferma al semaforo...

antonpaco

Dom, 11/06/2017 - 17:38

Manson e' stato il mandante degli omicidi commessi da un gruppo di ragazzi da lui plasmati. In Italia se la sarebbe cavata con qualche annetto di prigione, poi tra buona condotta, indulti e permessi, sarebbe uscito, ne avrebbe fatti la meta'. In USA non funziona cosi', chi sbaglia paga, e paga davvero, in Italia i criminali rischiano poco, mentre alle persone per bene non e' neanche permesso difendersi in casa propria, ma che paese siamo?